**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Iperattività e Twinefa, quale integratore è quello giusto?

Ci sono 2 commenti

Ho acquistato il Tweda per mio figlio che ha 7 anni e mostra dei problemi di iperattività e di attenzione, ultimamente gli capita anche di fare un tic nervoso con la testa. Invece non ha problemi di lettura o di memoria che è ottima. gli sto dando una pastiglia al giorno che prende molto volentieri. Vorrei sapere se ho acquistato il prodotto corretto per lui, quale sia la dose giusta e per quanto tempo deve assumere il prodotto.



Gentile Milena,

come premessa generale bisogna considerare gli integratori alimentari come un supporto nutrizionale con effetti esclusivamente nutritivi e fisiologici per favorire il regolare svolgimento delle funzioni dell'organismo.

L’assunzione di integratori alimentari di acidi grassi omega‐3 EPA e DHA è particolarmente indicata in caso  di un loro ridotto apporto con la dieta o di  aumentato fabbisogno.
L'omega‐3 DHA è utile per mantenere le normali funzioni cerebrali e visive con un’assunzione giornaliera di almeno 250 mg al giorno.

Vista l'iperattività, le raccomando di far seguire al suo bambino questa integrazione sempre in accordo con il parere del medico curante e le suggerisco di condividere con lui il recente   studio Oxford‐Durham su iperattività e disturbi del comportamento:

  • Questo studio ha valutato l’integrazione con omega‐3 (EPA e DHA) e omega‐6 (GLA) in bambini affetti da disturbi del comportamento per 3 mesi.
  • 117 bambini fra i 5 e i 12 anni di età affetti da disprassia, in seguito all'assunzione di un integratore a base di EPA, DHA e GLA hanno dimostrato un miglioramento statisticamente significativo nelle capacità comportamentali, di lettura e di pronuncia.

Il  dosaggio utilizzato nello studio corrisponde a circa 2 perle di Omegor Twinefa al giorno da assumere prima di un pasto principale - colazione, pranzo o cena. Per tale dosaggio nello studio di cui sopra non sono stati rilevati effetti collaterali.

Ci tengo a precisare però che solo il medico curante potrà valutare l’applicabilità o meno di questo tipo di integrazione alla situazione del suo bambino e all'iperattività che egli dimostra.

Resto a disposizione per ulteriori informazioni.

Cordiali saluti,

Rosaria Ramondino

Farmacista e Chimico Farmaceutico

 





2 pensieri su “Iperattività e Twinefa, quale integratore è quello giusto?”

  • MICHELA

    buongiorno,
    ho letto con attenzione i vostri consigli, ma non riesco a orientarmi molto bene. Ho un bambino di 7 anni senza diagnosi ADHD, ma con tutte le caratteristiche di iperattività e tempi brevi dell'attenzione che lo contraddistinguono.
    da 3 anni sta facendo terapia di psicomotricità per migliorare il comportamento e da circa 1 mese siamo seguiti da un omeopata che sta cercando di convogliare meglio l'energia del bambino. Ho letto con interesse i vostri articoli, e mi domandavo quale potesse essere l'integratore corretto per noi. il bambino frequenta la 1 elementare e ha difficoltà a stare seduto, è sempre in movimento e fa fatica a rispettare le regole e a gestire i tempi morti ...
    grazie mille

    Replica
    • Rosaria Ramondino
      Rosaria Ramondino 9 Novembre 2015 alle 17:45

      Gentile Michela,

      sulla base di quanto da lei descritto il prodotto più indicato per il suo bambino è VitaDHA liquido in fiale monodose.

      Di norma i bambini che presentano deficit di attenzione o iperattività trovano beneficio dall’assunzione dell’omega-3 DHA poiché spesso questi bambini sono più carenti in questo acido grasso che riveste importantissime funzioni strutturali a livello del sistema nervoso e della retina.

      VitaDHA apporta un elevato dosaggio di DHA in modo da supportare più efficacemente il suo bambino durante il periodo scolastico in cui è sottoposto a maggiore stress.

      Nel caso decidesse di iniziare un’integrazione con VitaDHA le raccomando che questa integrazione venga intrapresa in accordo con il parere del pediatra.

      Potrà iniziare con 1 fiala a giorni alterni per un periodo di almeno 2 settimane e passare poi ad una fiala al giorno prevedendo come durata dell'integrazione un periodo di almeno 2 mesi.

      L’olio può essere assunto tal quale dalla fiala stessa o versato su un cucchiaino perché privo di odore/sapore di pesce ed aromatizzato al limone oppure può essere aggiunto a yogurt bianco o alla frutta, formaggi spalmabili o frullati.

      Resto a disposizione per ulteriori informazioni.

      Dott.ssa Rosaria Ramondino
      farmacista

      Replica
Lascia un Commento
  •  
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi