**Page description appears here**

Spedizione Express 24/48h Gratis con DHL e UPS per tutti gli ordini!

Dal 2005, omega-3 di qualità certificata. Ti puoi fidare!

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Ricevi notizie, consigli e offerte con Omegor Newsletter

sono sicuro

Diabete

Diabete di tipo 1 o tipo 2: Omega 3 per ridurre i rischi

Il diabete sia di tipo 1 che di tipo 2 è una malattia molto conosciuta. Scopri come gli Omega-3 e l'olio di pesce aiutano a contrastare e ridurne i sintomi.

  • Omega-3 e testosterone: il DHA aumenta il livello di testosterone negli uomini

    Uno studio condotto su un gruppo di uomini sovrappeso e obesi dimostra che l’assunzione di acido grasso omega-3 DHA aumenta la concentrazione di testosterone nel sangue. Arrivano nuove conferme degli effetti positivi dell’olio di pesce sulla fertilità maschile, in particolare sui livelli di testosterone negli uomini, l’ormone più importante per quanto riguarda la sessualità, ma non solo: influisce sulla vitalità, la buona salute, protegge dalle malattie metaboliche, e contribuisce a migliorare l’umore. Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori australiani e neozelandesi, e pubblicato sulla rivista Prostaglandins, Leukotrienes & Essential Fatty Acids. Testosterone Il testosterone è il principale ormone sessuale maschile e svolge un ruolo importante nello sviluppo degli organi riproduttivi e nella promozione di altre caratteristiche, come l'aumento della massa ossea e muscolare e la crescita pilifera. Inoltre, il testosterone è coinvolto nella salute e nel benessere generale, livelli insufficienti di questo ormone negli uomini sono collegati a una vasta gamma di disturbi e malattie come l'infertilità, il diabete e l'osteoporosi. Il testosterone aumenta solo negli uomini, dimostra lo studio I ricercatori hanno somministrato a una coorte di 61 adulti sovrappeso e obesi fra i 38 e i 63 anni 860 mg di DHA (acido docosaesaenoico) e 120 mg di EPA (acido eicosapentaenoico) al giorno per 12 settimane, mentre il gruppo di controllo ha assunto delle capsule contenenti olio di mais. È stato raccolto un campione di sangue a digiuno prima e dopo l'intervento, al termine del quale è stato riscontrato un livello più alto di testosterone totale nei maschi che hanno ricevuto le capsule arricchite di DHA, e nessun effetto nel gruppo di controllo. Lo studio era inizialmente mirato a verificare l’effetto sui livelli di insulina in persone con problemi di peso, ma, analizzando i risultati, gli studiosi si sono accorti che oltre a ridurre i livelli di insulina sia negli uomini che nelle donne, gli integratori avevano un altro effetto: l’aumento dei livelli di testosterone nei soli uomini. Nelle donne che hanno partecipato allo studio, infatti, i livelli dell’ormone - che è presente anche nelle femmine a livelli minori - sono rimasti inalterati. Fertilità maschile e Omega-3 Diversi studi hanno indagato il ruolo degli Omega-3 nella fertilità maschile, e le evidenze hanno mostrato che il DHA può: - Svolgere un’azione protettiva sullo sperma - Correggere i difetti nella fertilità - Aumentare la mobilità e la numerosità degli spermatozoi Questi effetti si spiegano con il fatto che il DHA è uno dei componenti della membrana cellulare degli spermatozoi: rappresenta il 20% del contenuto di acidi grassi nello sperma maturo, ovvero al termine della pubertà. La composizione in acidi grassi della membrana è molto importante per il corretto funzionamento degli spermatozoi e gioca un ruolo critico negli eventi di fecondazione. Omega-3, testosterone e ipogonadismo: lo studio si allinea ai risultati precedenti “I risultati dello studio concluso nel 2020 sono promettenti non solo per l’aumento del testosterone” dicono gli autori “ma anche perché suggeriscono il potenziale utilizzo del DHA nel trattamento degli uomini con ipogonadismo - condizione in cui i testicoli non producono abbastanza testosterone - come già evidenziato da studi precedenti”. “I cambiamenti nei livelli di testosterone nei maschi erano positivamente associati ai cambiamenti degli acidi grassi omega-3 EPA e DHA nelle membrane dei globuli rossi, ed erano associati a variazioni positive di insulina a digiuno”, si legge nello studio. “L'integrazione di olio di pesce arricchito con DHA aumenta i livelli di testosterone negli uomini in sovrappeso e obesi, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi risultati con un campione più numeroso e una maggiore durata dello studio”.   Fonti: 1) Kylie Abbott et. al., "Dietary supplementation with docosahexaenoic acid rich fish oil increases circulating levels of testosterone in overweight and obese men". Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids 2020 Dec;163:102204. doi: 10.1016/j.plefa.2020.102204. Epub 2020 Nov 12. 2) Kylie Abbott et. Al., “DHA-enriched fish oil reduces insulin resistance in overweight and obese adults” Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids 2020 Aug;159:102154. doi: 10.1016/j.plefa.2020.102154. Epub 2020 Jun 13.


    Articolo pubblicato in Diabete, Problemi di peso, Fertilità maschile

  • Omega 3 e diabete, lo studio ASCEND rivela benefici e dosaggi utili

    Gli Omega 3, alleati della salute cardiovascolare, potrebbero proteggere dai rischi del diabete. Un nuovo studio aiuta a capire quando e in che dosi assumerli, e quali benefici attendersi Vale la pena di assumere Omega 3 per proteggere cuore e arterie dai rischi insiti nel diabete? Anni di ricerche hanno dimostrato l'importanza di questi grassi per la salute cardiaca; un nuovo studio aiuta a capire quando e in quali dosi dovrebbero essere assunti e quali benefici è possibile attendersi da questa supplementazione. Pubblicato sul New England Journal of Medicine e condotto all'Università di Oxford, nel Regno Unito, lo studio in questione ha coinvolto oltre 15 mila pazienti con diabete, monitorando la loro salute per una media di ben 7,4 anni. A circa metà dei pazienti è stato chiesto di assumere tutti i giorni una capsula di Omega 3; all'altra metà, invece, è stato fatto assumere dell'olio d'oliva. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Sindrome metabolica, Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Diabete di tipo 2: l'integrazione con vitamine, minerali e omega-3 può ridurre la glicemia

    Le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete mellito non insulino-dipendente possono trarre beneficio dall'integrazione combinata di multivitaminici, minerali, EPA e DHA. Secondo un nuovo studio condotto su persone affette da diabete di tipo 2, o da prediabete, il trattamento con supplementi di vitamina D, sali minerali, omega-3, resveratrolo, insieme a altri nutrienti e molecole bioattive, può abbassare la glicemia e evitare complicazioni. L'azione combinata di queste sostanze potrebbe rappresentare un programma di prevenzione per ridurre il rischio di diabete e migliorare lo stato glicemico negli individui predisposti. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Diabete di tipo 1: l’allattamento al seno aiuta a prevenirlo grazie all’azione protettiva degli omega-3

    Allattamento al seno: il latte materno, ricco di Omega 3, aiuta a prevenire il Diabete di tipo 1 L’elevata quantità di omega 3 nel sangue può ridurre nei bambini il rischio di essere colpiti da diabete di tipo 1. Lo stesso effetto protettivo si verifica con l’allattamento al seno che consente il passaggio di EPA e DHA dal latte materno al neonato. L’azione degli omega-3, dovuta alla capacità di prevenire la risposta autoimmune associata al diabete di tipo 1, dimostra che l'intervento nutrizionale può aiutare a prevenire una patologia che colpisce milioni di bambini e adolescenti in tutto il mondo. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 1 ed è stato taggato con

  • Diabete di tipo 2: basta perdere peso per guarire?

    Diabete di tipo 2: perdere peso per guarire? Il diabete di tipo 2, una delle malattie più diffuse in occidente, può essere sconfitto grazie ad una significativa perdita di peso. Secondo un nuovo studio, seguire una dieta fortemente ipocalorica per 8 settimane può invertire la malattia, riportando la concentrazione di glucosio nel sangue a livelli normali. Un risultato incredibile che mette in discussione l’idea che il diabete di tipo 2 sia una condizione cronica e irreversibile. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Il DHA può combattere l’insulino resistenza nei muscoli?

    Muscoli e attività sportiva: il DHA può combattere l’insulino-resistenza? L’integrazione con l’omega 3 DHA (acido docosaesaenoico) aiuta contrastare la scarsa sensibilità all’insulina nel muscolo scheletrico, bloccando l’infiammazione e la lipotossicità. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Diabete di tipo 2: olio di pesce o la combinazione di olio di echium e borragine per ridurre il colesterolo

    Diabete di tipo 2: Omega 3 o la combinazione olio di echium e di borragine riduce il colesterolo L’ integrazione con supplementi a base di olio di pesce, nei pazienti con diabete di tipo 2 in fase iniziale o con sindrome metabolica, è associata al miglioramento dei livelli di colesterolo. Gli effetti positivi sembrano essere ottenuti anche assumendo una combinazione di olio di borragine e olio di echium. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • L'EPA e il DHA aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2

    Diabete di tipo 2: Omega 3 EPA e DHA ne diminuiscono i rischi Gli omega 3 sembrano proteggere dal diabete di tipo 2 i soggetti con alti livelli di acidi grassi liberi, che invece favoriscono l'insorgenza della patologia. In particolare, l' elevato Indice di omega-3 -la percentuale di EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) rispetto agli acidi grassi totali nelle membrane dei globuli rossi- è associato a un basso rischio di sviluppare la malattia. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Gli omega-3 aiutano a prevenire il diabete di tipo 2?

    Diabete di tipo 2: un aiuto dagli Omega 3 EPA e DHA? L’alta concentrazione di Omega 3 nel siero può proteggere dal diabete di tipo 2. Negli uomini di mezza età, infatti, l’elevato consumo di pesce, ricco di acidi grassi polinsaturi, soprattutto EPA (acido eicosapentaenoico) DHA (acido docosaesaenoico) e DPA (acido docosapentaenoico) sembra associato a una riduzione di circa il 30% del rischio di sviluppare la malattia. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Diabete mellito gestazionale: così la trasmissione degli Omega-3 al feto è compromessa

    Diabete mellito gestazionale: le basse concentrazioni di Omega 3 e i possibili problemi al feto Le donne affette da diabete mellito gestazionale, un’alterazione del metabolismo del glucosio che compare in gravidanza, possiedono basse concentrazioni dell’Omega 3 DHA (acido docosaesaenoico) nel plasma, nella placenta e nel cordone ombelicale. Questa condizione potrebbe limitare il passaggio del DHA al feto e dunque causare dei deficit dello sviluppo neuronale. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Diabete ed è stato taggato con

Articoli da 1 a 10 di 16 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi

Abbiamo un Regalo PER TE!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto del 5% nella tua casella email

 valido solo per i nuovi iscritti al sito web