**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Blog Omega-3

  • Omega-3 EPA: un'utile terapia contro l'endometriosi

    Assumere Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) è una valida terapia contro l'endometriosi. Lo dimostra uno studio della Jichi Medical University di Saitama (Giappone, pubblicato su Fertility and Sterility1. Per gli autori dello studio i grassi di origine alimentare Omega-6 non hanno lo stesso effetto terapeutico. Endometriosi ed infiammazione L'endometriosi è una malattia che colpisce circa il 10% delle donne ed è associata ad alti livelli di infiammazione. L'endometriosi è caratterizzata dalla crescita di alcune cellule della parete dell'utero (l'endometrio) su altri organi della cavità addominale, come le ovaie o l'intestino. Queste cellule durante il ciclo mestruale rispondono all'azione degli ormoni, come quelle che si trovano all'interno dell'utero, e provocano dolori accompagnati da infiammazione. Chirurgia, unica strada verso la guarigione L'endometriosi può svilupparsi già in età precoce: molte donne però scoprono di soffrirne dopo i 25 anni. Un ritardo nella diagnosi può aggravare in modo significativo il disturbo, condizione che: aumenta l'entità dei sintomi; arriva in alcuni casi a rendere difficoltoso il concepimento. Assumere antidolorifici permette di alleviare solo temporaneamente i dolori. L'unico trattamento che consente di eliminare la malattia è la rimozione chirurgica delle cellule cresciute in posizione anomala. L'interesse nella ricerca di terapie alternative è perciò molto elevato. Omega-3: nuova arma contro l'endometriosi I ricercatori giapponesi hanno valutato se gli Omega-3 potessero ridurre l'infiammazione associata a questa patologia. Come? Basandosi sull'ipotesi che l'aumento dell'incidenza dell'endometriosi nella popolazione sia associato a uno scorretto apporto di lipidi con l'alimentazione. Gli studi sono stati condotti su ratti. I roditori nell'arco di 2 settimane hanno ricevuto una dieta arricchita con Omega-3 EPA o Omega-6 LA (acido linoleico). Al termine del ciclo, l'utero di ogni animale è stato autotrapiantato nella cavità addominale per ottenere un modello di endometriosi. I ricercatori hanno poi alimentato i ratti per altre 4 settimane come nei 15 giorni precedenti. Lo stato dell'endometrio è stato analizzato 2 e 4 settimane dopo l'autotrapianto. E' stato così scoperto che l'alimentazione ricca di EPA provoca un aumento significativo degli Omega-3 rispetto agli Omega-6 presenti nell'organismo. I ricercatori spiegano che questo aumento è associato a una riduzione dell'ispessimento del tessuto in cui è localizzata l'infiammazione tipica dell'endometriosi, nonché dell'espressione di alcuni geni coinvolti nei processi infiammatori. Benefici degli Omega-3 contro l'endometriosi I risultati ottenuti confermano l'ipotesi che gli Omega-3 potrebbero rappresentare un valido aiuto nei confronti dell'endometriosi. Infatti uno studio precedente, pubblicato sempre su Fertility and Sterility2, aveva svelato che questi nutrienti riducono la sopravvivenza delle cellule dell'endometrio e regolano la funzione di alcune molecole che partecipano all'infiammazione. Un'altra ricerca ha altresì dimostrato che un'alimentazione ricca di Omega-3 può aiutare a prevenire l'endometriosi3.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Netsu S, Konno R, Odagiri K, Soma M, Fujiwara H, Suzuki M, “Oral eicosapentaenoic acid supplementation as possible therapy for endometriosis”, Fertil Steril. 2008 Oct;90(4 Suppl):1496-502. Epub 2007 Dec 3 2. Gazvani MR, Smith L, Haggarty P, Fowler PA, Templeton A, “High omega-3:omega-6 fatty acid ratios in culture medium reduce endometrial-cell survival in combined endometrial gland and stromal cell cultures from women with and without endometriosis”, Fertil Steril. 2001 Oct;76(4):717-22 3. Missmer SA, Chavarro JE, Malspeis S, Bertone-Johnson ER, Hornstein MD, Spiegelman D, Barbieri RL, Willett WC, Hankinson SE, “A prospective study of dietary fat consumption and endometriosis risk”, Hum Reprod. 2010 Jun;25(6):1528-35. Epub 2010 Mar 23.


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Endometriosi ed è stato taggato con

  • Contrastare l'obesità con gli Omega-3

    Gli Omega-3 potrebbero essere una nuova arma per contrastare l'obesità. Una serie di studi condotti sui roditori e sull'uomo suggerisce che questi acidi grassi contrastino l'accumulo di grasso e promuovano la perdita di peso se associati a una dieta ipocalorica o all'esercizio fisico. Gli esperti dell'University of South Australia di Adelaide (Australia) Jonathan Buckley e Peter Howe hanno riassunto gli indizi accumulati a tal proposito in un'analisi pubblicata dalla rivista Nutrients1. Ridurre i grassi sulla pancia Analizzando i dati di studi condotti sui roditori, gli scienziati hanno ipotizzato che aumentare l'assunzione di Omega-3 possa ridurre l'accumulo di peso. L'effetto osservato è associato a una diminuzione del grasso che si deposita a livello dell'addome, intorno agli organi interni. Gli studi condotti successivamente sull'uomo sembrano supportare questa ipotesi. Aumentare l'assunzione di Omega-3 di 0,3-3 grammi al giorno aiuterebbe a ridurre il peso e il grasso corporei negli individui in sovrappeso oppure obesi. Il consumo di questi acidi grassi rappresenta però una strategia efficace solo in abbinamento ad una dieta ipocalorica e all'attività fisica. Non solo: più i livelli di Omega-3 nel sangue sono elevati, minori sono l'indice di massa corporea, il girovita e la circonferenza dei fianchi. Gli studi condotti nei topi suggeriscono che gli effetti osservati possano non essere validi in caso di diabete: gli animali affetti da questa malattia non hanno tratto beneficio dall'aumento dell'assunzione di Omega-3. Più grassi “buoni”, meno grasso corporeo Nel corso delle ricerche è stato ipotizzato che promuovendo una riduzione dei trigliceridi in circolazione, l'aumento dei livelli di Omega-3, soprattutto di acido docosaesaenoico (DHA), porti a un minor accumulo di grasso nelle cellule. Ciò farebbe diminuire le dimensioni delle cellule di grasso. Altri studi sono scesi più nel dettaglio dell'azione degli Omega-3 a livelli delle cellule. E' stato scoperto che i benefici osservati sono associati alla modificazione dell'espressione di alcuni geni che favoriscono l'ossidazione dei grassi nei seguenti organi, tessuti e apparati: tessuto adiposo fegato cuore intestino muscoli scheletrici Accanto a questo effetto, un altro beneficio degli Omega-3 sembra essere la promozione dell'aumento della massa magra. Una delle ipotesi formulate è che assumere di 1,9-5 grammi al giorno di Omega-3 aumenti la vasodilatazione, ovvero il flusso del sangue nei muscoli durante l'esercizio. Di conseguenza i muscoli utilizzerebbero più nutrienti, rendendoli meno disponibili per la produzione del grasso e il suo accumulo nel tessuto adiposo. Gli Omega-3 riducono il senso di fame? I prodotti dimagranti disponibili sul mercato promettono un'azione basata sulla riduzione dell'appetito. Buckley e Howe nelle loro analisi spiegano che l'assunzione di Omega-3 non porta a mangiare di meno, e che negli studi che non prevedevano una dieta ipocalorica gli individui che hanno assunto Omega-3 introducevano le stesse calorie rispetto agli altri. Alcuni studi suggeriscono anche che una dose maggiore di Omega-3 riduca la sensazione di fame al termine dei pasti. Solo nuove ricerche permetteranno di fare luce su questo aspetto. Perché ancora dubbi? Buckley e Howe hanno spiegato che tutti gli effetti osservati non sono eclatanti e che i risultati degli studi condotti fino ad oggi non possono essere considerati definitivi. In particolare, sarà necessario confermare le ipotesi formulate sulla base di queste ricerche aumentando la durata delle ricerche, in modo da verificare se l'assunzione di Omega-3 sia davvero utile per perdere chili in caso di sovrappeso o obesità. Tutto ciò non sembra poter prescindere dall'attività fisica e da un'alimentazione salutare, da sempre indicati come i due principi cardine per mantenere la linea o recuperare la forma già persa. Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter. Fonte 1. Buckley JD, Howe PR, “Long-chain omega-3 polyunsaturated fatty acids may be beneficial for reducing obesity-a review”, Nutrients. 2010 Dec;2(12):1212-30. Epub 2010 Dec 9


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Problemi di peso ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 diminuiscono la sopravvivenza delle cellule endometriali

    Gli Omega-3 possono essere utili nel trattamento dell'endometriosi grazie alla loro capacità di ridurre la sopravvivenza delle cellule dell'endometrio. Questi acidi grassi possono altresì aiutare a ridurre l'infiammazione associata a questa malattia grazie alla regolazione della funzione delle citochine, molecole coinvolte nei processi infiammatori. Gli esperti del dipartimento di ostetricia e ginecologia dell'Ospedale di Aberdeen (Regno Unito) dimostrano le potenzialità di questi nutrienti nella cura di questo disturbo attraverso una ricerca pubblicata su Fertility and Sterility1. Endometriosi, quando l'infiammazione compromette la fertilità L'endometriosi è una malattia che colpisce circa il 10% delle donne: consiste in alcune cellule della parete dell'utero (l'endometrio) che crescono su altri organi della cavità addominale, come le ovaie o l'intestino. La diagnosi di endometriosi è spesso tardiva. Anche se il disturbo può comparire già alla prima mestruazione, di solito viene riconosciuto solo molti anni dopo. Questo ritardo può rendere la patologia una situazione molto invalidante, perché le cellule dell'endometrio che crescono in posizioni anomale rispondono all'azione degli ormoni che regolano il ciclo mestruale, come quelle nell'utero. Le conseguenze sono infiammazioni, dolori e sterilità. Così come le cause di questa malattia sono ancora sconosciute, anche le possibilità di cura sono poche e l'unica strada verso la risoluzione del problema è l'intervento chirurgico. Gli Omega-3 per l'endometriosi Uno studio pubblicato sulla rivista Human Reproduction ha dimostrato che il rischio di endometriosi può essere ridotto con un'alimentazione ricca di Omega-32. La ricerca condotta all'Ospedale di Aberdeen si è concentrata sul ruolo di questi e di altri acidi grassi di origine alimentare (gli Omega-6) nella crescita delle cellule dell'endometrio. Lo studio ha previsto di trattare in laboratorio delle cellule prelevate da donne che si sono rivolte ad un centro per l'infertilità. Ne è emerso che un rapporto fra Omega-3 e Omega-6 elevato, corrispondente a livelli maggiori dei primi, riduce la sopravvivenza delle cellule dell'endometrio. L'effetto degli Omega-3 è superiore sia quando gli Omega-3 e Omega-6 sono presenti in pari quantità, sia quando i secondi sono più abbondanti dei primi. Non solo: nel caso delle donne che soffrono di endometriosi, le cellule (che già di per sé producono maggiori quantità della citochina IL-8) ne producono ancora di più in presenza di elevati rapporti Omega-3/Omega-6. Un possibile trattamento non-chirurgico dell'endometriosi Secondo i ricercatori britannici questi risultati aprono la strada a nuovi trattamenti dell'endometriosi basati sull'uso degli Omega-3. In alternativa gli antidolorifici sono l'unico modo per sopportare i dolori fino a che non si renda necessario un intervento chirurgico. Però meglio non abusare a causa dei possibili effetti collaterali.   Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Gazvani MR, Smith L, Haggarty P, Fowler PA, Templeton A, “High omega-3:omega-6 fatty acid ratios in culture medium reduce endometrial-cell survival in combined endometrial gland and stromal cell cultures from women with and without endometriosis”, Fertil Steril. 2001 Oct;76(4):717-22. 2. Missmer SA, Chavarro JE, Malspeis S, Bertone-Johnson ER, Hornstein MD, Spiegelman D, Barbieri RL, Willett WC, Hankinson SE, “A prospective study of dietary fat consumption and endometriosis risk”, Hum Reprod. 2010 Jun;25(6):1528-35. Epub 2010 Mar 23.


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Endometriosi ed è stato taggato con

  • Come gli Omega-3 riducono l'infiammazione del tessuto adiposo associata all'obesità

    Gli Omega-3 contrastano l'infiammazione del tessuto adiposo causata dall'obesità. Lo dimostra uno studio dell'University of Manitoba di Winnipeg (Canada), i cui ricercatori hanno valutato l'effetto dell'assunzione di olio di semi di lino sulle cellule di grasso dei ratti. I semi di lino sono ricchi di Omega-3 ALA, acido alfa-linolenico. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Cytokine1. Obesità e infiammazione L'obesità non è solo un problema estetico. Le conseguenze dell'eccessivo accumulo di grasso riguardano infatti anche organi indispensabili per la vita, soprattutto quelli dell'apparato cardiovascolare. Obesità e sovrappeso sono associati ai seguenti fattori: pressione alta malattie cardiache diabete Queste condizioni possono altresì portare allo sviluppo di diverse patologie nonché vari stati di malessere fisico: difficoltà respiratorie; problemi alle ossa e alle articolazioni; disfunzioni del fegato; maggiore sensibilità alle infezioni; aumento del rischio di tumori, soprattutto nelle donne, dove i chili di troppo aumentano la probabilità di sviluppare il cancro al seno e quello all'ovaio. Più in generale, l'obesità altera il metabolismo. Il sistema immunitario contribuisce a questo fenomeno: le cellule infatti possono migrare nel tessuto adiposo, dove promuovono l'infiammazione. In questa situazione anche le cellule del tessuto adiposo smettono di funzionare correttamente, aumentando di dimensioni e variando la quantità e il tipo di molecole prodotte. Perché gli Omega-3 possono essere utili? Diversi studi hanno dimostrato che gli Omega-3 riescono a contrastare efficacemente l'infiammazione. Il salmone e lo sgombro (e il pesce grasso in generale) nonché prodotti vegetali come i semi di lino sono ricchi di questi acidi grassi. La maggior parte delle ricerche si è concentrata sui benefici dell'assunzione dei 2 principali Omega-3 di origine marina: EPA (acido eicosapentaenoico) DHA (acido docosaesaenoico) Gli autori di questo studio hanno invece analizzato le potenzialità dell'ALA, l'Omega-3 tipico del mondo vegetale. Anche l'olio di semi di lino combatte l'infiammazione La ricerca ha dimostrato che arricchire l'alimentazione di ratti obesi con olio di semi di lino, un supplemento ricco di ALA, riduce la dimensione delle cellule di grasso e i livelli di diverse molecole associate all'infiammazione. Dopo 8 settimane di assunzione continuativa di ALA, gli adipociti dei ratti erano più piccoli del 17% rispetto a quelli di animali obesi che non avevano ricevuto Omega-3: i livelli di MCP-1, una molecola che “attira” alcune cellule del sistema immunitario, erano 5 volte più bassi nel tessuto adiposo; i livelli di IL-10, un'altra sostanza associata all'infiammazione, era ridotta del 72%. Il risultato più eclatante riguarda però TNF-alfa, molecola cruciale nei processi infiammatori. Nel tessuto adiposo dei ratti che avevano ricevuto ALA, i suoi livelli erano dell'80% più bassi rispetto agli altri topi e simili a quelli degli animali non obesi. Infine, le concentrazioni di IL-10 e TNF-alfa, altre 2 molecole associate all'infiammazione, erano ridotte del 72 e dell'80%. Questa capacità di migliorare il funzionamento degli adipociti suggerisce che l'assunzione di olio di semi di lino potrebbe migliorare la salute degli individui obesi.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Baranowski M, Enns J, Blewett H, Yakandawala U, Zahradka P, Taylor CG, “Dietary flaxseed oil reduces adipocyte size, adipose monocyte chemoattractant protein-1 levels and T-cell infiltration in obese, insulin-resistant rats”, Cytokine. 2012 May 14.


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Problemi di peso ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 aumentano l'efficacia di creme e lozioni per la psoriasi

    Abbinare Omega-3 all'uso di creme e rimedi per la psoriasi a base di vitamina D aumenta l'efficacia del trattamento contro questa malattia della pelle. I benefici degli Omega-3 sulla psoriasi sarebbero già visibili dopo 8 settimane: lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Clinical, Cosmetical and Investigational Dermatology1.   Creme   I ricercatori dell'Hospital Universitario Sagrat Cor di Barcellona (Spagna) hanno dimostrato che combinare l'uso di creme e lozioni all'assunzione di Omega-3 consente di: migliorare i tipici sintomi della psoriasi, come il prurito e la desquamazione; migliorare la qualità della vita dei pazienti. Psoriasi, un disturbo della pelle legato all'infiammazione La psoriasi è un disturbo cronico che dipende dall'attività del sistema immunitario. L'infiammazione del derma (lo strato profondo della cute) è una sua caratteristica fondamentale, dimostrata da diversi studi che sono riusciti ad identificare alcune delle molecole coinvolte in questo processo infiammatorio. Il trattamento della psoriasi avviene attualmente attraverso l'applicazione di creme o pomate a base di diversi principi attivi su aree della pelle che presentano chiazze e desquamazioni. Tra i preparati per la psoriasi più innovativi vi sono i derivati della vitamina D. Utilizzati in combinazione con altri medicamenti possono essere applicati anche per lunghi periodi, consentendo di effettuare trattamenti di mantenimento. Perché trattare la psoriasi con gli Omega-3? Diverse ricerche hanno dimostrato che le proprietà antinfiammatorie degli Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) e degli Omega-3 DHA (acido docosaesaenoico) riducono i sintomi dell'infiammazione associati a diverse malattie della pelle. Infatti, l'assunzione di questi acidi grassi limita la diffusione del processo infiammatorio tipico di alcuni disturbi dermatologici. Per questo motivo alcuni ricercatori hanno valutato l'effetto dell'assunzione quotidiana di EPA e DHA da parte di pazienti affetti da psoriasi: l'analisi del cosiddetto Psoriasis Area and Severity Index (PASI) suggerisce che gli Omega-3 possono essere efficaci. Lo Psoriasis Area and Severity Index è un parametro che valuta i seguenti fattori e sintomi clinici: estensione desquamazione eritema ispessimento delle chiazze prurito I risultati di questo nuovo studio hanno confermato questa ipotesi, aggiungendo nuovi dettagli. Omega-3, meglio se in compagnia Gli autori hanno coinvolto nella ricerca 30 pazienti affetti da forme leggere o moderate di psoriasi, a cui è stato chiesto di applicare sulle chiazze un prodotto a base di derivati della vitamina D. Metà dei partecipanti hanno anche assunto ogni giorno 2 capsule di un integratore contenente Omega-3. La gravità del disturbo è stata valutata all'inizio del trattamento e dopo 4 e 8 settimane di applicazione del prodotto e di assunzione di acidi grassi. Come parametri sono stati utilizzati i seguenti indici di valutazione: PASI, Psoriasis Area and Severity Index, che valuta l'estensione, la desquamazione, l'eritema e l'ispessimento delle chiazze edi sintomi clinici come il prurito; NAPSI, Nail Psoriasis Severity Index, che valuta i sintomi che coinvolgono le unghie; DLQI, Dermatological Life Quality Index, che valuta l'impatto dei problemi di pelle sulla qualità della vita. Tutti i pazienti hanno ottenuto dei significativi miglioramenti di tutti gli indici, ma i risultati sono stati migliori nel caso in cui sono stati assunti anche gli Omega-3. Sulla base di questi risultati i ricercatori hanno concluso che l'effetto degli Omega-3 è complementare a quello dei prodotti per uso topico e contribuisce a ridurre i sintomi della psoriasi.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Balbás GM, Regaña MS, Millet PU, “Study on the use of omega-3 fatty acids as a therapeutic supplement in treatment of psoriasis”, Clin Cosmet Investig Dermatol. 2011;4:73-7. Epub 2011 Jun 20.


    Articolo pubblicato in Pelle, Psoriasi ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 migliorano la salute di chi soffre di diabete e scompenso cardiaco

    Assumere Omega-3 può migliorare lo stato di salute dei pazienti diabetici che soffrono di scompenso cardiaco. Studi clinici sui benefici degli Omega-3 presenti nella letteratura scientifica lo dimostrano ampiamente. I ricercatori dell'University of Alberta di Edmonton (Canada) hanno effettuato una revisione completa di tale documentazione: i risultati sono stai pubblicati sulla rivista Cardiovascular Drugs and Therapy1. Omega-3, i grassi “amici” del cuore Gli Omega-3 sono considerati acidi grassi “amici” della salute. Le prime notizie sui loro benefici risalgono agli anni Settanta del secolo scorso, quando è stato scoperto che l'incidenza di malattie cardiovascolari era particolarmente bassa nelle popolazioni groenlandesi che consumavano grandi quantità di pesce. Diversi studi dimostrano che cibi e integratori alimentari Omega-3 sono particolarmente utili per la salute del cuore e dei vasi sanguigni: questi nutrienti possono infatti ridurre le malattie cardiovascolari tra il 19 e il 45%. Un'alimentazione ricca di Omega-3 aumenta altresì l'efficacia delle statine, farmaci per diminuire i livelli di colesterolo. Allo stesso tempo la comparsa di seri effetti collaterali è molto rara. Gli esperti raccomandano a chi è a elevato rischio di malattie cardiovascolari di aumentare il consumo di Omega-3. Assumere Omega-3 in caso di diabete: un aiuto in più Chi soffre di scompenso cardiaco (o insufficienza cardiaca) può dover convivere anche con altre patologie, come il diabete. L'analisi condotta dai ricercatori canadesi dimostra che questi pazienti possono trarre particolare giovamento dall'assunzione di Omega-3: infatti questi nutrienti modificano e riducono i meccanismi molecolari delle cellule dell'organismo associati alla resistenza all'insulina, l'ormone che regola l'utilizzo degli zuccheri. In particolare, gli Omega-3 si legano ad alcune proteine presenti sulla membrana delle cellule e permettono di: ridurre la produzione di molecole coinvolte nei processi infiammatori; migliorare il funzionamento delle cellule che accumulano i grassi. Il risultato finale è proprio una riduzione della resistenza all'insulina e un miglioramento dello stato di salute di chi soffre di diabete. Quanti Omega-3 assumere? Per gli esperti mentre la dose giornaliera raccomandata di Omega-3 è pari a 500 milligrammi: chi soffre di disturbi cardiovascolari dovrebbe assumerne almeno 1 grammo al giorno. Chi invece ha problemi di trigliceridi può assumere 3-4 grammi di Omega-3 al giorno: in questo modo è possibile ridurre i livelli del 20-50%. Mangiare 2 porzioni di pesce grasso alla settimana permette di introdurre nell'organismo dai 400 ai 500 mg di questi acidi grassi. Chi ha bisogno di assumerne quantità maggiori può assumere integratori alimentari di olio di pesce.   Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Kazemian P, Kazemi-Bajestani SM, Alherbish A, Steed J, Oudit GY, “The Use of ω-3 Poly-Unsaturated Fatty Acids in Heart Failure: A Preferential Role in Patients with Diabetes”, Cardiovasc Drugs Ther. 2012 May 30. [Epub ahead of print]


    Articolo pubblicato in Sistema cardiovascolare, Malattie cardiovascolari ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 aiutano a recuperare la sensibilità dei nervi della cornea

    Il trattamento combinato con l'Omega-3 DHA e il fattore di crescita PEDF aiuta i nervi della cornea a rigenerarsi e a recuperare la sensibilità dopo interventi laser agli occhi. Un gruppo di ricercatori, coordinati da Haydee Bazan del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans (USA), ha pubblicato i risultati di uno studio condotto sui conigli sulle pagine degli Archives of Ophthalmology. Una volta confermati sull'uomo, questi risultati significheranno un nuovo approccio per rigenerare i nervi oculari e prevenire l'insorgenza di disturbi come l'occhio secco. Intervento chirurgico alla cornea: cosa succede ai nervi Alcune cellule nervose sanno crescere e ripararsi da sole dopo essere state danneggiate: i nervi periferici si rigenerano più facilmente rispetto a quelli del sistema nervoso centrale. La ricerca sta compiendo grandi sforzi per capire come aiutare i nervi a recuperare la sensibilità post-trauma, come quello associato agli interventi chirurgici. I progessi in questo settore permetterebbero di prevenire alcune complicazioni associate alle operazioni agli occhi o ad alcune malattie della superficie dell'occhio stesso. Un caso studiato è quello della cornea, lo strato trasparente che ricopre l'occhio e ricco di fibre nervose. Nel corso di interventi chirurgici alla cornea, come quelli correttivi al laser, tali nervi possono essere danneggiati. La sensibilità della cornea può diminuire in caso di danneggiamento e possono sorgere problemi, come una ridotta produzione di lacrime che a sua promuove disturbi come la sindrome dell'occhio secco. Il ruolo degli Omega-3 Una miscela di DHA (acido docosaesaenoico, uno degli Omega-3 di cui è ricco il pesce grasso) e del fattore di crescita PEDF (Pigment epithelium-derived factor) applicata all'occhio dopo l'intervento chirurgico consente la rigenerazione quasi completa dei nervi2. Lo dimostrano studi preliminari. In questa nuova ricerca, Bazan e colleghi hanno analizzato la funzionalità dei nervi della cornea rigenerati dopo il danneggiamento chirurgico in conigli trattati con PEDF e DHA. Per farlo hanno stimolato il battito di ciglia nell'occhio trattato: se il coniglio non sbatteva la palpebra la cornea è stata considerata insensibile. A 8 settimane dall'intervento, gli scienziati hanno così dimostrato che i nervi della cornea degli animali trattati con DHA e PEDF oltre ad essersi rigenerati erano sensibili come gli occhi sani. Il processo richiede tuttavia del tempo: dopo 4 settimane la sensibilità della cornea danneggiata era bassa; dopo 6 settimane era circa pari al 70% della sensibilità dell'occhio sano. Il processo di rigenerazione è, invece, più rapido: a sole 72 ore dall'intervento la cornea dei conigli trattati con Omega-3 e fattori di crescita era guarita quasi completamente. Nervi guariti e funzionanti grazie agli Omega-3 I risultati ottenuti dimostrano che il DHA usato in combinazione con il PEDF favorisce la guarigione dei nervi della cornea danneggiati. Consente, allo stesso tempo, il completo recupero funzionale. La scoperta apre la strada a nuovi trattamenti basati sugli Omega-3 per prevenire gli effetti collaterali di interventi invasivi agli occhi.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.   Fonte 1. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Recovery of corneal sensitivity, calcitonin gene-related peptide-positive nerves, and increased wound healing induced by pigment epithelial-derived factor plus docosahexaenoic acid after experimental surgery”, Arch Ophthalmol. 2012 Jan;130(1):76-83. Epub 2011 Sep 12 2. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Neuroprotectin D1 synthesis and corneal nerve regeneration after experimental surgery and treatment with PEDF plus DHA”, Invest Ophthalmol Vis Sci. 2010 Feb;51(2):804-10. Epub 2009 Sep 24    


    Articolo pubblicato in Vista, Interventi laser ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 prevengono le complicazioni degli interventi laser agli occhi

    L'intervento laser agli occhi per correggere difetti della cornea può danneggiare i nervi. Il trattamento con Omega-3 può prevenire ulteriori spiacevoli conseguenze. Jiucheng He e Haydee Bazan, esperti del Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans (Stati Uniti), spiegano il ruolo protettivo di questi nutrienti: in particolare dell'Omega-3 DHA (acido docosaesaenoico). I 2 ricercatori hanno spiegato che questa proprietà rende il DHA un possibile rimedio contro una delle più diffuse complicazioni dell'intervento: la sindrome dell'occhio secco o ipolacrimia. Le informazioni scientifiche sono state pubblicate sulle pagine della rivista Prostaglandins, Leukotrienes, and Essential Fatty Acids. Laser sulla cornea: quali sono i rischi? La cornea è un tessuto trasparente presente sulla superficie dell'occhio che protegge le strutture più interne, trasmette e rifrange la luce. Il film lacrimale è distribuito sulla sua superficie. All'interno sono presenti anche dei grassi che riducono l'evaporazione delle lacrime e ne consentono la disposizione uniforme. Fra questi è incluso anche l'Omega-3 ALA (acido alfa-linolenico). Gli interventi chirurgici laser per rimodellare la cornea possono danneggiare parte delle fibre nervose ad essa associate. Oltre a compromettere la sensibilità della cornea, questo danno può ridurre la produzione delle lacrime. La più comune conseguenza di questa situazione è la sindrome dell'occhio secco, caratterizzata da: fastidi agli occhi e alla vista infiammazione danneggiamento della superficie dell'occhio Omega-3 per una cornea perfetta Diversi studi suggeriscono che questa sindrome può essere prevenuta facendo attenzione alla quantità e al tipo di grassi introdotti con l'alimentazione: le donne che consumano elevate quantità di Omega-3 riducono del 20% la probabilità di soffrire di occhio secco;  un rapporto tra acidi grassi Omega-6 e Omega-3 sbilanciato a favore dei primi aumenta il rischio di svilupparlo. Il ruolo protettivo degli Omega-3 è stato dimostrato con la somministrazione ad alcuni animali una miscela di acido gamma linolenico nonché Omega-3 EPA e DHA (acido eicosapentaenoico e docosaesaenoico). Gli Omega-3 riducono i danni alla cornea I ricercatori si sono spinti anche oltre l'aspetto della prevenzione. Hanno dimostrato che l'applicazione topica (superficiale, senza ingestione né iniezione) dell'Omega-3 ALA consente di ridurre i danni alla cornea e i sintomi dell'infiammazione. Per gli scienziati questo effetto sarebbe mediato dalle molecole prodotte dall'organismo a partire dall'ALA: EPA, DHA e loro derivati, noti per le loro proprietà antinfiammatorie. In effetti ulteriori studi condotti sui topi hanno dimostrato che i derivati dell'EPA hanno proprio questo effetto. Un aiuto dopo l'intervento laser Sulla base di questi risultati, gli scienziati hanno sperimentato sui conigli l'efficacia del trattamento con DHA nella rigenerazione dei nervi associati alla cornea dopo l'intervento con il laser. Utilizzato in combinazione con diversi fattori di crescita, questo Omega-3 favorisce la rigenerazione dei nervi e il recupero della sensibilità della cornea2, previene la sindrome dell'occhio secco e altre possibili complicazioni dell'operazione. Gli Omega-3 potrebbero quindi costituire la nuova frontiera nella prevenzione delle conseguenze di danni ai nervi associati alla cornea causati dal laser. Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. He J, Bazan HE, “Omega-3 fatty acids in dry eye and corneal nerve regeneration after refractive surgery”, Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2010 Apr-Jun;82(4-6):319-25. Epub 2010 Mar 3. 2. Cortina MS, He J, Li N, Bazan NG, Bazan HE, “Recovery of corneal sensitivity, calcitonin gene-related peptide-positive nerves, and increased wound healing induced by pigment epithelial-derived factor plus docosahexaenoic acid after experimental surgery”, Arch Ophthalmol. 2012 Jan;130(1):76-83. Epub 2011 Sep 12.


    Articolo pubblicato in Vista, Interventi laser ed è stato taggato con

  • Infezione da HIV: gli Omega-3 riducono i trigliceridi e aumentano il colesterolo buono

    Un'alimentazione sana, arricchita di Omega-3 e povera di grassi saturi nonché di quelli totali, permette ai pazienti in terapia con antiretrovirali (terapia HIV) di diminuire i livelli di trigliceridi e di infiammazione e aumentare il colesterolo “buono”. E' questo quanto emerge da uno studio della School of Medicine della Tufts Univeristy (Boston, Stati Uniti), pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition1. Integrare con Omega-3 potrebbe essere una valida alternativa all'assunzione di ulteriori farmaci oltre a quelli di cui questi pazienti non possono fare a meno. HIV, trigliceridi e colesterolo Il livello di trigliceridi nel sangue dei pazienti affetti da HIV è in genere superiore alla norma. Viceversa, in questi pazienti le concentrazioni del cosiddetto colesterolo “buono” sono basse. La terapia antiretrovirale permette di tenere sotto controllo il virus: non ha però migliorato il profilo lipidico di questi individui. È necessario trovare rimedi per riportare i livelli di grassi ematici a quantità non pericolose per la salute. È altresì necessario ricordare che chi è infetto da HIV assume già una grande quantità di potenti farmaci. Per non correre il rischio di interazioni dannose, è preferibile non aggiungere ulteriori medicinali alla terapia. Perché gli Omega-3 possono essere utili in caso di infezione da HIV? Gli Omega-3 sono acidi grassi capaci di controllare i livelli di trigliceridi nel sangue. Non si tratta di farmaci, ma di nutrienti senza effetti collaterali. Non solo, studi precedenti a quello dei ricercatori di Boston avevano già suggerito che gli Omega-3 possono ridurre i trigliceridi anche nel sangue nei pazienti infetti da HIV. In particolare, una dose di questi acidi grassi variabile tra i 2 e i 6 grammi al giorno riesce a ridurre del 15-25% i livelli di trigliceridi anche in chi è in terapia con antiretrovirali. Omega-3, efficacia confermata da uno studio Quest'efficacia è stata confermata dalla ricerca pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition. 54 individui che stavano assumendo antiretrovirali hanno ricevuto per un totale di 13 settimane 6 grammi al giorno di Omega-3. Come controllo hanno ricevuto un placebo. Dopo 3 settimane i livelli di trigliceridi nel sangue di chi stava assumendo gli Omega-3 era passato dai 180 mg/dl iniziali a 114 mg/dl. Dopo altre 10 settimane la concentrazione era ulteriormente scesa a 110 mg/dl. Dopo 3 e 13 settimane i livelli di questi grassi in chi stava assumendo il placebo, inizialmente intorno ai 175 mg/dl, erano aumentati fino a 183 e 205 mg/dl. Allo stesso tempo, dopo 3 settimane di trattamento con Omega-3 i livelli totali di colesterolo erano passati da 208 mg/dl a 186 mg/dl. Questo effetto è risultato associato a un aumento del colesterolo “buono” al termine delle 13 settimane di sperimentazione. Infine, assumere Omega-3 ha permesso di ridurre i livelli di infiammazione, come dimostrato dalla riduzione dei livelli di acido arachidonico riscontrata solo in chi ha assunto questi nutrienti.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.         Fonte 1. Woods MN, Wanke CA, Ling PR, Hendricks KM, Tang AM, Knox TA, Andersson CE, Dong KR, Skinner SC, Bistrian BR, “Effect of a dietary intervention and n-3 fatty acid supplementation on measures of serum lipid and insulin sensitivity in persons with HIV”, Am J Clin Nutr. 2009 Dec;90(6):1566-78. Epub 2009 Oct 21


    Articolo pubblicato in Sistema cardiovascolare, Colesterolo ed è stato taggato con

  • Omega-3 e Omega-6 riducono il rischio cardiovascolare associato all'artrite reumatoide

    Assumere oli ricchi di Omega-3 e Omega-6 migliora il profilo lipidico di chi soffre di artrite reumatoide e permette di ridurre il rischio cardiovascolare. Questo effetto potrebbe essere utile per diminuire il rischio nei pazienti che sono soggetti a una maggiore probabilità di sviluppare disturbi dell'apparato cardiocircolatorio. A dimostrare le potenzialità di questi nutrienti sono stati i ricercatori dell'University of Massachusetts-Worcester (USA), in uno studio pubblicato sulla rivista Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. Artrite reumatoide, non solo un problema di articolazioni L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni sinoviali. Chi soffre di questa patologia è esposto a un rischio di decesso da 1,5 a 3 volte superiore rispetto al resto della popolazione. La differenza è dovuta soprattutto alla maggiore incidenza di disturbi cardiovascolari, paragonabile a quella dei pazienti affetti da diabete mellito. L'alterazione dei livelli dei lipidi e l'infiammazione associata a questa malattia possono portare alla comparsa precoce di fenomeni di aterosclerosi. Chi soffre di tale tale patologia non può sostenere poi i livelli di attività fisica raccomandati per ridurre il rischio cardiovascolare. Per questo motivo la ricerca di trattamenti che possano aiutare a regolare i livelli dei lipidi in questi pazienti è di primaria importanza. Acidi grassi per controllare i lipidi Gli acidi grassi controllano i fenomeni infiammatori e modulano le risposte immunitarie introducendosi nelle membrane delle cellule coinvolte in questi processi. Decenni di ricerche hanno evidenziato i benefici degli Omega-3 per la salute del cuore. Studi precedenti hanno altresì dimostrato che l'assunzione combinata di oli ricchi di acido eicosapenatenoico (EPA, un Omega-3) e acido gamma-linoleico (GLA, un Omega-6) riduce i sintomi della sinovite, una patologia della membrana che avvolge le articolazioni. I ricercatori di Worcester hanno condotto uno studio in cui pazienti affetti da artrite reumatoide o da sinovite hanno assunto i seguenti oli: olio di semi di borragine (ricco di GLA) olio di pesce (ricco di EPA e di un altro Omega-3, l'acido docosaesaenoico o DHA) una combinazione di entrambi. In totale i pazienti hanno ricevuto il seguente trattamento quotidiano: 3,5 g di EPA + DHA 1,8 g di GLA o 3,5 g di EPA + DHA 1,8 g di GLA Tutte divise in 2-3 dosi da assumere ai pasti. Efficacia dimostrata su trigliceridi e colesterolo L'analisi dei livelli di trigliceridi e colesterolo all'inizio dello studio e dopo 9 e 18 mesi di assunzione ha svelato che: il profilo lipidico era migliorato in tutti i pazienti; il trattamento combinato è quello più efficace. In particolare, dopo 9 mesi i ricercatori hanno osservato questi miglioramenti: riduzione del colesterolo totale; riduzione del colesterolo LDL (il colesterolo “cattivo”); riduzione del livello di trigliceridi. Viceversa, i livelli di colesterolo HDL (colesterolo “buono”) erano aumentati. Infine, anche il rischio di formazione di placche aterosclerotiche è risultato maggiore. Tutti i miglioramenti osservati a 9 mesi sono stati riscontrati anche al termine dei 18 mesi di trattamento. Un aiuto dagli acidi grassi Secondo gli autori, questi risultati indicano che gli oli ricchi di Omega-3 e Omega-6, soprattutto se utilizzati in combinazione, rappresentano un'efficace terapia per ridurre il rischio cardiovascolare in caso di artrite reumatoide.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Olendzki BC, Leung K, Van Buskirk S, Reed G, Zurier RB, “Treatment of rheumatoid arthritis with marine and botanical oils: influence on serum lipids”, Evid Based Complement Alternat Med. 2011;2011:827286. Epub 2011 Oct 9.


    Articolo pubblicato in Sistema immunitario, Artrite reumatoide ed è stato taggato con

Articoli da 241 a 250 di 392 totali

Pagina:
  1. 1
  2. ...
  3. 23
  4. 24
  5. 25
  6. 26
  7. 27
  8. ...
  9. 40
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi