**Page description appears here**

Spedizione Express 24/48h Gratis con DHL e UPS per tutti gli ordini!

Dal 2005, omega-3 di qualità certificata. Ti puoi fidare!

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Offerta Speciale! Ricevi subito un Buono Sconto del 5% in segno di benvenuto. Clicca qui per i dettagli

Ricevi notizie, consigli e offerte con Omegor Newsletter

sono sicuro

Gli Omega-3 possono contrastare la morte cardiaca improvvisa nei pazienti in dialisi

Ci sono 0 commenti

Infarto: gli Omega-3 proteggono dagli attacchi di cuore nei pazienti in dialisi

La morte cardiaca improvvisa, la principale causa di decesso nei pazienti sottoposti a dialisi renale, può essere impedita dagli Omega 3. Alti livelli degli acidi grassi polinsaturi di cui è ricco l’olio di pesce, sono infatti associati a una forte riduzione del rischio di morte inattesa per cause cardiache.

Lo hanno scoperto i ricercatori dell’ Indiana School of Medicine, in collaborazione con i ricercatori del Massachusetts General Hospital (USA). Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Kidney International.

Azione degli Omega-3 in pazienti emodializzati

Omega-3 possono contrastare il rischio di morte cardiaca improvvisa nei pazienti dializzatiL’ emodialisi è un metodo usato per trattare l’insufficienza renale, durante il quale il sangue del paziente viene estratto, filtrato con una membrana semipermeabile e poi viene reintrodotto nella vena.

I pazienti che subiscono questo trattamento sono particolarmente vulnerabili alla morte cardiaca improvvisa, con un’incidenza annuale del 6-7%, soprattutto nei primi mesi di terapia, per motivi non ancora ben compresi.

Sebbene non siano stati pubblicati altri studi sulla relazione tra la concentrazione sanguigna di Omega-3 e il rischio di morte cardiaca improvvisa nei dializzati, è stato dimostrato, in modelli clinici e sperimentali, che questi acidi grassi hanno effetto protettivo nei confronti delle aritmie ventricolari.

Altri studi mostrano che in America il consumo di Omega-3 da parte dei pazienti dializzati è mediamente molto basso.

La concentrazione di Omega-3 è associata al rischio di morte cardiaca improvvisa 

Durante lo studio caso-controllo, condotto da Alon Friedmann, professore di medicina, sono stati raccolti i dati di pazienti che avevano iniziato la dialisi, in uno dei 1000 centri coinvolti nel progetto, tra giugno 2004 e luglio 2005.

Sono stati poi confrontati i livelli di Omega-3 nei 100 pazienti morti durante il primo anno di dialisi e nei 300 sopravvissuti.

I risultati hanno mostrato che nei soggetti deceduti per morte cardiaca improvvisa, le concentrazioni di acidi grassi saturi e monoinsaturi erano elevate, mentre quelle degli acidi grassi polinsaturi Omega-3, come il DHA (acido docosaesaenoico), erano significativamente più basse rispetto ai sopravvissuti.

I dati raccolti hanno mostrato tra l'altro che i livelli di Omega-3 legati ai fosfolipidi del siero, erano inversamente associati agli eventi improvvisi di morte cardiaca, durante il primo anno di dialisi e durante i primi mesi, il periodo in cui il rischio è maggiore.

In particolare, i ricercatori hanno stimato che i pazienti con livelli superiori di Omega-3, avevano una probabilità inferiore anche dell’80% di morire, rispetto a coloro che avevano i livelli più bassi.

Omega-3 in emodialisi, effetti da approfondire

Questi risultati rappresentano il primo passo per identificare un possibile trattamento contro la morte cardiaca nei pazienti sottoposti a dialisi.

Tra l’altro questo studio potrebbe avere importanti implicazioni sul tipo di dieta che i dializzati dovrebbero seguire,essendo gli Omega-3 presenti in grandi quantità in alcuni tipi di alimenti come l’olio di pesce.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli Omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.

• Per approfondire sul mondo degli acidi grassi, sull'olio di pesce come l'olio di fegato di merluzzo, su cosa sono esattamente i famosi epa dha e per scoprire tutto su omega 3 benefici, integratori omega 3 come l'eskim, omega 3 controindicazioni, omega 3 alimenti ed anche tutto a riguardo dei "cugini" degli Omega 3, ovvero gli Omega 6, clicca sui rispettivi links.

Fonte: Allon N. Friedman, Zhangsheng Yu, Rebeka Tabbey, Cheryl Denski, Hector Tamez, Julia Wenger, Ravi Thadhani, Yong Li, and Bruce Watkins  “Inverse relationship between long chain n-3 fatty acids and risk of sudden cardiac death in patients starting hemodialysis” Kidney Int. 2013 June ; 83(6): 1130–1135. doi:10.1038/ki.2013.4.


Articolo pubblicato in Malattie del cuore ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi

Abbiamo un Regalo PER TE!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto del 5% nella tua casella email

 valido solo per i nuovi iscritti al sito web