**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Colesterolo

Colesterolo e disturbi del cuore. Scopri tutte le notizie che legano gli omega-3 e il sistema cardiovascolare. Approfondisci tutti gli argomenti sul colesterolo.

  • Il pesce grasso aumenta il colesterolo buono e protegge dall’aterosclerosi

    Mangiare pesce ricco di Omega-3, in combinazione con mirtilli e grano intero, agisce positivamente sul metabolismo dei grassi in persone affette da sindrome metabolica. In particolare all’aumento del consumo di pesce corrisponde una maggior grandezza delle HDL, le particelle che trasportano il cosiddetto “colesterolo buono”, contrastando l’aterosclerosi. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Colesterolo ed è stato taggato con

  • Infezione da HIV: gli Omega-3 riducono i trigliceridi e aumentano il colesterolo buono

    Un'alimentazione sana, arricchita di Omega-3 e povera di grassi saturi nonché di quelli totali, permette ai pazienti in terapia con antiretrovirali (terapia HIV) di diminuire i livelli di trigliceridi e di infiammazione e aumentare il colesterolo “buono”. E' questo quanto emerge da uno studio della School of Medicine della Tufts Univeristy (Boston, Stati Uniti), pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition1. Integrare con Omega-3 potrebbe essere una valida alternativa all'assunzione di ulteriori farmaci oltre a quelli di cui questi pazienti non possono fare a meno. HIV, trigliceridi e colesterolo Il livello di trigliceridi nel sangue dei pazienti affetti da HIV è in genere superiore alla norma. Viceversa, in questi pazienti le concentrazioni del cosiddetto colesterolo “buono” sono basse. La terapia antiretrovirale permette di tenere sotto controllo il virus: non ha però migliorato il profilo lipidico di questi individui. È necessario trovare rimedi per riportare i livelli di grassi ematici a quantità non pericolose per la salute. È altresì necessario ricordare che chi è infetto da HIV assume già una grande quantità di potenti farmaci. Per non correre il rischio di interazioni dannose, è preferibile non aggiungere ulteriori medicinali alla terapia. Perché gli Omega-3 possono essere utili in caso di infezione da HIV? Gli Omega-3 sono acidi grassi capaci di controllare i livelli di trigliceridi nel sangue. Non si tratta di farmaci, ma di nutrienti senza effetti collaterali. Non solo, studi precedenti a quello dei ricercatori di Boston avevano già suggerito che gli Omega-3 possono ridurre i trigliceridi anche nel sangue nei pazienti infetti da HIV. In particolare, una dose di questi acidi grassi variabile tra i 2 e i 6 grammi al giorno riesce a ridurre del 15-25% i livelli di trigliceridi anche in chi è in terapia con antiretrovirali. Omega-3, efficacia confermata da uno studio Quest'efficacia è stata confermata dalla ricerca pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition. 54 individui che stavano assumendo antiretrovirali hanno ricevuto per un totale di 13 settimane 6 grammi al giorno di Omega-3. Come controllo hanno ricevuto un placebo. Dopo 3 settimane i livelli di trigliceridi nel sangue di chi stava assumendo gli Omega-3 era passato dai 180 mg/dl iniziali a 114 mg/dl. Dopo altre 10 settimane la concentrazione era ulteriormente scesa a 110 mg/dl. Dopo 3 e 13 settimane i livelli di questi grassi in chi stava assumendo il placebo, inizialmente intorno ai 175 mg/dl, erano aumentati fino a 183 e 205 mg/dl. Allo stesso tempo, dopo 3 settimane di trattamento con Omega-3 i livelli totali di colesterolo erano passati da 208 mg/dl a 186 mg/dl. Questo effetto è risultato associato a un aumento del colesterolo “buono” al termine delle 13 settimane di sperimentazione. Infine, assumere Omega-3 ha permesso di ridurre i livelli di infiammazione, come dimostrato dalla riduzione dei livelli di acido arachidonico riscontrata solo in chi ha assunto questi nutrienti.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.         Fonte 1. Woods MN, Wanke CA, Ling PR, Hendricks KM, Tang AM, Knox TA, Andersson CE, Dong KR, Skinner SC, Bistrian BR, “Effect of a dietary intervention and n-3 fatty acid supplementation on measures of serum lipid and insulin sensitivity in persons with HIV”, Am J Clin Nutr. 2009 Dec;90(6):1566-78. Epub 2009 Oct 21


    Articolo pubblicato in Sistema cardiovascolare, Colesterolo ed è stato taggato con

  • Ridurre colesterolo e trigliceridi con Omega-3 da olio di alghe

    L'Omega-3 acido docosaesaenoico (DHA) estratto dalle alghe può promuovere la salute del cuore aumentando i livelli di colesterolo “buono” e riducendo quelli dei trigliceridi. A confermare i risultati ottenuti in una serie di studi precedenti è l'analisi condotta dagli esperti dell'Università di Harvard (Boston, USA) e della Cleveland Clinic (Lyndhurst, USA), pubblicata sulle pagine del Journal of Nutrition. La rielaborazione dei dati presenti nella letteratura scientifica ha permesso agli autori di questa analisi di concludere che il consumo di circa 1,7 grammi al giorno di DHA ottenuto dalle alghe è associato a una riduzione dei trigliceridi del 15% e un aumento del colesterolo “buono” del 5%. La stessa quantità dell'Omega-3 causa anche l'aumento delle dimensioni delle particelle di colesterolo “cattivo”, riducendo così la loro pericolosità. Omega-3, salute per il cuore attraverso l'alimentazione Oltre a ridurre l'incidenza delle malattie cardiovascolari e dei vasi in chi ne consuma elevate quantità, gli acidi grassi Omega-3 prevengono i danni indotti nel tessuto cardiaco dall'infarto e contrastano la mortalità ad esso associata. Mangiare cibi che contengono Omega-3, come i pesci grassi sgombro, salmone e halibut, è dunque utile per migliorare e rinforzare il proprio stato di salute. Esistono anche fonti vegetali di Omega-3: semi di lino e alghe possono costituire una sorgente da cui ottenere questi nutrienti. Omega-3 per ridurre trigliceridi e aumentare il colesterolo “buono” Gli autori della ricerca, guidati da Adam Bernstein, hanno selezionato 11 sperimentazioni cliniche condotte su soggetti sani, non affetti da malattie cardiache, che hanno assunto olio di alghe contenente DHA estratto. L'incrocio dei dati ottenuti in questi studi ha confermato i benefici di questo Omega-3 per la salute cardiovascolare, rilevando la riduzione del 15% dei livelli di trigliceridi e l'aumento del 5% del colesterolo “buono”. Accanto a questi effetti benefici è stato osservato anche un aumento dell'8% del colesterolo “cattivo”. Tuttavia, spiegano i ricercatori, questo incremento è associato a un aumento delle dimensioni delle particelle di colesterolo “cattivo”, fenomeno che riduce il rischio di formazione di placche aterosclerotiche. Benefici netti per il cuore Secondo i ricercatori, nonostante l'aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”, l'insieme di questi effetti corrisponde a indubbi benefici per la salute cardiovascolare. Inoltre gli autori hanno commentato che le variazioni nei livelli di colesterolo ottenibili con il DHA ottenuto dalle alghe sono simili a quelli derivanti dall'assunzione di 4 grammi al giorno dello stesso Omega-3, ma in forma purificata. Quest'ultimo, anch'esso associato alla presenza di particelle di colesterolo “cattivo” più grandi,  rappresenta un altro possibile rimedio per ridurre i rischi per la salute del cuore. I benefici per la salute cardiovascolare nascosti nel DHA presente nell'olio di alghe sono in linea anche con quelli derivanti dall'assunzione di altri oli ricchi in Omega-3. Altri effetti positivi associati all'assunzione di questi nutrienti riguardano altri fattori di rischio cardiovascolare, come ipertensione, aggregazione piastrinica e infiammazione.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Bernstein AM, Ding EL, Willett WC, Rimm EB, “A meta-analysis shows that docosahexaenoic acid from algal oil reduces serum triglycerides and increases HDL-cholesterol and LDL-cholesterol in persons without coronary heart disease”, J Nutr. 2012 Jan;142(1):99-104. Epub 2011 Nov 23


    Articolo pubblicato in Sistema cardiovascolare, Colesterolo ed è stato taggato con

3 Articoli

 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi