**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Disfunzione erettile: la vitamina D può aiutare a combatterla

Ci sono 0 commenti

Esiste una relazione tra i bassi livelli di vitamina D e il rischio di disfunzione erettile, in particolare di quella dovuta ad alterazioni arteriose. Una concentrazione della vitamina inferiore ai 20 ng/mL potrebbe favorire la perdita della funzione dell’endotelio, ossia del tessuto che riveste l’interno dei vasi sanguigni, predisponendo al disturbo.

È quanto riporta un articolo pubblicato sul Journal of Sexual Medicine. Lo studio è stato realizzato dai ricercatori del Dipartimento di Scienze della Salute dell' Università di Milano.

Carenza di vitamina D e funzione endoteliale

disfunzione erettile combattila con la vitamina DLa vitamina D è prodotta dalla pelle a partire dal precursore 7-deidrocolesterolo grazie alla luce solare o assunta tramite gli alimenti.

Oltre al suo ruolo ben noto nel metabolismo osseo, la vitamina D ha recentemente ricevuto attenzione per il suo coinvolgimento in altre meccanismi, come la capacità di modulare la funzione endoteliale.

L' endotelio è il tessuto che riveste l'interno dei vasi sanguigni ed è indispensabile per garantirne l'integrità e il mantenimento del tono.

La disfunzione erettile, un vero e proprio problema di salute globale, può essere causato da diverse condizioni ma è dovuto nella maggior parte dei casi proprio a un malfunzionamento endoteliale e dunque vascolare.

La disfunzione erettile è più frequente nei soggetti con carenza di vitamina D

Lo studio ha coinvolto 50 uomini di mezza età con diagnosi di disfunzione erettile di origine arteriosa, 65 con disfunzione erettile originata da altre cause e 28 con disfunzione classificata come borderline.

Ogni soggetto è stato sottoposto al prelievo di campioni di sangue per valutare i livelli di 25-idrossivitamina D, un precursore della vitamina.

La carenza di questa molecola, definita dagli autori dello studio come inferiore ai 20 nanogrammi per millilitro, è stata scoperta nel 45,9% dei pazienti. La carenza grave , caratterizzata da un livello inferiore a 10 ng/ml, è stata osservata nel 5,6% dei soggetti.

Il 38,6% degli uomini con insufficienza vitaminica soffriva di disfunzione erettile, e solo il 25,3% di quelli appartenenti al gruppo con concentrazioni normali manifestava il problema.

Nei pazienti con disfunzione erettile di tipo arterioso, i livelli di vitamina D erano significativamente più bassi, in media, rispetto a quelli riscontrati nei gruppi borderline e con disfunzione di tipo non arterioso.

Tra i soggetti con disfunzione erettile arteriogenica il 61% erano carenti di vitamina D rispetto al 30% del gruppo borderline e al 42% degli uomini con disfunzione di altra origine.

Inoltre, tra gli uomini con concentrazioni di vitamina D inferiori a 20 mg/mL, la prevalenza della disfunzione arteriosa era 45,6%, contro il 22,3% in quelli con livelli più alti.

Monitorare il livello della vitamina è fondamentale

I risultati dello studio dimostrano che una percentuale significativa di pazienti con disfunzione erettile ha una carenza di vitamina D e che questa condizione è più frequente nei pazienti in cui problema ha origine arteriosa.

Secondo i ricercatori i bassi livelli di vitamina D possono aumentare il rischio del disturbo causando la disfunzione dell' endotelio.

L’ alterazione dell'endotelio vascolare è anche correlata all’ occlusione arteriosa e può interessare le coronarie predisponendo ad attacchi cardiaci o ictus.

Il disturbo erettile è un problema che può apparire anche anni prima che venga diagnosticata la malattia cardiovascolare, probabilmente a causa delle dimensioni più piccole delle arterie coinvolte.

Gli uomini colpiti da disfunzione erettile dovrebbero monitorare i livelli di vitamina D e eventualmente seguire un’ integrazione.

 

Fonte: Barassi A1, Pezzilli R, Colpi GM, Corsi Romanelli MM, Melzi d'Eril GV. “Vitamin D and Erectile Dysfunction” J Sex Med.2014 Aug 5. doi: 10.1111/jsm.12661.


Articolo pubblicato in Fertilità maschile ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi