**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Disturbi ADHD

  • Quale integratore può ridurre l'acne in una donna di 30 anni?

    Gentile Milena, gli Omega-3 aiutano a mantenere la pelle in salute, soprattutto nel caso di patologie in cui la secrezione del sebo è alterata, come nel caso dell’acne. Per migliorare il suo problema le consiglio di integrare l’alimentazione con due prodotti: Omegor Antiage e Omegor TwinEFA. Omegor Antiage è un integratore alimentare a base degli Omega-3 EPA e DHA e dell’ Omega-6 acido gamma-linolenico (GLA) da  olio di borragine; esso inoltre contiene curcumina, resveratrolo, vitamina E, vitamina B12, acido lipoico e coenzima Q10. L’olio di borragine, estratto dai semi di una pianta, la Borago officinalis, è ricco di GLA che facilita il trofismo cutaneo; gli estratti di Curcuma longa e di Polygonum cuspidatum contengono, rispettivamente, Curcumina e Resveratrolo, due sostanze dalle spiccate proprietà antiossidanti. Anche la vitamina E, l’acido lipoico e il coenzima Q 10 grazie alla loro capacità di contrastare i radicali liberi rendono questo integratore particolarmente adatto a contrastare lo stress ossidativo e l’invecchiamento cutaneo. Omegor TwinEFA è un integratore alimentare che contiene elevate quantità di EPA e DHA e di GLA, un’associazione che garantisce un notevole effetto antinfiammatorio utile a contrastare le lesioni del’acne, dovute proprio all’infiammazione batterica dei follicoli pilo sebacei. L’attività antinfiammatoria associata a quella antiossidante potrà favorire il trofismo cutaneo e migliorare i sintomi della patologia. Per sapere qualcosa in più sugli effetti delle sostanze descritte sull’acne le consiglio di leggere questo articolo pubblicato sul nostro Blog: https://www.omegor.com/blog-omega-3/omega-3-pelle/omega-3-acne/acne-giovanile-i-supplementi-omega-3-omega-6-riducono-lesioni-cutanee/. Le consiglio inoltre di seguire una dieta equilibrata, ricca di frutta e verdura e di consumare, se le è possibile, almeno due porzioni di pesce a settimana. Cordiali saluti Silvia Lisciani Ph.D. Biologa nutrizionista


  • Deficit di attenzione, quale prodotto per un bambino di 10 anni?

    Gentile Tatiana, se anche il suo pediatra è d’accordo, il prodotto più indicato per il suo bambino è VitaDHA in fiale monodose, un integratore ricco di olio di pesce di altissima qualità. In ogni fiala ci sono infatti circa 2000 milligrammi totali di omega-3, di cui: 1450 mg di DHA 330 mg di EPA Come potrà leggere anche nel nostro blog (https://www.omegor.com/blog-omega-3/omega-3-neonati-infanzia-bambini/migliorare-lettura-scrittura-adhd-omega-3/), diversi studi hanno riportato come gli omega-3 siano in grado di migliorare i sintomi legati a deficit della memoria e della capacità di attenzione come una carenza di DHA nella dieta può essere correlata al calo dell’attenzione e delle capacità di apprendimento. Il DHA, infatti, svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello, del sistema visivo, e nel mantenimento della loro funzionalità, essendo il componente principale delle membrane cellulari dei neuroni a cui conferisce la fluidità necessaria per crescere, connettersi con le altre cellule, e trasmettere i segnali nervosi. VitaDHA liquido ha un sapore gradevole e può essere consumato direttamente o aggiunto a bevande, yogurt, frullati, succhi e spremute. Le consiglio 1 fiala a giorni alterni per una o due settimane e poi di 1 fiala al giorno. Le ricordo di non considerare gli integratori alimentari come una terapia, ma solo come un supporto nutrizionale. Cordiali saluti Silvia Lisciani Ph.D. Biologa nutrizionista


  • ADHD: quale prodotto per un ragazzo di 11 anni?

    Gentile Luigi, il mio consiglio è di valutare, insieme al medico che segue il ragazzo, l’integrazione con supplementi a base di DHA. Spesso, infatti, i ragazzi colpiti da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) mostrano una carenza dell'omega­-3 DHA nel sangue, e, secondo alcuni recenti studi (https://www.omegor.com/blog-omega-3/omega-3-neonati-infanzia-bambini/omega-3-disturbi-apprendimento-adhd/deficit-attenzione-iperattivita-aiuto-epa-dha/), il trattamento con questo acido grasso può migliorare i sintomi tipici dell'ADHD. In ogni caso le raccomando di non considerare gli integratori alimentari come una terapia, ma solo come un supporto nutrizionale. Il prodotto più indicato in questo caso è VitaDHA liquido in bustine monodose, un integratore ricco di olio di pesce di altissima qualità. In ogni bustina ci sono infatti 1800 milligrammi totali di omega-3, di cui: 1250 mg di DHA 360 mg di EPA VitaDHA liquido ha un sapore neutro e gradevole quindi può essere facilmente consumato, direttamente o aggiunto a bevande, yogurt, frullati, succhi e spremute, etc. Il meccanismo con cui gli omega-3 sono in grado di migliorare i sintomi nei bambini e ragazzi iperattivi e con disturbi di concentrazione non è ancora ben noto, ma si pensa che essi possano agire direttamente sulle cellule cerebrali. Gli omega-3 infatti sono presenti nelle membrane dei neuroni, in particolare il DHA è un componente fondamentale delle membrane di queste cellule, e svolge un ruolo fondamentale nella trasmissione dei segnali nervosi. Numerose evidenze scientifiche suggeriscono che l’omega-3 DHA contribuisca al mantenimento delle normali funzioni cerebrali e visive con un’assunzione giornaliera di 250 mg. Cordiali saluti Silvia Lisciani Ph.D. Biologa nutrizionista


  • Comportamenti oppositivi e difficoltà a scuola. Quale integratore per una bimba?

    Gentile Anna Rita, Spesso i bambini con deficit di attenzione o disturbi comportamentali traggono beneficio dal consumo di DHA, un omega-3 presente in alte concentrazioni nelle membrane dei neuroni e che svolge importanti funzioni a livello del sistema nervoso e della retina. Il DHA contribuisce mantenere le normali funzioni cerebrali e visive, con un’assunzione giornaliera di almeno 250 milligrammi. Le consiglio, qualora il pediatra o lo specialista che segue la sua bambina sia d’accordo, un’integrazione con il prodotto VitaDHA. Si tratta di un integratore alimentare con elevate quantità di omega-3; ogni fiala, contiene ben 1450 milligrammi di DHA e 330 milligrammi di EPA. Il prodotto è a base di olio di pesce deodorizzato e aromatizzato al limone, particolarmente adatto ai bambini in quanto caratterizzato da un sapore neutro e gradevole. Le ricordo però che gli integratori alimentari non sono una terapia, ma vanno intesi come supporto nutrizionale. Cordiali saluti Silvia Lisciani Ph.D. Biologa nutrizionista


  • Ho un bambino con problemi di attenzione, quale integratore per lui?

    Gentile Isabella, come premessa generale le raccomando di considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti nutritivi e fisiologici che favoriscono il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. Sulla base di quanto da lei riportato, il prodotto VitaDHA in fiale monodose è il più indicato per il suo bambino, le raccomando però di chiedere il parere del pediatra o dello specialista. Di norma i bambini che presentano deficit di attenzione o iperattività trovano beneficio dal consumo del DHA, un omega-3 che svolge importanti funzioni strutturali a livello del sistema nervoso e della retina, come riportato anche a alcuni articoli pubblicati sul nostro blog: https://www.omegor.com/health-news/omega-3-neonati-infanzia-bambini/omega-3-disturbi-apprendimento-adhd/supplementi-di-omega-3-attenuano-sintomi-del-deficit-di-attenzione-e-iperattivita/ https://www.omegor.com/health-news/omega-3-neonati-infanzia-bambini/omega-3-disturbi-apprendimento-adhd/deficit-attenzione-iperattivita-aiuto-epa-dha/ Alcuni studi, inoltre, hanno dimostrato come spesso i bambini con questo genere di problematiche mostrino quantità scarse di DHA.  L’olio contenuto in VitaDHA può essere assunto tal quale dalla fiala stessa, o versato su un cucchiaino perché privo di odore/ sapore di pesce ed aromatizzato al limone, oppure può essere aggiunto a yogurt, formaggi spalmabili o frullati.Il dosaggio consigliato è di 1 fiala a giorni alterni per una o due settimane e poi di 1 fiala al giorno, per un periodo di almeno 2 mesi. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Bambini con ADHD, quale prodotto aiuta a ridurre il colesterolo?

    Gentile Maria Cristina, data l'età della bambina, per il controllo del colesterolo ritengo sia bene puntare su una dieta appropriata associata al movimento fisico. Per contrastare l’aumento del colesterolo oltre a ridurre i grassi e gli alimenti ad alto indice glicemico che, causando un rapido aumento della glicemia, inducono un rilascio di insulina che stimola la produzione di colesterolo da parte del fegato. Le consiglio quindi di limitare nell'alimentazione della sua bambina il consumo di carboidrati raffinati (pasta bianca, pane bianco, riso bianco, dolci) e preferire invece cereali integrali, frutta e verdura. Questi alimenti sono ricchi di fibre ed amidi a lento rilascio che vengono assorbiti lentamente e mantengono costanti i livelli di insulina. Come supporto nutrizionale in caso di ADHD e per migliorare il profilo lipidico le consiglio di valutare, in accordo con i medici che seguono sua figlia, la possibilità di utilizzare il prodotto VitaDHA liquido in fiale monodose. Spesso, infatti, i bambini colpiti da deficit di attenzione o iperattività mostrano una carenza dell'omega­-3 DHA, un acido grasso che svolge importantissime funzioni strutturali nel sistema nervoso e nella retina. Per questo di norma, i bambini con ADHD traggono beneficio dall'assunzione del DHA. Per quanto riguarda il dosaggio le consiglio di iniziare con 1 fiala di VitaDHA a giorni alterni, per un periodo di almeno 2 settimane e passare poi ad una fiala al giorno, prevedendo come durata dell'integrazione un periodo di almeno 2 mesi. Il prodotto può essere assunto tal quale dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino perché privo di odore/sapore di pesce ed aromatizzato al limone, oppure può essere aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati. Le consiglio di far visualizzare anche ai medici la scheda informativa del prodotto. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • ADHD, e se mio figlio ne soffrisse?

    Gentile Chiara, come premessa generale le raccomando di considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti esclusivamente nutritivi e fisiologici per favorire il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. Sulla base di quanto da lei descritto il VitaDHA in fiale monodose è il prodotto probabilmente più indicato per il suo bambino di 5 anni. Di norma nei bambini che presentano deficit di attenzione o iperattività trovano beneficio dall’assunzione dell’omega-3 DHA poiché spesso questi bambini sono più carenti in questo acido grasso con importantissime funzioni strutturali a livello del sistema nervoso e della retina. Da quanto ha detto non è stata fatta una diagnosi di ADHD, per cui, nel caso decidesse di iniziare un’integrazione con VitaDHA, le raccomando che questa integrazione venga intrapresa in accordo con il pediatra. Per il suo bambino può iniziare con il dosaggio di mezza fiala al giorno o una fiala a giorni alterni per le prime due settimane di integrazione e poi aumentare il dosaggio a 1 fiala al giorno prevedendo un’integrazione per un periodo di almeno 2 mesi. L’olio può essere assunto tal quale dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino perché è quasi privo di odore e di sapore di pesce ed è aromatizzato al limone. In alternativa può essere aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Iperattività, va bene VitaDHA a 8 anni?

    Gentile signora, per l'iperattività e per ogni altro disturbo, le raccomando di considerare gli integratori alimentari non come una terapia, ma come un supporto nutrizionale con effetti esclusivamente nutritivi e fisiologici, per favorire il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. Ciò detto, sulla base di quanto da lei descritto il VitaDHA in fiale monodose è il prodotto probabilmente più indicato per il suo bambino di 8 anni. Spesso i bambini che presentano deficit di attenzione o iperattività trovano beneficio nell’assunzione dell’omega-3 DHA. Infatti, è stato scientificamente osservato che è frequente che i bambini affetti da ADHD e iperattività siano carenti in questo acido grasso - il DHA - che riveste importantissime funzioni strutturali a livello del sistema nervoso e della retina. Eccole alcuni approfondimenti apparsi sul nostro blog: Deficit di attenzione e iperattività: un aiuto da omega-3 EPA e DHA L'Omega-3 DHA migliora le capacità di lettura e il comportamento dei bambini Nel caso decidesse di iniziare un’integrazione con VitaDHA - qui la scheda dell'integratore, da far visionare al medico - le raccomando che questa integrazione venga intrapresa in accordo con il parere del pediatra o dello specialista che segue l'iperattività del suo bambino. Per il bimbo le consiglio questa posologia: iniziare con 1 fiala a giorni alterni per un periodo di almeno 2 settimane; passare poi ad una fiala al giorno; prevedendo come durata dell'integrazione un periodo di almeno 2 mesi. L’olio può essere assunto tal quale dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino: è infatti privo di odore/sapore di pesce ed aromatizzato al limone. Ma può essere anche aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Dott.ssa Rosaria Ramondino farmacista e chimico farmaceutico


  • Iperattività e Twinefa, quale integratore è quello giusto?

    Gentile Milena, come premessa generale bisogna considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti esclusivamente nutritivi e fisiologici per favorire il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. L’assunzione di integratori alimentari di acidi grassi omega‐3 EPA e DHA è particolarmente indicata in caso  di un loro ridotto apporto con la dieta o di  aumentato fabbisogno. L'omega‐3 DHA è utile per mantenere le normali funzioni cerebrali e visive con un’assunzione giornaliera di almeno 250 mg al giorno. Vista l'iperattività, le raccomando di far seguire al suo bambino questa integrazione sempre in accordo con il parere del medico curante e le suggerisco di condividere con lui il recente   studio Oxford‐Durham su iperattività e disturbi del comportamento: Questo studio ha valutato l’integrazione con omega‐3 (EPA e DHA) e omega‐6 (GLA) in bambini affetti da disturbi del comportamento per 3 mesi. 117 bambini fra i 5 e i 12 anni di età affetti da disprassia, in seguito all'assunzione di un integratore a base di EPA, DHA e GLA hanno dimostrato un miglioramento statisticamente significativo nelle capacità comportamentali, di lettura e di pronuncia. Il  dosaggio utilizzato nello studio corrisponde a circa 2 perle di Omegor Twinefa al giorno da assumere prima di un pasto principale - colazione, pranzo o cena. Per tale dosaggio nello studio di cui sopra non sono stati rilevati effetti collaterali. Ci tengo a precisare però che solo il medico curante potrà valutare l’applicabilità o meno di questo tipo di integrazione alla situazione del suo bambino e all'iperattività che egli dimostra. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico  


  • Iperattività, quali benefici dagli omega-3?

    Gentile Nadia, sulla base di quanto da lei descritto, un prodotto che potrei consigliarle per il suo bambino di 9 anni è VitaDHA in fiale monodose. Va detto, però, che bisogna considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti esclusivamente nutritivi e fisiologici, utili per favorire il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. L’assunzione di integratori alimentari di acidi grassi omega‐3 EPA e DHA è particolarmente indicata in caso  di un loro ridotto apporto con la dieta o in caso di aumentato fabbisogno. L'omega‐3 DHA è utile per mantenere le normali funzioni cerebrali e visive con un’assunzione giornaliera di almeno 250 mg al giorno. Le suggerisco di condividere con il pediatra o lo specialista che segue il suo bambino lo studio che può leggere in originale qui. Leggi tutto l'articolo


Articoli da 1 a 10 di 15 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi