**Page description appears here**
+39 039 9000200 Hai bisogno di aiuto? Chiamaci dal Lun-Ven dalle 9.30/17.30

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Ricevi notizie, consigli e offerte con Omegor Newsletter

sono sicuro

Tumore al seno: negli animali dal laboratorio gli omega-3 di origine marina sono più efficaci di quelli vegetali nel contrastare la malattia

Ci sono 0 commenti

Gli omega-3 potrebbero avere un effetto preventivo sul tumore al seno, in particolare l'EPA e il DHA contenuti nel pesce sembrano otto volte più efficaci nell'inibire lo sviluppo e la crescita del tumore, rispetto a quelli contenuti in alimenti di origine vegetale come, ad esempio, i semi di lino. Un recente studio, condotto sui topi da laboratorio, ha dimostrato che il consumo di omega-3 di origine marina riduce il numero di tumori del 30% la dimensione del 60-70%, e che per ottenere lo stesso effetto sono necessarie dosi maggiori di omega-3 di origine vegetale.

Il protettivo degli omega-3 nell'insorgenza del cancro al seno
Il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne in tutto il mondo e rappresenta il 29%  di tutti i tumori che interessano il sesso femminile.

In Italia rappresenta la neoplasia più frequente e colpisce una donna su otto nell’arco della vita, con 53200 nuovi casi solo nel 2018.

Secondo molte ricerche esiste un legame tra l'insorgenza del cancro al seno e le abitudini alimentari sbagliate (https://www.omegor.com/blog-omega-3/benessere-della-donna/tumore-al-seno-benessere-della-donna/tumore-seno-vitamina-d-potrebbe-ridurre-mortalita/).

Inoltre sempre più evidenze scientifiche testimoniano l'importanza di una alimentazione sana nella prevenzione della malattia e delle recidive.

In particolare, gli acidi grassi sembrano avere un ruolo sul rischio di questo tumore. A conferma di ciò, studi epidemiologici hanno trovato differenze significative nell'incidenza della malattia tra le popolazioni che seguono diete asiatiche e occidentali.

L'alimentazione di tipo asiatico include in genere un elevato consumo di pesce, che è ricco di acidi grassi omega-3 ed è associata ad una minore incidenza di tumore al seno, rispetto alle popolazioni che consumano alimenti tipicamente occidentali.

Gli omega-3 non si trovano però soltanto nel pesce, ma è possibile assumerli anche da fonti vegetali; l'acido linoleico (ALA), ad esempio, si trova in semi commestibili come quelli di lino e in oli come quello di soia, colza e canapa, mentre EPA e DHA sono principalmente di origine marina e sono contenuti in pesci, alghe e fitoplancton.

Sebbene un certo numero di studi abbiano associato il consumo di omega-3 ad una riduzione del rischio di cancro al seno, la totalità delle evidenze e i meccanismi specifici responsabili degli effetti protettivi rimangono ancora inconcludenti.

Gli omega-3 di origine marina sono più efficaci di quelli di origine vegetale

I ricercatori canadesi, diretti dal professor David Ma hanno indagato il ruolo degli omega-3 di diversa origine nell'insorgenza del tumore al seno, utilizzando modelli animali, e studiando l'effetto dell'alimentazione con diversi tipi di omega-3, in topi con una forma altamente aggressiva di carcinoma mammario umano, chiamata HER-2, che colpisce il 25% delle donne e ha una prognosi sfavorevole.

È noto che l'EPA e il DHA possono inibire la crescita del tumore al seno, ma nessuno aveva osservato direttamente l'efficacia di questi omega-3 e dell'ALA.

I risultati della ricerca hanno rivelato che gli omega-3 a base marina sono otto volte più efficaci nell'inibire lo sviluppo e la crescita del tumore, quindi anche se gli omega-3 provenienti da fonti vegetali sembrano comunque contrastare il tumore, di essi è necessaria una dose più elevata.

"Questo studio è il primo a confrontare la potenza degli omega-3 di origine vegetale rispetto a quelli marini sullo sviluppo del tumore al seno", ha affermato il professor Ma; "Esistono prove che sia gli omega-3 delle piante che quelli provenienti da organismi marini sono protettivi contro il cancro e volevamo determinare quale forma è più efficace", ha continuato.

La particolarità dello studio è stata che i topi sono stati “esposti” ai diversi tipi di omega-3 ancora nel grembo materno, quindi prima che i tumori si sviluppassero, il che ha permesso di confrontare il ruolo degli acidi grassi nella prevenzione della malattia.

Ricerche emergenti, infatti, suggeriscono che l'esposizione precoce agli omega-3, nel periodo critico in cui la ghiandola mammaria sta subendo il rimodellamento, può alterare la suscettibilità al tumore durante l'età adulta.

EPA, DHA e ALA, secondo quanto dimostrano studi precedenti, prevengono e combattono il cancro attivando i geni associati al sistema immunitario che bloccano le vie di crescita tumorale.

Secondo i ricercatori quindi gli omega-3 possono contrastare anche altri tipi di cancro, ed è auspicabile il consumo di due a tre porzioni di pesce grasso alla settimana per massimizzare l'assunzione di omega-3.

Alcuni dettagli sui processi che hanno portato alla scoperta

Per realizzare lo studio i ricercatori hanno utilizzato dei topi normali e topi con le mutazioni responsabile del tumore mammario.

Gli animali sono stati suddivisi in 4 gruppi, ai quali sono stati assegnati in modo casuale delle diete arricchite con i seguenti oli: olio di cartamo, olio di semi di lino (al 3 e al 10%), olio di pesce. Tutte le diete erano isocaloriche con il 20% di kcal fornito da proteine, 58% di kcal da carboidrati e il 22 % di kcal da grassi.

Le diete con olio di semi di lino al 3% e al 10% contenevano diversi livelli di ALA e sono state impiegate per testare la relazione dose-risposta tra esposizione agli omega-3 vegetali e insorgenza di tumori.

I risultati hanno dimostrato che l'esposizione per tutta la vita a omega-3, provenienti da fonti vegetali o marine, può ritardare l'insorgenza del tumore mammario e migliorare gli esiti del cancro. Inoltre, hanno rivelato gli effetti dose-dipendenti degli acidi grassi vegetali contenenti ALA soprattutto alla dose più alta del 10%.

L'effetto inibitorio del tumore dovuto all'ALA è risultato essere circa otto volte meno potente rispetto a quello di EPA e DHA di origine marina.

La prima raccomandazione? Aumentare il consumo di pesce

Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio, i risultati rivelano che le forme vegetali di omega-3 hanno lo stesso impatto delle fonti di pesce ma sono necessarie dosi maggiori. L'indicazione quindi è quella di aumentare il consumo di pesce, soprattutto tra le popolazioni occidentali, che seguono una dieta ricca di acidi grassi saturi.

Secondo il Dottor Ma i significativi effetti positivi che gli omega-3 possono avere nella lotta contro una forma altamente aggressiva di cancro al seno suggeriscono che gli omega-3 sono probabilmente utili a contrastare anche altri tipi di tumori maligni, e sarà quindi necessario condurre altre ricerche in questo campo.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli Omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.

Fonte: Liu et. al. "Marine fish oil is more potent than plant-based n-3 polyunsaturated fatty acids in the prevention of mammary tumors”  The Journal of Nutritional Biochemistry, 2018, Pages 41-52.


Articolo pubblicato in Tumore al seno ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi

Abbiamo un Regalo PER TE!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto del 5% nella tua casella email

 valido solo per i nuovi iscritti al sito web