**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Leucemie, linfomi e mielomi

Leucemie, linfomi e mielomi: scopri di più sulle malattie tumorali e come tramite l'utilizzo di omega-3 e vitamina D sia possibile rallentarne gli effetti.

  • Pesce, omega-3 e vitamine riducono l'incidenza di linfomi non Hodgkin fino al 60%

    Una ricerca internazionale scopre che un'alimentazione ricca degli Omega-3 presenti nel pesce grasso e delle vitamine contenute in frutta e verdura riduce il rischio di sviluppare un linfoma di tipo non Hodgkin del 60%. I primi indizi del ruolo protettivo di questi nutrienti nei confronti di questo tipo di tumore provengono da uno studio condotto in collaborazione da ricercatori svedesi, danesi e statunitensi pubblicato sull'American Journal of Epidemiology1. La ricerca ha portato ad ipotizzare che l'azione antinfiammatoria degli Omega-3 possa aiutare a ridurre la probabilità di sviluppare questo tumore. L'importanza dell'alimentazione nella lotta contro il cancro Da quando, a partire dagli anni '70 del secolo scorso, sono stati scoperti i primi benefici degli Omega-3 di origine alimentare per la salute del sistema cardiovascolare, molte ricerche hanno svelato l'azione protettiva di questi acidi grassi nei confronti di altri organi e tessuti. Fra le patologie contrastare da questi nutrienti sono incluse diverse forme di cancro, da quello al colon retto a quelli al seno e alla prostata. Lo studio pubblicato sull'American Journal of Epidemiology si è concentrato sui linfomi di tipo non-Hodgkin. Questi sono delle forme tumorali che colpiscono il sistema linfatico e che includono una trentina di tipi di tumori differenti. L'analisi dei dati relativi alle abitudini alimentari di 591 pazienti affetti da linfoma non-Hodgkin e di 460 individui sani ha svelato che il consumo di pesce e di acidi grassi Omega-3 è associato a un minor rischio di sviluppare un tumore appartenente a questa classe. Scendendo più nel dettaglio dei diversi tipi di linfoma non-Hodgkin, i ricercatori hanno osservato che l'effetto del consumo di pesce e di Omega-3 è maggiore per alcune varianti specifiche di questo tumore. Quanto pesce serve per proteggersi? Secondo gli autori della ricerca, guidati da Ellen Chang del Northern California Cancer Center (Fremont, Stati Uniti), un'assunzione media di 0,8 grammi al giorno degli acidi grassi Omega-3 contenuti nel pesce riduce l'incidenza delle diverse forme di linfoma considerate di una quota variabile tra il 20 e il 60%. Dallo studio è, inoltre, emerso che il rischio di sviluppare questo tipo di tumore si riduce del 30-50% se gli Omega-3 vengono assunti sotto forma di integratori alimentari. L'importanza del beta-carotene e della vitamina E Nella stessa ricerca gli scienziati hanno osservato che gli individui che consumano le dosi più elevate di beta-carotene (4,4 microgrammi al giorno), sono esposti a un rischio di linfoma minore del 40% rispetto a chi ne assume le quantità più basse (1,2 microgrammi al giorno). In modo simile, un apporto di vitamina E pari a 9,8 milligrammi al giorno riduce la probabilità di sviluppare un linfoma non-Hodgkin del 60% rispetto al rischio corso da chi ne consuma solo 5 milligrammi al giorno. Sia frutta e verdura, ricche di vitamine dal potere antiossidante, sia il pesce grasso ricco di Omega-3 rappresentano degli utili alleati nella protezione dell'organismo da questo tipo di tumore. Fonte 1. Chang ET, Bälter KM, Torrång A, Smedby KE, Melbye M, Sundström C, Glimelius B, Adami HO, “Nutrient intake and risk of non-Hodgkin's lymphoma”, Am J Epidemiol. 2006 Dec 15;164(12):1222-32. Epub 2006 Sep 27


    Articolo pubblicato in Tumori, Leucemie, linfomi e mielomi ed è stato taggato con

  • Omega-3 uccidono le staminali della leucemia mieloide cronica

    Un derivato dell'acido eicosapentaenoico (EPA), Omega-3 contenuto nell'olio di pesce, uccide le cellule staminali che causano la leucemia mieloide cronica. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori coordinati da Sandeep Prabhu della Pennsylvania State University (University Park, Usa) in uno studio pubblicato sulla rivista Blood. Alla base di questa tossicità vi è la conversione dell'EPA in un composto che, nei topi, uccide le cellule staminali cancerose presenti nella milza e nel midollo osseo. La scoperta apre una nuova strada nella ricerca di una cura contro questa forma di cancro. Gli Omega-3 e il cancro La letteratura scientifica è ricca di pubblicazioni che suggeriscono l'efficacia degli Omega-3 nella terapia dei tumori, soprattutto se questi nutrienti vengono utilizzati in combinazione con le cure tradizionali. La loro azione si basa principalmente sulla competizione con gli Omega-6, acidi grassi che costituiscono un nutrimento fondamentale per le cellule neoplastiche e che possono promuovere lo sviluppo dei tumori. Gli Omega-3 rendono le cellule tumorali più sensibili all'azione dei radicali liberi e ne favoriscono l'autodistruzione, limitando l'espansione del cancro. Le forme tumorali contro cui questi nutrienti si sono dimostrati utili fino ad oggi sono principalmente quelle al colon, alla prostata e al seno, ma lo studio pubblicato su Blood estende il campo d'efficacia degli Omega-3 anche alla leucemia mieloide cronica. Iniezioni di olio di pesce contro la leucemia Gli autori della nuova ricerca hanno condotto degli esperimenti su due modelli murini di leucemia. Il primo consisteva in topi infettati con il virus di Friend, un microbo che causa la cosiddetta eritroleucemia, mentre l'altro era formato da topi che esprimono nelle cellule staminali del sangue una proteina associata alla leucemia mieloide cronica. I ricercatori hanno iniettato a ciascun topo 600 nanogrammi al giorno del derivato dell'EPA per una settimana. Questo trattamento ha riportato nella norma i parametri ematologici alterati in caso di leucemia mieloide cronica. Non solo, in seguito alla somministrazione di questo derivato degli Omega-3 anche l'aspetto della milza – organo che si ingrossa in caso di leucemia - è tornato nella norma. Di conseguenza, i topi di sono guariti dalla leucemia senza sviluppare delle recidive. Un'azione mirata contro le cellule staminali Gli esperimenti condotti da Prabhu e colleghi hanno dimostrato che la molecola somministrata ai topi colpisce in modo selettivo le cellule staminali della leucemia. In particolare, queste cellule vanno incontro ad una sorta di “suicidio” proprio perché il derivato degli Omega-3  attiva un gene – detto p53 – coinvolto nei fenomeni di morte cellulare programmata. Il fatto che le cellule prelevate dai topi trattati con questa molecola, trapiantate in altri animali, non siano in grado di far sviluppare un nuovo cancro dimostra che questa cura elimina completamente le cellule staminali tumorali. Speranze per il futuro Robert Paulson, coautore della ricerca, ha precisato che le attuali terapie contro la leucemia mieloide cronica sono in grado di prolungare l'aspettativa di vita dei pazienti, ma non li guarisce. Il derivato degli Omega-3 invece agisce direttamente sulle cellule che sono alla base del tumore e potrebbe curare definitivamente la malattia. Per questo la scoperta potrebbe aprire la strada alla messa a punto di una chemioterapia che sconfigga la leucemia mieloide cronica aggredendola alle radici.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Hegde S, Kaushal N, Ravindra KC, Chiaro C, Hafer KT, Gandhi UH, Thompson JT, van den Heuvel JP, Kennett MJ, Hankey P, Paulson RF, Prabhu KS, “{Delta}12-prostaglandin J3, an omega-3 fatty acid-derived metabolite, selectively ablates leukemia stem cells in mice”, Blood. 2011 Dec 22;118(26):6909-19. Epub 2011 Oct 3


    Articolo pubblicato in Tumori, Leucemie, linfomi e mielomi ed è stato taggato con

2 Articoli

 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi