**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Interventi laser

La vista e gli interventi laser: come gli omega-3 possono migliorare o attenuare gli effetti di alcune malattie degli occhi. Scopri di più sul blog.

  • Gli Omega-3 aiutano a recuperare la sensibilità dei nervi della cornea

    Il trattamento combinato con l'Omega-3 DHA e il fattore di crescita PEDF aiuta i nervi della cornea a rigenerarsi e a recuperare la sensibilità dopo interventi laser agli occhi. Un gruppo di ricercatori, coordinati da Haydee Bazan del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans (USA), ha pubblicato i risultati di uno studio condotto sui conigli sulle pagine degli Archives of Ophthalmology. Una volta confermati sull'uomo, questi risultati significheranno un nuovo approccio per rigenerare i nervi oculari e prevenire l'insorgenza di disturbi come l'occhio secco. Intervento chirurgico alla cornea: cosa succede ai nervi Alcune cellule nervose sanno crescere e ripararsi da sole dopo essere state danneggiate: i nervi periferici si rigenerano più facilmente rispetto a quelli del sistema nervoso centrale. La ricerca sta compiendo grandi sforzi per capire come aiutare i nervi a recuperare la sensibilità post-trauma, come quello associato agli interventi chirurgici. I progessi in questo settore permetterebbero di prevenire alcune complicazioni associate alle operazioni agli occhi o ad alcune malattie della superficie dell'occhio stesso. Un caso studiato è quello della cornea, lo strato trasparente che ricopre l'occhio e ricco di fibre nervose. Nel corso di interventi chirurgici alla cornea, come quelli correttivi al laser, tali nervi possono essere danneggiati. La sensibilità della cornea può diminuire in caso di danneggiamento e possono sorgere problemi, come una ridotta produzione di lacrime che a sua promuove disturbi come la sindrome dell'occhio secco. Il ruolo degli Omega-3 Una miscela di DHA (acido docosaesaenoico, uno degli Omega-3 di cui è ricco il pesce grasso) e del fattore di crescita PEDF (Pigment epithelium-derived factor) applicata all'occhio dopo l'intervento chirurgico consente la rigenerazione quasi completa dei nervi2. Lo dimostrano studi preliminari. In questa nuova ricerca, Bazan e colleghi hanno analizzato la funzionalità dei nervi della cornea rigenerati dopo il danneggiamento chirurgico in conigli trattati con PEDF e DHA. Per farlo hanno stimolato il battito di ciglia nell'occhio trattato: se il coniglio non sbatteva la palpebra la cornea è stata considerata insensibile. A 8 settimane dall'intervento, gli scienziati hanno così dimostrato che i nervi della cornea degli animali trattati con DHA e PEDF oltre ad essersi rigenerati erano sensibili come gli occhi sani. Il processo richiede tuttavia del tempo: dopo 4 settimane la sensibilità della cornea danneggiata era bassa; dopo 6 settimane era circa pari al 70% della sensibilità dell'occhio sano. Il processo di rigenerazione è, invece, più rapido: a sole 72 ore dall'intervento la cornea dei conigli trattati con Omega-3 e fattori di crescita era guarita quasi completamente. Nervi guariti e funzionanti grazie agli Omega-3 I risultati ottenuti dimostrano che il DHA usato in combinazione con il PEDF favorisce la guarigione dei nervi della cornea danneggiati. Consente, allo stesso tempo, il completo recupero funzionale. La scoperta apre la strada a nuovi trattamenti basati sugli Omega-3 per prevenire gli effetti collaterali di interventi invasivi agli occhi.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.   Fonte 1. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Recovery of corneal sensitivity, calcitonin gene-related peptide-positive nerves, and increased wound healing induced by pigment epithelial-derived factor plus docosahexaenoic acid after experimental surgery”, Arch Ophthalmol. 2012 Jan;130(1):76-83. Epub 2011 Sep 12 2. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Neuroprotectin D1 synthesis and corneal nerve regeneration after experimental surgery and treatment with PEDF plus DHA”, Invest Ophthalmol Vis Sci. 2010 Feb;51(2):804-10. Epub 2009 Sep 24    


    Articolo pubblicato in Vista, Interventi laser ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 prevengono le complicazioni degli interventi laser agli occhi

    L'intervento laser agli occhi per correggere difetti della cornea può danneggiare i nervi. Il trattamento con Omega-3 può prevenire ulteriori spiacevoli conseguenze. Jiucheng He e Haydee Bazan, esperti del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans (Stati Uniti), spiegano il ruolo protettivo di questi nutrienti: in particolare dell'Omega-3 DHA (acido docosaesaenoico). I 2 ricercatori hanno spiegato che questa proprietà rende il DHA un possibile rimedio contro una delle più diffuse complicazioni dell'intervento: la sindrome dell'occhio secco o ipolacrimia. Le informazioni scientifiche sono state pubblicate sulle pagine della rivista Prostaglandins, Leukotrienes, and Essential Fatty Acids. Laser sulla cornea: quali sono i rischi? La cornea è un tessuto trasparente presente sulla superficie dell'occhio che protegge le strutture più interne, trasmette e rifrange la luce. Il film lacrimale è distribuito sulla sua superficie. All'interno sono presenti anche dei grassi che riducono l'evaporazione delle lacrime e ne consentono la disposizione uniforme. Fra questi è incluso anche l'Omega-3 ALA (acido alfa-linolenico). Gli interventi chirurgici laser per rimodellare la cornea possono danneggiare parte delle fibre nervose ad essa associate. Oltre a compromettere la sensibilità della cornea, questo danno può ridurre la produzione delle lacrime. La più comune conseguenza di questa situazione è la sindrome dell'occhio secco, caratterizzata da: fastidi agli occhi e alla vista infiammazione danneggiamento della superficie dell'occhio Omega-3 per una cornea perfetta Diversi studi suggeriscono che questa sindrome può essere prevenuta facendo attenzione alla quantità e al tipo di grassi introdotti con l'alimentazione: le donne che consumano elevate quantità di Omega-3 riducono del 20% la probabilità di soffrire di occhio secco;  un rapporto tra acidi grassi Omega-6 e Omega-3 sbilanciato a favore dei primi aumenta il rischio di svilupparlo. Il ruolo protettivo degli Omega-3 è stato dimostrato con la somministrazione ad alcuni animali una miscela di acido gamma linolenico nonché Omega-3 EPA e DHA (acido eicosapentaenoico e docosaesaenoico). Gli Omega-3 riducono i danni alla cornea I ricercatori si sono spinti anche oltre l'aspetto della prevenzione. Hanno dimostrato che l'applicazione topica (superficiale, senza ingestione né iniezione) dell'Omega-3 ALA consente di ridurre i danni alla cornea e i sintomi dell'infiammazione. Per gli scienziati questo effetto sarebbe mediato dalle molecole prodotte dall'organismo a partire dall'ALA: EPA, DHA e loro derivati, noti per le loro proprietà antinfiammatorie. In effetti ulteriori studi condotti sui topi hanno dimostrato che i derivati dell'EPA hanno proprio questo effetto. Un aiuto dopo l'intervento laser Sulla base di questi risultati, gli scienziati hanno sperimentato sui conigli l'efficacia del trattamento con DHA nella rigenerazione dei nervi associati alla cornea dopo l'intervento con il laser. Utilizzato in combinazione con diversi fattori di crescita, questo Omega-3 favorisce la rigenerazione dei nervi e il recupero della sensibilità della cornea2, previene la sindrome dell'occhio secco e altre possibili complicazioni dell'operazione. Gli Omega-3 potrebbero quindi costituire la nuova frontiera nella prevenzione delle conseguenze di danni ai nervi associati alla cornea causati dal laser. Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. He J, Bazan HE, “Omega-3 fatty acids in dry eye and corneal nerve regeneration after refractive surgery”, Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2010 Apr-Jun;82(4-6):319-25. Epub 2010 Mar 3. 2. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Recovery of corneal sensitivity, calcitonin gene-related peptide-positive nerves, and increased wound healing induced by pigment epithelial-derived factor plus docosahexaenoic acid after experimental surgery”, Arch Ophthalmol. 2012 Jan;130(1):76-83. Epub 2011 Sep 12.


    Articolo pubblicato in Vista, Interventi laser ed è stato taggato con

2 Articoli

 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi