**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

VitaDHA

VitaDHA è l'integratore Omega-3 liquido ricco di DHA Plus, progettato per rinforzare la salute della madre e quella del bambino.

  • Non trovo VitaDHA per bambini, quale prodotto posso usare?

    Gentile Mariarosaria, il prodotto VitaDHA in confezione da 30 fiale monodose è disponibile presso i nostri magazzini poiché riforniamo tutti i principali grossisti. Per facilitare la ricerca da parte del farmacista le riporto di seguito il codice PARAF del prodotto: 925008637. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Gli omega-3 sono utili in caso di neuropatia periferica?

    Gentile Giovanni, in caso di neuropatie periferiche l'integrazione alimentare più raccomandata è sicuramente quella con acido alfa lipoico (ALA), per cui il mio consiglio è quello di consultarsi con il medico curante per iniziare un'integrazione con questa sostanza. L'acido alfa lipoico, per la sua attività antiossidante e neuroprotettiva è l’unico principio attivo di origine naturale raccomandato nel trattamento del dolore cronico in diversi tipi di neuropatie. All'integrazione alimentare con acido alfa lipoico può associare quella con gli acidi grassi omega-3 DHA e EPA, che è utile per diversi motivi: Gli omega-3 si trovano incorporati nelle membrane di tutte le cellule, comprese quelle del sistema nervoso centrale e periferico. All'interno delle membrane, gli omega-3 determinano alcune importanti funzioni dei neuroni stessi e regolano la trasduzione dei segnali nervosi. DHA ed EPA sono precursori di molecole, le "resolvine", che hanno un importante effetto immunomodulante e antinfiammatorio, sia a livello periferico che a livello del sistema nervoso centrale. Questo effetto permette di ridurre progressivamente il ricorso ai farmaci antinfiammatori utilizzati per la sintomatologia dolorosa. L’associazione del DHA con l’acido alfa lipoico aumenta l’assorbimento e l’efficacia dell’alfa lipoico rispetto all’assunzione singola dello stesso. Il prodotto della nostra linea che le consiglio di provare è VitaDHA 1000, al dosaggio di 2-3 capsule al giorno da assumere in corrispondenza di un pasto. Si tratta di un integratore alimentare a base di olio di pesce purificato e concentrato contenente soprattutto DHA. Ogni capsula apporta infatti 470 mg di DHA e 100 mg di EPA. In caso di difficoltà di deglutizione potrà optare per il prodotto VitaDHA liquido disponibile in fiale monodose da 6 g di olio di pesce aromatizzato al limone, in questo caso il dosaggio è di una fiala al giorno. Resto a disposizione per ulteriori necessità e le raccomando di informare il suo medico curante se deciderà di iniziare ad integrare con omega-3 soprattutto in caso di terapie farmacologiche concomitanti. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • In VitaDHA ci sono tracce di soia?

    Gentile Alessandro, In merito alla sua richiesta la informo che la soia viene indicata in etichetta come allergene in quanto la vitamina E presente nell'olio di pesce è estratta da soia certificata non OGM, anche se la soia come tale non è presente nel prodotto. Nelle prossime ristampe la soia non comparirà più tra gli allergeni perché, secondo i nuovi regolamenti europei, la Vitamina E naturale da soia non è un ingrediente con caratteristiche allergeniche. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Ho un bambino con problemi di attenzione, quale integratore per lui?

    Gentile Isabella, come premessa generale le raccomando di considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti nutritivi e fisiologici che favoriscono il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo. Sulla base di quanto da lei riportato, il prodotto VitaDHA in fiale monodose è il più indicato per il suo bambino, le raccomando però di chiedere il parere del pediatra o dello specialista. Di norma i bambini che presentano deficit di attenzione o iperattività trovano beneficio dal consumo del DHA, un omega-3 che svolge importanti funzioni strutturali a livello del sistema nervoso e della retina, come riportato anche a alcuni articoli pubblicati sul nostro blog: https://www.omegor.com/health-news/omega-3-neonati-infanzia-bambini/omega-3-disturbi-apprendimento-adhd/supplementi-di-omega-3-attenuano-sintomi-del-deficit-di-attenzione-e-iperattivita/ https://www.omegor.com/health-news/omega-3-neonati-infanzia-bambini/omega-3-disturbi-apprendimento-adhd/deficit-attenzione-iperattivita-aiuto-epa-dha/ Alcuni studi, inoltre, hanno dimostrato come spesso i bambini con questo genere di problematiche mostrino quantità scarse di DHA.  L’olio contenuto in VitaDHA può essere assunto tal quale dalla fiala stessa, o versato su un cucchiaino perché privo di odore/ sapore di pesce ed aromatizzato al limone, oppure può essere aggiunto a yogurt, formaggi spalmabili o frullati.Il dosaggio consigliato è di 1 fiala a giorni alterni per una o due settimane e poi di 1 fiala al giorno, per un periodo di almeno 2 mesi. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Quale omega-3 è consigliabile in caso di Alzheimer?

    Gentile Monica, ogni integrazione alimentare, soprattutto in presenza di una terapia farmacologica,  deve essere intrapresa in accordo con il medico curante o con lo specialista, posso quindi solo suggerirle integratori che possono essere un utile coadiuvanti da associare ai farmaci che sua zia assume. Dei due acidi grassi omega-3 che esercitano effetti positivi sul nostro organismo, l’EPA e il DHA, quest’ultimo è quello che riveste il ruolo più importante a livello del Sistema Nervoso Centrale. Il DHA è, infatti, un costituente delle membrane dei neuroni ed è essenziale per la loro corretta crescita e funzionalità. In associazione con l’EPA può inoltre esercitare un’azione antinfiammatoria, particolarmente importante in caso di patologie che hanno alla base l’infiammazione, come appunto la malattia di Alzheimer. Diversi studi hanno dimostrato che molte patologie del Sistema Nervoso sono associate ad alterazioni delle concentrazioni di omega-3; nel caso dei pazienti con Alzheimer si è osservato che i livelli di DHA sono più bassi rispetto a quelli dei soggetti sani. L’integrazione alimentare con omega-3, e in particolare con DHA, è in grado di ripristinare tali concentrazioni nel liquido cerebrospinale ed esercitare un effetto antinfiammatorio che, secondo alcuni ricercatori, è associato alla riduzione di una delle molecole segnale della malattia, detta proteina Tau iperfosforilata. Alcuni interessanti studi sull’argomento sono stati raccontati anche nel nostro blog: https://www.omegor.com/health-news/omega-3-sistema-nervoso/omega-3-alzheimer/alzheimer-sostanze-derivate-dagli-omega-3-aiutano-prevenirne-progressione/ ttps://www.omegor.com/health-news/antinvecchiamento/alzheimer/i-livelli-omega-3-correlati-grandezza-regione-cerebrale-coinvolta-flessibilita-cognitiva/ Sulla base di quanto scritto, le consiglio di valutare l'integrazione alimentare di sua zia con uno dei seguenti prodotti: VitaDHA liquido: un integratore ad elevato dosaggio di DHA, in fiale monodose da 6 grammi di olio di pesce deodorizzato e aromatizzato al limone. Ogni fiala apporta 1450 milligrammi di DHA e 330 milligrammi di EPA. L’olio può essere assunto tal quale o miscelato ad alimenti o bevande tiepide o fredde, come yogurt, frullati o succhi di frutta. Può assumere una fiala a giorni alterni per le prime settimane, e poi una fiala al giorno. Il periodo minimo di integrazione dovrebbe essere almeno di due mesi poi prolungabili, con le stesse modalità e sempre seguendo le indicazioni del medico. VitaDHA 1000: un integratore alimentare in capsule softgel contenenti 1 grammo di olio di pesce, ognuna delle quali apporta 470 milligrammi di DHA e 100 milligrammi di EPA. il prodotto offre un’alternativa al formato liquido. La dose che le suggerisco è di 2 capsule al giorno per le prime settimane, per poi passare a 3 capsule al giorno. Anche nel caso di VITADHA 1000 è preferibile un’integrazione di almeno 2 mesi per poi prolungarla, secondo le indicazioni del medico. L’integrazione alimentare con omega-3 è generalmente ben tollerata, l’unica controindicazione riguarda la contemporanea assunzione di farmaci anticoagulanti. Con questa associazione si potrebbe osservare un aumento dell’effetto anticoagulante. Le raccomando quindi di verificare con il medico curante, la terapia farmacologica seguita da sua zia prima di iniziare una integrazione con elevati dosaggi di omega-3. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Ritardo cognitivo lieve, quale integratore per un ragazzo di 11 anni?

    Gentile Flora, in accordo con il parere del medico curante, le consiglio di provare il prodotto VitaDHA liquido in fiale monodose. Si tratta di un integratore con elevate quantità dell’omega‐3 DHA, un acido grasso che si trova in alte concentrazioni nelle membrane delle cellule neuronali, dove svolge un importante ruolo strutturale che permette ai neuroni di comunicare più efficacemente tra loro. Il prodotto è disponibile in fiale monodose da 6 grammi di olio di pesce deodorizzato e aromatizzato al limone, particolarmente adatto ai bambini in quanto, se assunto tal quale, ha un sapore neutro e gradevole. In alternativa, VitaDHA può essere aggiunto a bevande, tiepide o fredde, yogurt alla frutta, frullati, formaggi spalmabili, succhi e spremute. La dose consigliata è di una fiala al giorno. Può eventualmente iniziare per le prime settimane con una fiala a giorni alterni e poi arrivare a regime. È bene che l’integrazione venga fatta per almeno 2 mesi e dopo, eventualmente, si possono alternare cicli di 2 mesi con 15/30 giorni di pausa. Le raccomando di iniziare l’integrazione in accordo con il medico che segue suo figlio, in modo da decidere in accordo con lui e con la terapia che suo figlio segue. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Bambini con ADHD, quale prodotto aiuta a ridurre il colesterolo?

    Gentile Maria Cristina, data l'età della bambina, per il controllo del colesterolo ritengo sia bene puntare su una dieta appropriata associata al movimento fisico. Per contrastare l’aumento del colesterolo oltre a ridurre i grassi e gli alimenti ad alto indice glicemico che, causando un rapido aumento della glicemia, inducono un rilascio di insulina che stimola la produzione di colesterolo da parte del fegato. Le consiglio quindi di limitare nell'alimentazione della sua bambina il consumo di carboidrati raffinati (pasta bianca, pane bianco, riso bianco, dolci) e preferire invece cereali integrali, frutta e verdura. Questi alimenti sono ricchi di fibre ed amidi a lento rilascio che vengono assorbiti lentamente e mantengono costanti i livelli di insulina. Come supporto nutrizionale in caso di ADHD e per migliorare il profilo lipidico le consiglio di valutare, in accordo con i medici che seguono sua figlia, la possibilità di utilizzare il prodotto VitaDHA liquido in fiale monodose. Spesso, infatti, i bambini colpiti da deficit di attenzione o iperattività mostrano una carenza dell'omega­-3 DHA, un acido grasso che svolge importantissime funzioni strutturali nel sistema nervoso e nella retina. Per questo di norma, i bambini con ADHD traggono beneficio dall'assunzione del DHA. Per quanto riguarda il dosaggio le consiglio di iniziare con 1 fiala di VitaDHA a giorni alterni, per un periodo di almeno 2 settimane e passare poi ad una fiala al giorno, prevedendo come durata dell'integrazione un periodo di almeno 2 mesi. Il prodotto può essere assunto tal quale dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino perché privo di odore/sapore di pesce ed aromatizzato al limone, oppure può essere aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati. Le consiglio di far visualizzare anche ai medici la scheda informativa del prodotto. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino Farmacista e Chimico Farmaceutico


  • Infiammazione cronica a 12 anni: quale omega-3?

    Gentile Katia, per intervenire nel processo di infiammazione cronica le consiglio di verificare insieme al pediatra o allo specialista la possibilità di integrare l’alimentazione del suo bambino con VitaDHA liquido: VitaDHA liquido è un integratore alimentare in fiale monodose a base di olio di pesce purificato di altissima qualità, che apporta un elevato dosaggio di omega‐3 DHA; l'introduzione di omega-3 con l'integrazione potrà favorire una potenziale regolazione a monte degli intermedi dell'infiammazione; potrebbe quindi aiutare anche a ridurre il processo flogistico - ossia il processo relativo all'infiammazione. In particolare, l’omega-3 DHA favorisce la produzione di resolvine, molecole endogene che hanno il compito di interrompere la risposta infiammatoria nel momento in cui questa non è più necessaria - e potrebbe quindi potenzialmente contribuire a una normalizzazione dello stato di infiammazione cronica. Il dosaggio consigliato per VitaDHA liquido è di 1 fiala al giorno da far assumere tal quale o aggiunto a yogurt alla frutta o alimenti e bevande tiepide o fredde. L'olio di pesce ivi contenuto è deodorizzato e aromatizzato al limone e ha un gusto assolutamente gradevole. Il periodo minimo di integrazione che le consiglio è di almeno 2‐3 mesi. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Rosaria Ramondino farmacista e chimico farmaceutico


  • Autismo: quale integratore per un bambino?

    Gentile signora, purtroppo non mi scrive l'età del suo bambino: le riporto perciò alcune indicazioni generali circa l'uso di omega‐3 nei bambini che soffrono di autismo e, più in generale, di disturbi dello spettro autistico (ASD). Innanzitutto, può l'omega-3 essere di aiuto in caso di autismo? Potenzialmente sì: i soggetti con disturbi dello spettro autistico presentano spesso un deficit di Omega‐3 a livello delle membrane cellulari; evidenze cliniche dimostrano che la reintroduzione con la dieta di tali nutrienti può portare ad una riduzione del comportamento aggressivo che spesso affligge l'autismo; il DHA è l'omega‐3 più presente a livello delle membrane cellulari del sistema nervoso: per questo è proprio il DHA l'omega-3 che preferibilmente bisogna integrare nei bambini con disturbi dello spettro autistico. Tra i nostri prodotti, VitaDHA liquido in fiale monodose è quello che contiene il più alto dosaggio di DHA per dose: ogni fiala da 6 g di olio aromatizzato apporta 1250 mg di DHA e 360 mg di EPA. Naturalmente è bene che questa integrazione alimentare venga previamente discussa e approvata dal medico curante o dallo specialista dell'autismo. La dose normalmente consigliata è di 1 fiala al giorno, prevedendo un’integrazione per un periodo di almeno 2 mesi. VitaDHA è prodotto utilizzando un olio di pesce molto puro e naturale, aromatizzato con olio essenziale di limone. Può essere assunto tal quale, dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino, perché privo di odore/sapore di pesce e dal gusto gradevole. Oppure può essere aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati. Le raccomando nuovamente che l’eventuale supplementazione con VitaDHA venga seguita in accordo con il medico specialista, così che egli possa verificare e misurare i progressi nel tempo stabilendo anche, in base a queste valutazioni, la durata dell’integrazione. Resto a disposizione per ulteriori domande o per eventuali chiarimenti. Cordiali saluti, Dott.ssa Rosaria Ramondino Farmacista e chimico farmaceutico


  • Calo di vista: quale integratore?

    Gentile signora, per il suo calo di vista consiglio un'integrazione alimentare di omega-3 DHA - che tra gli acidi grassi è quello potenzialmente più utile per favorire il mantenimento della normale funzione visiva e per preservare l'integrità delle strutture retiniche deputate alla vista diurna e notturna: coni e bastoncelli. Un prodotto che posso consigliarle per supportare la capacità e la salute della sua vista è il VITADHA 1000 in capsule da 1 grammo di olio, che apporta 470 mg di DHA e 100 mg di EPA per capsula. L'effetto benefico dell'assunzione di DHA sulla funzione visiva si ottiene con l'assunzione di 250 mg di DHA al giorno; per cui le consiglio di assumere ogni giorno 1 capsula di VITADHA 1000 in corrispondenza di un pasto principale - che può essere la colazione, il pranzo o la cena. Un'integrazione di lunga durata. Per le sue caratteristiche di qualità e purezza il prodotto VITADHA 1000 è idoneo per un'integrazione prolungata nel tempo. Si tratta infatti di un prodotto certificato IFOS quindi con elevata freschezza e bassissimi livelli di contaminanti e metalli pesanti, così come garantito dalle analisi IFOS sul prodotto finito. Può consultare a questo link il certificato di analisi IFOS di VitaDHA 1000. Le raccomando di parlare col medico curante del suo calo di vista e della possibilità di seguire quest'integrazione. Resto a disposizione per ulteriori informazioni. Cordiali saluti, Dott.ssa Rosaria Ramondino Farmacista e chimico farmaceutico


Articoli da 1 a 10 di 26 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi