**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Donna in salute

La salute delle donne è amica degli omega 3

Tutte le informazioni che cerchi sulla salute e il benessere delle donne legate agli effetti positivi degli Omega-3. Scopri come sul blog di Omegor.

  • Arresto cardiaco nelle donne: pesce ricco di Omega-3 riduce rischio del 25%

    Il rischio di arresto cardiaco nelle donne può essere ridotto del 25% aumentando il consumo di pesce ricco di Omega-3. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori svedesi e statunitensi in uno studio pubblicato sull'European Journal of Clinical Nutrition. Secondo gli studiosi, guidati da Emily Levitan dell'University of Alabama di Birmingham (Stati Uniti), i benefici per salute derivano dagli Omega-3 contenuti nel pesce grasso. Acidi grassi per il sistema cardiovascolare Gli Omega-3 sono preziosi alleati per il cuore e i vasi sanguigni. Diversi studi hanno dimostrato la loro efficacia nel ridurre alcuni fattori di rischio cardiovascolare, come i livelli di lipidi nel sangue troppo alti, la formazione di trombi e i valori di pressione sanguigna elevati. Questo studio si è concentrato sull'arresto cardiaco, un disturbo che insorge quando il cuore non è più in grado di pompare abbastanza sangue al resto dell'organismo. I sintomi che ne derivano (fatica, debolezza, difficoltà nella deambulazione, battito cardiaco irregolare e una tosse o un ansimare persistenti) sono la causa più frequente di ricovero ospedaliero al di sopra dei 65 anni. Le partecipanti allo studio La ricerca si è basata sull'analisi dei dati relativi a 36.234 donne di età compresa tra i 48 e gli 83 anni coinvolte in uno studio iniziato nel 1998 e conclusosi nel 2006. All'inizio di questo studio nessuna delle partecipanti aveva mai sofferto né di arresto cardiaco, né di infarto, né di diabete. Le informazioni sull'alimentazione delle partecipanti sono state raccolte utilizzando un questionario composto da 96 domande. Nel corso dei 18 anni di raccolta dei dati sono stati registrati 651 casi di arresto cardiaco. Omega-3 amici del cuore femminile Levitan e colleghi hanno rilevato che nelle donne che mangiavano una porzione di pesce grasso alla settimana il rischio di arresto cardiaco era ridotto del 14% rispetto a quello tipico delle donne che non lo mangiavano mai. La riduzione osservata era ancora maggiore, pari al 30%, in quelle donne che sceglievano di mettere nel piatto questo tipo di pesce 2 giorni su 7. La correlazione tra diminuzione del rischio di arresto cardiaco e Omega-3 è risultata altrettanto forte. Infatti i livelli maggiori di assunzione di questi acidi grassi sono stati associati a una riduzione del 25%. In base a questi risultati i ricercatori hanno concluso che in queste donne un consumo moderato di pesce grasso e di Omega-3 di origine marina correla con una minore frequenza di ricoveri ospedalieri o di decessi a causa di un arresto cardiaco. Vantaggi anche per gli uomini I risultati raccolti nel corso di questo studio si aggiungono a quelli ottenuti dagli stessi ricercatori in una ricerca precedente, pubblicata dall'European Heart Journal. Il gruppo di Levitan aveva dimostrato che un consumo moderato di pesce grasso e degli Omega-3 in esso contenuti riduce del 33% il rischio di arresto cardiaco sia negli uomini di mezza età sia in quelli anziani.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Levitan EB, Wolk A, Mittleman MA, “Fatty fish, marine omega-3 fatty acids and incidence of heart failure”, Eur J Clin Nutr. 2010 Jun;64(6):587-94. Epub 2010 Mar 24 2. Levitan EB, Wolk A, Mittleman MA, “Fish consumption, marine omega-3 fatty acids, and incidence of heart failure: a population-based prospective study of middle-aged and elderly men”, Eur Heart J. 2009 Jun;30(12):1495-500. Epub 2009 Apr 21


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Malattie del cuore ed è stato taggato con

  • Depressione post partum: 2,5 volte più frequente se c'è carenza di omega 3

    Uno squilibrio alimentare tra acidi grassi Omega-6 e Omega-3 superiore ad un rapporto 9:1 espone a un maggior rischio di depressione post partum. La notizia arriva dall'Universidade Federal do Rio de Janeiro, dove Camilla da Rocha e Gilberto Kac hanno studiato l'effetto di un apporto non bilanciato fra le diverse forme di acidi grassi sulla frequenza di questo disturbo. Lo studio che ha portato a questa conclusione, pubblicato dalla rivista Maternal and Child Nutrition, conferma l'importanza degli acidi grassi Omega-3 nella regolazione dei meccanismi responsabili della salute mentale. Depressione post partum: il ruolo degli Omega-3 Diverse ricerche condotte in passato hanno dimostrato l'importanza degli Omega-3 per la salute della donna. Fra i benefici riscontrati è incluso l'effetto esercitato da questi nutrienti sul buon esito della gravidanza e sulla salute della mamma dopo il parto. Infatti, studi osservazionali hanno suggerito l'esistenza di una correlazione tra livelli di Omega-3 bassi e un rischio maggiore di soffrire di depressione post partum.   L'alimentazione tipica delle società occidentali odierne è però sbilanciata verso un consumo maggiore di Omega-6. Ciò aumenta il rischio di carenze di Omega-3 che potrebbero mettere in pericolo il benessere psicologico delle donne subito dopo la nascita di un figlio. I ricercatori brasiliani hanno voluto approfondire questo fenomeno valutando se un rapporto sbilanciato tra Omega-6 e Omega-3 a favore dei primi fosse associato ad un aumento della probabilità di soffrire di depressione post partum. I risultati della ricerca Lo studio ha coinvolto 106 donne alla prima gravidanza ed è stato condotto a Rio de Janeiro tra il 2005 e il 2007. Le partecipanti sono state monitorate 4 volte durante la gestazione e 1 volta dopo il parto. Oltre a valutare attraverso una scala specifica la presenza di depressione post partum, durante il primo trimestre di gravidanza i ricercatori hanno fatto compilare alle donne un questionario sulle abitudini alimentari. Complessivamente sono stati raccolti dati sulle condizioni socio-demografiche, la situazione ostetrica, l'indice di massa corporea prima del concepimento e la composizione della dieta di tutte le partecipanti. Ne è emerso che la frequenza della depressione post partum era pari al 26,4% e che l'incidenza del disturbo era maggiore nelle donne in cui il rapporto tra Omega-6 e Omega-3 era superiore a 9 a 1. Un altro dato messo in evidenza dallo studio è che le partecipanti il cui indice di massa corporea prima della gravidanza era inferiore a 18,5 erano più soggette a soffrire della patologia. La carenza di Omega-3 aumenta il rischio di depressione post partum Gli autori dello studio hanno scelto di valutare l'effetto sull'incidenza della depressione post partum di un rapporto tra Omega-6 e Omega-3 superiore a 9 a 1 perché questo è il livello raccomandato dagli specialisti. I dati ottenuti indicano che oltrepassare questo livello aumenta di 2,5 volte la probabilità di soffrire di tale patologia. Confermano altresì l'importanza di un corretto introito di acidi grassi per garantire il benessere psicologico dopo il parto.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. da Rocha CM, Kac G, “High dietary ratio of omega-6 to omega-3 polyunsaturated acids during pregnancy and prevalence of post-partum depression”, Matern Child Nutr. 2012 Jan;8(1):36-48. doi:


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Postgravidanza ed è stato taggato con

  • Omega-3 in gestazione riducono rischio eczema e allergie a uovo nei bambini

    Assumere Omega-3 durante la gestazione riduce il rischio che i bambini possano sviluppare un eczema o allergie all'uovo, rispettivamente, del 38 e del 50%. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori guidato da Maria Makrides del Women’s and Children’s Health Research Institute di Adelaide (Australia). I risultati delle loro ricerche - che, ad oggi, costituiscono il più ampio studio clinico mai condotto sugli effetti dell'assunzione di Omega-3 durante la gravidanza - sono stati pubblicati dal British Medical Journal. Un aiuto per la mamma e per il bambino Gli acidi grassi Omega-3 sono importanti fin dalla gestazione, periodo durante il quale svolgono funzioni importanti sia per la salute della madre, sia per quella del nascituro. Questi nutrienti aiutano, infatti, a mantenere i valori di pressione sanguigna entro la norma, riducendo il rischio di complicazioni per mamme e bambini. Inoltre la loro azione promuove il corretto flusso di sangue alla placenta, facilitando gli scambi di ossigeno e di nutrienti e riduce il rischio di aborto, parto prematuro e depressione post partum. Per quanto riguarda più nello specifico i bambini, un corretto apporto di Omega-3 durante la gestazione consente lo sviluppo adeguato delle strutture nervose e riduce l'incidenza di alcune patologie- ad esempio l'asma - dopo la nascita. E se la prevenzione inizia nel "pancione", diversi studi hanno dimostrato che questi acidi grassi sono utili anche durante l'infanzia. Infatti in questa fase della vita gli Omega-3 si sono dimostrati efficaci, ad esempio, nel ridurre l'infiammazione e i sintomi della dermatite atopica e nel migliorare le funzioni intellettive dei bambini affetti da disturbi cognitivi. Eczema atopico e allergia all'uovo: gli Omega-3 ne riducono l'incidenza Lo studio australiano ha aggiunto un nuovo dettaglio al quadro dei benefici associati all'assunzione degli Omega-3 durante la gestazione. L'analisi condotta da Makrides e colleghi si è basata su dati relativi a più di 700 donne raccolti nel corso del DOMInO (DHA to Optimise Mother and Infant Outcome) trial. Durante questo studio è stato chiesto a donne in stato di gravidanza di assumere, a partire dalla ventunesima settimana di gestazione, 3 capsule al giorno di olio di pesce - corrispondenti a una dose quotidiana di 900 mg di Omega-3 - o un olio vegetale privo di questi nutrienti. I ricercatori hanno, poi, valutato l'incidenza di allergie – in particolare, di eczema e allergie alimentari – nei bambini nati da queste gravidanze al compimento del primo anno di vita. Ne è emerso che l'assunzione di Omega-3 da parte delle future mamme riduce la percentuale di bambini che all'età di 1 anno soffrono di eczema atopico o di allergie all'uovo, rispettivamente, del 38 e del 50%. Omega-3, nuova arma contro le allergie Secondo Makrides questo studio clinico dimostra che le donne che soffrono di allergie potrebbero ridurre la probabilità che i loro bambini sviluppino un eczema atopico o una dermatite atopica nel primo anno di vita assumendo circa 1 grammo di olio di pesce durante la seconda metà della gestazione. Più in generale, i risultati ottenuti dagli scienziati australiani confermano l'importanza degli Omega-3 per un corretto sviluppo del sistema immunitario.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Palmer DJ, Sullivan T, Gold MS, Prescott SL, Heddle R, Gibson RA, Makrides M, “Effect of n-3 long chain polyunsaturated fatty acid supplementation in pregnancy on infants' allergies in first year of life: randomised controlled trial”, BMJ. 2012 Jan 30;344:e184


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Gravidanza ed è stato taggato con

  • Menopausa e Omega-3: 2 grammi al giorno riducono depressione e vampate di calore

    Confermati i benefici degli Omega-3 per le donne in menopausa: secondo una ricerca dell'Harvard Medical School di Boston (Stati Uniti) basta assumere per 8 settimane 2 grammi al giorno di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) per ridurre sia la depressione, sia le vampate di calore. La scoperta, pubblicata sulla rivista Menopause, si aggiunge alle prove dell'efficacia di questi nutrienti nel controllo dei sintomi associati al passaggio a questa fase della vita della donna ottenute in studi precedenti. Gli Omega-3 e la menopausa La diminuzione dei livelli ormonali che caratterizza il passaggio dal periodo di vita fertile alla scomparsa del ciclo mestruale causa una serie di disturbi che possono minacciare il benessere quotidiano della donna. Questi sintomi, che possono comparire prima della vera e propria menopausa e proseguire nella cosiddetta post-menopausa, includono le vampate di calore e i disturbi dell'umore. Questi ultimi, variabili dall'affaticamento ai problemi del sonno, possono essere talmente gravi da sfociare in vere forme di depressione. La percentuale di donne che manifestano i sintomi di questa malattia si attesta, infatti, tra il 10 e il 40%. Gli acidi grassi Omega-3 si sono dimostrati dei preziosi alleati del benessere della donna in questa delicata fase di passaggio. Lo studio dei ricercatori di Harvard ha voluto approfondire l'efficacia di questi nutrienti nel controllo della depressione associata alla transizione verso la post-menopausa, confermando, allo stesso tempo, l'azione svolta contro le vampate di calore. Lo studio Gli scienziati hanno somministrato alle 20 donne che hanno partecipato allo studio delle capsule di Omega-3, per un totale di 2 grammi di EPA e DHA al giorno. L'assunzione è proseguita per 8 settimane, durante le quali la comparsa delle vampate di calore è stata monitorata facendo compilare alle partecipanti un diario quotidiano e attraverso una scala specifica di valutazione del sintomo. Un'altra scala di valutazione specifica ha, invece, permesso di valutare i livelli di depressione. I ricercatori hanno anche raccolto campioni di plasma prima e dopo il trattamento, in modo da poter valutare i cambiamenti nelle concentrazioni degli Omega-3 in ciascuna partecipante. La conferma dell'efficacia I dati raccolti hanno dimostrato che mentre prima del trattamento il punteggio medio sulla scala di valutazione della depressione era pari a 24,2, dopo l'assunzione di Omega-3 tale valore è sceso a 10,7. Il trattamento è risultato efficace nel 70% delle pazienti e nel 45% dei casi i sintomi della depressione sono scomparsi. La misurazione dei livelli plasmatici di Omega-3 ha svelato che nelle donne che hanno risposto positivamente alla somministrazione i livelli di DHA prima dell'inizio dell'assunzione erano inferiori rispetto a quelli riscontrati nelle partecipanti che non hanno risposto al trattamento. Inoltre fra le donne che soffrivano di vampate di calore è stata registrata una significativa riduzione del numero di vampate quotidiane e del punteggio riportato nella scala specifica per la valutazione del disturbo. Un aiuto senza effetti collaterali I risultati ottenuti nel corso di questa ricerca si pongono a supporto dell'efficacia degli omega-3 nel controllo della depressione e delle vampate di calore associate alla menopausa. Il tutto, sottolineano i ricercatori, senza che l'assunzione di questi nutrienti causi significativi effetti collaterali.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.         1. Freeman MP, Hibbeln JR, Silver M, Hirschberg AM, Wang B, Yule AM, Petrillo LF, Pascuillo E, Economou NI, Joffe H, Cohen LS, “Omega-3 fatty acids for major depressive disorder associated with the menopausal transition: a preliminary open trial”, Menopause. 2011 Mar;18(3):279-84


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Menopausa ed è stato taggato con

  • Trattamento sintomi della depressione: l'efficacia degli Omega-3

    Ormai i dubbi sembrano davvero pochi: gli Omega-3 sono efficaci nel trattamento della depressione. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Sistema nervoso, Depressione e disturbi bipolari, Malattie cerebrali

Articoli da 51 a 55 di 55 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi