**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Più memoria con gli omega-3, il DHA migliora la trasmissione dell'impulso nervoso

Ci sono 0 commenti

Svelati i meccanismi attraverso cui il DHA (acido docosaesaenoico) protegge la memoria: questo acido grasso omega-3 si accumula nell'ippocampo, regione del cervello coinvolta proprio nella memoria, dove è associato ad un aumento della trasmissione dell'impulso nervoso. Arricchire la propria dieta di questo nutriente, sia mangiando il pesce che ne è ricco, sia assumendo integratori di omega-3, potrebbe aiutare a proteggere il cervello durante l'invecchiamento.

Omega 3 DHA migliora la memoria L'omega 3 DHA migliora la potenza dell'impulso nervoso

Ad arrivare a queste conclusioni sono stati i ricercatori dell'University of Alberta di Edmonton (Canada), grazie ad uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Applied Physiology.ivare a queste conclusioni sono stati i ricercatori dell'University of Alberta di Edmonton (Canada), grazie ad uno studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Applied Physiology.

Omega 3 amici del cervello
Numerosi studi hanno evidenziato i benefici per il cervello derivanti dal consumo di pesce come il salmone, il tonno e le sardine.

Alla base di queste azioni positive ci sono gli omega-3, acidi grassi di cui questi pesci sono ricchi. Fra questi il più importante per il cervello è proprio il DHA.

Mentre, infatti, l'altro acido grasso omega-3 l'EPA, o acido eicosapentaenoico, è, in genere, associato alla riduzione del rischio di malattie coronariche, dei livelli di trigliceridi, della pressione sanguigna e dell'infiammazione, il DHA è stato più spesso associato al funzionamento del cervello.

Non solo, questo omega-3 è importante anche per lo sviluppo del sistema nervoso e della vista.

Un recente studio ha dimostrato che le persone con più bassi livelli di DHA ha un cervello più piccolo e ottiene risultati peggiori in test sulla memoria visiva, sulla capacità di risolvere problemi e su altre capacità cognitive.

Tuttavia, prima della pubblicazione dello studio dei ricercatori canadesi nessuno era riuscito a formulare un'ipotesi sui meccanismi alla base dell'azione di questo nutriente.

Cervello più veloce

Gli autori della ricerca hanno condotto degli esperimenti sui topi. Dopo averli alimentati con un mangime ricco di DHA, hanno analizzato le quantità dell'omega-3 presenti nel cervello.

I dati raccolti hanno dimostrato l'accumulo del DHA nei tessuti dell'ippocampo.

Rispetto a topi che avevano ricevuto un mangime standard, quelli che hanno ricevuto i pasti arricchiti erano caratterizzati da concentrazioni di DHA in questa zona del cervello superiori del 29% circa.

Il passo successivo è stato verificare la velocità di trasmissione dell'impulso nervoso sottoponendo l'ippocampo ad una stimolazione elettrica.

Gli esperimenti condotti hanno svelato che le sinapsi (i punti che consentono il passaggio dell'impulso nervoso) dei neuroni dei topi alimentati con DHA funzionavano più di quanto osservato negli altri animali.

Gli omega-3 migliorano la comunicazione

Questi risultati hanno permesso ai ricercatori di concludere che in presenza di elevate concentrazioni di DHA le cellule della memoria presenti nell'ippocampo comunicano meglio fra di loro e trasmettono meglio i messaggi.

Secondo gli esperti questo fenomeno può spiegare perché un'alimentazione ricca di DHA migliora la memoria.

Non solo, dato che il DHA introdotto con l'alimentazione di accumula nel cervello, mangiare più pesce o assumere supplementi di Omega-3 potrebbe contrastare la riduzione dei livelli di questa preziosa molecola durante l'invecchiamento.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli Omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.

 

Fonte

Connor S, Tenorio G, Clandinin MT, Sauvé Y, “DHA supplementation enhances high-frequency, stimulation-induced synaptic transmission in mouse hippocampus”, Appl Physiol Nutr Metab. 2012 Oct;37(5):880-7. doi: 10.1139/h2012-062

 


Articolo pubblicato in Alimentazione, Antinvecchiamento, Sistema nervoso, Demenza ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi