**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Blog Omega-3

  • Trombosi: Omega-3 la contrastano riducendo la trombina

    L'assunzione di Omega-3 riduce la formazione della trombina. La trombina è una proteina che favorisce la coagulazione del sangue, rendendo più permeabili i coaguli che ostruiscono i vasi sanguigni in chi soffre di malattie coronariche. La scoperta, effettuata dai ricercatori dello Jagiellonian University Medical College di Cracovia (Polonia) e pubblicata su Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology, aggiunge nuovi dettagli all'azione antitrombotica degli Omega-3. Trombosi e Omega-3 Gli acidi grassi Omega-3 aiutano a mantenere il sistema cardiovascolare in uno stato di buona salute. Le loro proprietà includono le capacità di ridurre i trigliceridi in eccesso e di aumentare i livelli del cosiddetto colesterolo “buono”. Queste azioni aiutano a diminuire l'aterosclerosi, cioè la formazione di depositi di colesterolo sulla parete delle arterie. Tale fenomeno causerebbe un restringimento del diametro dei vasi sanguigni che ostacola il flusso del sangue aumenta il rischio di trombosi. L'aumento dei livelli di colesterolo "buono" riduce, quindi, il rischio cardiovascolare. Un nuovo meccanismo d'azione Gli autori di questa ricerca hanno valutato se gli Omega-3 possono essere altresì utili per modificare le proprietà dei coaguli, nonché la formazione della trombina, in pazienti affetti da malattie coronariche che devono subire un'angioplastica. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno chiesto a 30 di questi pazienti di assumere 1 grammo al giorno di Omega-3 per 1 mese. Altri 24 pazienti hanno, invece, assunto per lo stesso periodo un'uguale quantità di un placebo. All'inizio dell'esperimento non ci sono state particolari differenze nelle caratteristiche dei coaguli e nella formazione della trombina fra i 2 gruppi di individui. In chi aveva assunto gli Omega-3, dopo 1 mese, i coaguli di fibrina erano il 15,3% più permeabili rispetto a quanto riscontrato nel gruppo di controllo. Non solo: l'assunzione degli acidi grassi aveva ridotto del 14,3% il tempo necessario per la dissoluzione dei coaguli. Allo stesso modo, i parametri della produzione della trombina sono risultati più bassi di una percentuale variabile tra il 13 e il 34%. Dopo 1 mese di assunzione di Omega-3, anche l'espressione di un marcatore dello stress ossidativo è risultata inferiore (in particolare, del 13,1%) rispetto a quanto osservato nei pazienti che avevano assunto il placebo. L'efficacia antitrombotica degli Omega-3 I risultati ottenuti indicano che gli Omega-3 riducono il rischio di trombosi perché: aumentano i livelli di colesterolo buono; riducono la formazione di una molecola che promuove la coagulazione (la trombina); modificano le proprietà dei coaguli. L'assunzione di questi acidi grassi insieme alle terapie standard contrasta anche lo stress ossidativo nei pazienti che devono sottoporsi ad angioplastica.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Sistema cardiovascolare, Trombosi ed è stato taggato con

  • Obesità: Omega-3 aiutano a perdere peso?

    Gli Omega-3 possono aiutare a ridurre la massa grassa e perdere peso in chi soffre di obesità, ma l'effetto è limitato solo alle prime fasi di una dieta molto rigida. Sono queste le conclusioni a cui sono giunti gli esperti del Nutraceuticals Research Group dell'Università di Newcastle (Australia), al termine di uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Problemi di peso ed è stato taggato con

  • Semi e olio di chia per uova con più Omega-3

    Arricchire l'alimentazione delle galline con semi o olio di chia (Salvia hispanica) permette di ottenere uova con maggiori quantità di Omega-3. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori guidato da Alejandra Antruejo dell'Universidad Nacional de Rosario di Casilda (Argentina). In uno studio pubblicato dalla rivista British Poultry Science, Antruejo e colleghi hanno scoperto che le fonti di Omega-3 assunte dalle galline vengono processate in modo diverso. Utilizzare i semi di chia può aumentare più del 60% la quantità di questi acidi grassi accumulati nelle uova rispetto a quanto fatto dai semi di lino. Alimentazione sana ed equilibrata: l'amica della salute Un'alimentazione ricca di grassi, soprattutto se appartenenti al gruppo dei cosiddetti grassi saturi, aumenta la probabilità di sviluppare alcune malattie cardiovascolari. Esistono però anche dei grassi “amici” della salute. Si tratta degli Omega-3, nutrienti di cui sono ricchi il pesce grasso e alcuni vegetali, come i semi di lino e le noci. Una dieta in cui l'apporto di queste molecole è superiore rispetto a quello di altri acidi grassi, gli Omega-6, aiuta a diminuire proprio il rischio cardiovascolare. Il regime alimentare tipico dei paesi occidentali è però caratterizzato da un rapporto tra Omega-6 e Omega-3 sbilanciato a favore dei primi. Per aumentare la quantità di grassi “amici” introdotti con l'alimentazione è possibile arricchire la propria dieta di cibi che ne contengano dosi elevate. Oltre ai già citati pesci grassi e prodotti vegetali, il mercato offre la possibilità di acquistare diversi alimenti arricchiti di Omega-3. Fra questi ci sono le uova deposte da galline che vengono alimentate con mangimi arricchiti di questi acidi grassi. Un mangime non vale l'altro Il gruppo di ricercatori guidati da Antruejo ha voluto valutare se la quantità di Omega-3 presenti all'interno di queste uova fosse diversa a seconda della fonte di acidi grassi aggiunta al mangime delle galline. In uno studio che è durato circa 84 giorni, gli studiosi argentini hanno alimentato gli animali con semi e olio di lino e di chia, una pianta appartenente alla famiglia della menta conosciuta anche con il nome di salba. Ne è emerso che tutte queste fonti di Omega-3 permettono di aumentare i livelli di questi nutrienti presenti nel tuorlo. Tuttavia, l'olio e i semi di chia sono delle fonti migliori rispetto a quelli di lino. Già dopo i primi 56 giorni di sperimentazione, le galline alimentate con l'olio e i semi di questa pianta producevano uova contenenti, in ogni grammo di tuorlo, il 54,5 e il 63,5% in più di Omega-3 di quelle che stavano ricevendo olio o semi di lino. Dopo 84 giorni le differenze riscontrate erano invece del 13,4 e del 66,2%. Una nuova fonte di Omega-3 Secondo gli autori questa ricerca dimostra che le galline utilizzano con un'efficienza diversa le differenti fonti di Omega-3. Ciò, spiegano i ricercatori, suggerisce che la chia potrebbe diventare una fonte importante di Omega-3 da utilizzare per produrre cibi arricchiti con maggiori quantità di questi preziosi nutrienti.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Fonti Omega-3 vegetali ed è stato taggato con

  • Soia arricchita di acido stearidonico è fonte alternativa di Omega-3

    La soia arricchita di acido stearidonico potrebbe presto diventare una fonte alternativa di acidi grassi Omega-3. Così vorrebbe la Monsanto, multinazionale da anni impegnata nella ricerca sulle piante geneticamente modificate, che ha messo a punto una varietà di soia in grado di accumulare questa molecola. L'olio di soia ad alto contenuto di acido stearidonico potrebbe essere utilizzato per arricchire di Omega-3 (senza alterazioni di sapore) vari alimenti: prodotti da forno cereali per la prima colazione formaggi L'acido stearidonico Gli effetti benefici degli Omega-3 hanno reso sempre più popolari questi nutrienti, la cui fonte principale sono i pesci grassi come il tonno, il salmone e l'halibut. Il pesce contiene 2 tipi di Omega-3: l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA), che possono essere facilmente utilizzati dall'organismo umano. Altri alimenti di origine vegetale sono invece più ricchi di un altro Omega-3: l'acido alfa-linolenico (ALA). Per poter essere utilizzata questa molecola, una volta introdotta con la dieta, deve essere convertita dall'organismo in EPA e DHA. Purtroppo questo processo di conversione non è molto efficiente e permette solo al 10% dell'ALA di essere trasformato in EPA. L'organismo converte l'acido stearidonico (SDA) in EPA più facilmente di quanto non faccia con l'ALA. La soia prodotta dalla Monsanto è in grado di convertire l'ALA in essa contenuto in SDA, rendendo gli Omega-3 più facilmente utilizzabili da parte dell'organismo umano. Soia ottenuta con l'ingegneria genetica I ricercatori hanno ottenuto questa varietà di soia introducendo nel genoma della pianta 2 geni provenienti, rispettivamente, da un'altra pianta (Primula juliae) e da una muffa (Neurospora crassa). L'unico effetto di questi inserimenti, spiegano gli scienziati, è quello di permettere la conversione dell'ALA in SDA e, di conseguenza, di rendere l'olio di soia una sorta di precursore dell'olio di pesce. Ora l'obiettivo di Monsanto è quello di arricchire diversi prodotti alimentari con la sua soia, in modo da fornire al consumatore 375 milligrammi di SDA per ogni porzione. Olio di pesce: soia arricchita di SDA come alternativa Secondo i ricercatori, la soia arricchita di SDA potrebbe rappresentare una valida alternativa all'olio di pesce per chi non ne ama il sapore. Avere un'altra possibile fonte da cui ricavare Omega-3 potrebbe altresì aiutare a ridurre i rischi associati a una pesca incontrollata. Tuttavia, le quantità di SDA da assumere per raggiungere un adeguato apporto di EPA sarebbero 4-5 volte superiori rispetto a quelle necessarie introducendo direttamente l'EPA contenuto nel pesce o nell'olio di pesce. Già nel 2011 alcune aziende si sono mostrate interessate a commercializzare cibi arricchiti con SDA. All'epoca l'obiettivo era quello di iniziare a venderli già nel 2012. Non resta che aspettare altre novità.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Fonti Omega-3 vegetali ed è stato taggato con

  • Diabete di tipo 2: gli Omega-3 contro il rischio di aterosclerosi

    L'assunzione di acidi grassi Omega-3 riporta nella norma l'attività della paraoxonasi, un enzima che contrasta l'aterosclerosi e la cui funzione è ridotta in chi soffre di diabete di tipo 2. La notizia arriva dal dipartimento di nutrizione ebiochimica della Tehran University of Medical Sciences (Tehran, Iran), dove un gruppo di ricercatori ha valutato l'effetto di questi nutrienti su alcuni parametri alterati in questo tipo di diabete. I risultati ottenuti dagli scienziati sono stati pubblicati sul Journal of Research in Medical Sciences. Il diabete di tipo 2 Il diabete di tipo 2 è una patologia che spesso si sviluppa con il passare degli anni, ma che non colpisce solo gli anziani. Le categorie a rischio sono infatti diverse: coloro che hanno casi di diabete in famiglia; donne che ne hanno sofferto in gravidanza; chi è in sovrappeso o obeso; chi ha livelli di colesterolo o trigliceridi troppo elevati; chi conduce una vita sedentaria. L'insulinoresistenza è la causa della malattia. In questa condizione, le cellule dell'organismo non sono più in grado di utilizzare l'insulina, l'ormone che controlla l'uso degli zuccheri. In questa situazione, la concentrazione del glucosio nel sangue aumenta significativamente. Tuttavia, la cosiddetta glicemia non è l'unico fattore ad essere alterato. Alcune ricerche hanno infatti riscontrato in chi soffre di tale patologia livelli di vitamina A e C più bassi rispetto alla norma. Non solo: chi soffre di questa forma di diabete è anche caratterizzato da una minore attività dell'enzima paraoxonasi. Questa molecola circola nel sangue associata al cosiddetto colesterolo “buono” e ha una funzione importante nel contrastare le modifiche del colesterolo “cattivo” che promuovono l'aterosclerosi. Omega-3 a sostegno della paraoxonasi contro l'aterosclerosi Gli scienziati iraniani hanno studiato gli effetti esercitati dagli Omega-3 assunti sotto forma di integratori alimentari sull'attività della paraoxonasi e sui livelli di vitamina A, C ed E. La ricerca ha coinvolto 80 pazienti affetti da diabete di tipo 2, cui è stata prescritta l'assunzione di Omega-3 (per un totale di di 2,714 grammi al giorno) o di un placebo per 8 settimane. All'inizio e alla fine del periodo di trattamento, i ricercatori hanno prelevato da ciascun paziente (a digiuno) 10 millilitri di sangue. Nei campioni sono stati misurati i livelli delle 3 vitamine nonché l'attività della paraoxonasi. Tutti i pazienti hanno inoltre compilato, nei 2 giorni antecedenti e predenti il trattamento, un questionario sulle proprie abitudini alimentari. L'analisi statistica dei dati raccolti ha permesso di dimostrare che l'assunzione di Omega-3 aumenta circa del 42% l'attività dell'enzima. Non è stato invece rilevato alcun effetto di questi nutrienti sulle concentrazioni di vitamina A, C o E. Non solo diabete 1 I risultati ottenuti indicano che gli Omega-3, i cui benefici per chi soffre di diabete di tipo 1 sono già stati dimostrati da altre ricerche, aiutano anche a normalizzare alcuni parametri alterati in caso di diabete di tipo 2.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.   Fonte 1. Roqueta-Rivera M, Stroud CK, Haschek WM, Akare SJ, Segre M, Brush RS, Agbaga MP, Anderson RE, Hess RA, Nakamura MT, “Docosahexaenoic acid supplementation fully restores fertility and spermatogenesis in male delta-6 desaturase-null mice”, J Lipid Res. 2010 Feb;51(2):360-7. Epub 2009 Aug 18 2. Safarinejad MR, Hosseini SY, Dadkhah F, Asgari MA, “Relationship of omega-3 and omega-6 fatty acids with semen characteristics, and anti-oxidant status of seminal plasma: a comparison between fertile and infertile men”, Clin Nutr. 2010 Feb;29(1):100-5. Epub 2009 Aug 8


    Articolo pubblicato in Diabete, Diabete di tipo 2 ed è stato taggato con

  • Omega-3, poche differenze tra i livelli di vegetariani e vegani

    I livelli di Omega-3 presenti nei consumatori di pesce, nei vegetariani e nei vegani sono simili fra loro. Lo ha svelato uno studio coordinato dall'University of East Anglia (Norwich, Regno Unito), in cui Alisa Welch e colleghi hanno analizzato l'ipotesi che escludere il pesce dalla propria alimentazione corrispondesse a ridurre la presenza di queste preziose molecole nell'organismo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sull'American Journal of Clinical Nutrition. Le fonti di Omega-3 Gli acidi grassi Omega-3 sono presenti in diversi alimenti di origine animale e vegetale, ma la fonte principale di questi nutrienti sono i pesci grassi. I pesci contengono livelli elevati sia di EPA (acido eicosapentaenoico), sia di DHA (acido docosaesaenoico), gli Omega-3 attivi all'interno dell'organismo. Gli alimenti di origine vegetale (come le noci e i semi di lino) sono invece una fonte migliore di ALA (acido alfa-linolenico). Quest'ultimo è un precursore di EPA e DHA. Una volta introdotto con l'alimentazione, l'organismo deve convertirlo in questi 2 acidi grassi per poter beneficiare dell'azione degli Omega-3. Per questo motivo, Welch e colleghi hanno deciso di analizzare se la scelta di bandire il pesce dalla propria dieta (come fa chi è vegetariano o vegano) potesse ridurre la presenza di EPA e DHA nell'organismo. Lo studio La ricerca ha coinvolto 14.422 individui appartenenti al gruppo di studio EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition)-Norfolk. Gli autori hanno analizzato i dati relativi alle abitudini alimentari dei partecipanti, raccolti attraverso un diario settimanale, per analizzare l'esistenza di un'eventuale correlazione tra regime dietetico e livelli di Omega-3 presenti nel circolo sanguigno. Inoltre sono state misurate le concentrazioni di EPA e DHA nel plasma sanguigno. Grazie a queste informazioni è stato possibile calcolare anche il tasso di conversione dell'ALA negli altri 2 Omega-3. I risultati Le analisi hanno dimostrato che per chi non mangia pesce, ma include altri cibi di origine animale della propria dieta, la fonte principale di Omega-3 è la carne. I vegetariani invece ottengono questi nutrienti dai grassi spalmabili (ad esempio il burro o la margarina), dalle zuppe e dalle salse. La quantità totale di Omega-3 introdotti da chi non mangia pesce è risultata variabile tra il 57 e l'80% di quella tipica di chi invece lo consuma. Tuttavia, le differenze osservate nelle concentrazioni plasmatiche sono risultate decisamente più contenute. Non solo, il tasso di conversione dell'ALA in EPA e DHA è risultato maggiore in chi non mangia pesce e nelle donne. Un tasso di conversione inatteso In base a questi risultati i ricercatori hanno concluso che il regime alimentare non influenza fortemente i livelli di Omega-3 presenti nell'organismo. L'ipotesi formulata dagli autori è che ciò sia reso possibile dal fatto che in chi non mangia pesce il tasso di conversione dell'ALA in EPA e DHA è più elevato di quanto non lo sia in chi lo mangia.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Alimentazione, Vegani e vegetariani

  • Omega-3 in vena riducono i sintomi dell'artrite reumatoide

    La somministrazione endovenosa di Omega-3 può contrastare il gonfiore e il dolore alle articolazioni tipci dell'artrite reumatoide. I benefici ottenuti in questo modo possono essere prolungati se la terapia viene proseguita facendo assumere ai pazienti gli stessi acidi grassi per via orale. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori guidato da Babak Bahadori dello State Hospital Muerzzuschlag (Muerzzuschlag, Austria), in uno studio i cui risultati sono stati pubblicati su JPEN-Journal of Parenteral and Enteral Nutrition. Sintomi artrite reumatoide: Omega-3 per prevenire e per curare L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune che colpisce le articolazioni. La sua incidenza diminuisce con un consumo regolare di pesce, una delle fonti principali di Omega-3. L'efficacia di questi acidi grassi non si limita, tuttavia, alla prevenzione della malattia. La somministrazione di questi nutrienti riduce infatti anche i suoi sintomi in modo dose-dipendente. Secondo alcuni studi, questo effetto si basa sulla capacità degli Omega-3 di tenere sotto controllo le reazioni infiammatorie. Non solo: l'assunzione di questi acidi grassi riduce la necessità di assumere farmaci antinfiammatori per contrastare il dolore alle articolazioni. Somministrazione endovenosa di Omega-3 per il trattamento dei sintomi Bahadori e colleghi hanno testato l'efficacia e la sicurezza della somministrazione di Omega-3 direttamente nelle vene per il trattamento dei sintomi dell'artrite reumatoide. Lo studio ha coinvolto 23 pazienti affetti da forme moderate o gravi della malattia. Ogni individuo è stato casualmente scelto per ricevere un'emulsione di olio di pesce ricco di Omega-3 o, come placebo, una soluzione salina. In entrambi i casi, la somministrazione ha previsto l'infusione intravenosa per 14 giorni consecutivi. Nelle 20 settimane successive i pazienti hanno assunto delle capsule contenenti olio di pesce o, sempre come placebo, cera di paraffina. L'efficacia del trattamento è stata valutata misurando il numero di articolazioni gonfie e doloranti. L'efficacia dell'assunzione per endovena All'inizio del trattamento il numero di articolazioni gonfie e doloranti era simile in tutti i pazienti. Dopo una settimana di infusione, chi aveva assunto Omega-3 aveva una quantità di articolazioni gonfie significativamente inferiore rispetto a chi aveva ricevuto il placebo. Dopo la seconda settimana di trattamento, i ricercatori hanno osservato che la differenza fra i 2 gruppi continuava ad essere significativa. Le differenze nel conteggio delle articolazioni doloranti sono state invece meno eclatanti. Sia il gonfiore che il dolore erano significativamente inferiori anche in quei pazienti che dopo i 14 giorni di infusione hanno continuato ad assumere Omega-3 per via orale anziché le capsule di placebo. Un approccio efficace e sicuro In base ai dati raccolti, gli autori della ricerca hanno concluso che la somministrazione di Omega-3 direttamente in vena è efficace nel ridurre i sintomi dell'artrite reumatoide. Allo stesso tempo, Bahadori e colleghi hanno dimostrato che questo tipo di approccio è ben tollerato dai pazienti. D'altra parte, proseguire il trattamento con la somministrazione orale degli acidi grassi ne prolunga gli effetti benefici.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Sistema immunitario, Artrite reumatoide ed è stato taggato con

  • Fertilità maschile: gli Omega-3 proteggono gli spermatozoi

    cibi ricchi di Omega-3 migliorano la fertilità maschile perché proteggono e perfezionano le caratteristiche degli spermatozoi. La buona notizia arriva dalla rivista Human Reproduction, che ha pubblicato i risultati di uno studio guidato da Jill Attaman dell'Harvard Medical School di Boston (Stati Uniti). Oltre ai già noti benefici apportati alla salute, i dati raccolti dal ricercatore indicano che gli Omega-3 possono altresì contribuire a migliorare la fertilità maschile. Grassi “buoni” e grassi “cattivi”: la differenza La convinzione che i grassi siano nutrienti dannosi per la salute nasce da anni di ricerche sul sovrappeso, sull'obesità e sulle malattie cardiovascolari. I grassi non sono però tutti uguali e non devono essere completamente banditi dall'alimentazione. Oltre ad essere degli insostituibili costituenti delle cellule, queste molecole svolgono importanti funzioni che, a seconda del tipo di grasso preso in considerazione, possono anche migliorare lo stato di salute. E' il caso degli Omega-3, acidi grassi essenziali che svolgono un'indubbia azione benefica sull'organismo. In particolare: contrastano i fenomeni infiammatori; riducono il rischio di sviluppare malattie croniche, come disturbi cardiocircolatori e artrite; aiutano lo sviluppo e il funzionamento del sistema nervoso. Promuovere la fertilità maschile con gli Omega-3 Attaman e colleghi hanno aggiunto un nuovo tassello al mosaico dei benefici degli Omega-3. Lo scopo dei ricercatori era valutare il legame tra i grassi introdotti con l'alimentazione e i parametri che indicano la qualità dello sperma. Lo studio ha coinvolto 99 uomini che si erano rivolti ad una clinica per la fertilità, con un età media di circa 36 anni e mezzo. I partecipanti sono stati suddivisi in 3 gruppi in base ai livelli di grassi assunti con la dieta. L'analisi dello sperma ha svelato che un elevato apporto di questi nutrienti riduce significativamente il numero di spermatozoi. Infatti, rispetto agli uomini che consumavano i livelli più bassi di grassi, quelli che ne assumevano le quantità più elevate avevano una quantità totale e una concentrazione di spermatozoi inferiori: rispettivamente del 43 e del 38%. Tuttavia, gli spermatozoi degli uomini che seguivano un'alimentazione ricca di Omega-3 avevano caratteristiche morfologiche migliori. Cibi ricchi di grassi e qualità dello sperma: associazione significativa Attaman ha sottolineato che il binomio "assunzione di cibi ricchi di grassi/qualità dello sperma" offre un'ulteriore prova dei potenziali benefici derivanti dalla riduzione del consumo di questi alimenti. Nonostante siano necessari ulteriori studi per dimostrare l'esistenza di una relazione causa-effetto, i risultati ottenuti confermano l'importanza di una dieta sana per garantire la propria fertilità.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Fertilità maschile

  • Omega-3 DHA in allattamento: l'assunzione aumenta la capacità di attenzione dei bambini

    L'assunzione di circa 200 milligrammi al giorno dell'Omega-3 DHA (acido docosaesaenoico) da parte delle neomamme che allattano al seno nei 4 mesi successivi al parto aumenta le capacità di attenzione prolungata dei bambini a 5 anni. Lo ha dimostrato una ricerca pubblicata sul Journal of Pediatrics, in cui i ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston (Stati Uniti) hanno analizzato l'effetto della presenza di questo acido grasso nel latte materno sullo stato neuropsicologico dei piccoli. La stessa ricerca ha evidenziato che il DHA assunto in questo periodo non influenza, invece, le capacità visive del bambino di questa età.   Omega-3 in gravidanza e allattamento Assumere Omega-3 durante la gravidanza è fondamentale per promuovere il corretto sviluppo delle strutture nervose del feto nonché ridurre la probabilità di complicazioni rischiose per la madre e per il bambino, come l'aborto e il parto prematuro. Diversi studi hanno inoltre dimostrato che un corretto apporto di Omega-3 durante la gestazione e l'allattamento protegge la salute dei piccoli anche dopo la nascita. I figli delle donne che assumono tali acidi grassi in questi periodi corrono minori rischi di sviluppare patologie come l'asma, alcune allergie e disturbi infiammatori. Gli Omega-3 esercitano altresì un effetto benefico sui piccoli che soffrono di: disturbi comportamentali sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHAD) dislessia Anche il quoziente intellettivo dei bambini può essere positivamente influenzato dal consumo di questi nutrienti durante la gravidanza. Omega-3 per bambini più attenti I ricercatori di Houston avevano già portato alla luce un fatto interessante: i bambini di 2 anni e mezzo che nei primi 4 mesi di vita vengono allattati al seno da madri che assumono DHA hanno uno sviluppo psicomotorio migliore. La nuova ricerca si è concentrata sulle capacità neuropsicologiche e visive di questi bambini a 5 anni. Durante l’allattamento, le madri sono state suddivise in 2 gruppi: le mamme del primo hanno assunto quotidianamente fino a 4 mesi dopo il parto capsule contenenti circa 200 milligrammi di DHA; a quelle del secondo è stato somministrato un olio vegetale privo di questo acido grasso. I ricercatori hanno valutato le capacità motorie, visive, esecutive, vocali e di attenzione dei bambini al compimento del quinto anno di vita . I dati raccolti hanno svelato che i figli delle donne che avevano assunto DHA ottenevano risultati migliori nei test di valutazione della capacità di attenzione prolungata. In particolare, questi bambini ottenevano un punteggio medio di 46,5 punti sulla scala specifica utilizzata per la valutazione. I piccoli che non avevano assunto l’acido grasso attraverso il latte materno ottenevano, invece, un punteggio medio di sole 41,9 unità. Tutti gli altri parametri presi in considerazione sono risultati paragonabili nei 2 gruppi. Pochi Omega-3 per ottenere buoni risultati Sulla base di questi risultati, gli autori hanno concluso che è sufficiente che le madri assumano quantità moderate di DHA nei primi 4 mesi di allattamento per migliorare lo sviluppo della capacità di attenzione dei loro bambini. Questa scoperta, insieme ai dati raccolti precedentemente dagli scienziati, indica che l’assunzione precoce di Omega-3 nell’infanzia esercita benefici a lungo termine sullo sviluppo del sistema nervoso dei bambini.


    Articolo pubblicato in Donna in salute, Neonati e bambini, Allattamento, Età neonatale, Età pediatrica ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 proteggono e accelerano la guarigione dei nervi periferici

    Gli Omega-3 potrebbero aiutare a prevenire i danni ai nervi periferici e a rigenerarli dopo un trauma. A suggerirlo è uno studio coordinato da Adina Michael-Titus della Queen Mary University di Londra (Regno Unito), pubblicato sul Journal of Neuroscience. Secondo Michael-Titus, i risultati ottenuti in esperimenti preliminari condotti sui topi lasciano ipotizzare che questi nutrienti potrebbero essere utili nel trattamento dei danni ai nervi localizzati al di fuori del cervello e del midollo spinale. Nervi danneggiati, non è solo una questione di dolore Il dolore non è l'unico problema con cui deve avere a che fare chi subisce un trauma ad un nervo. Altre possibili conseguenze dei danni alle strutture nervose possono essere la sensazione di debolezza o, addirittura, una paralisi muscolare. I nervi periferici, situati all'esterno del cervello e del midollo spinale, hanno la capacità di rigenerarsi. Non solo: tecniche mediche mirate possono aiutare il recupero della funzionalità. Fatta eccezione per i danni più lievi, la guarigione da questo tipo di trauma non è generalmente completa. Il ruolo degli Omega-3 nel tessuto nervoso I risultati ottenuti nel corso di studi passati hanno dimostrato i benefici degli Omega-3 nei confronti di diversi disturbi neurologici, inclusi i traumi acuti. Questi acidi grassi sono un costituente fondamentale delle membrane delle cellule nervose, di cui garantiscono la moltiplicazione e il differenziamento. Non solo: questi nutrienti sono importanti perché i neuroni possano utilizzare correttamente i neurotrasmettitori, le molecole responsabili della trasmissione dell'impulso nervoso. Gli esperti ipotizzano che queste attività siano utili nella prevenzione, nel controllo e nella cura dei seguenti disturbi psichiatrici: depressione; disturbo bipolare; malattie neurodegenerative (come l'Alzheimer). Gli Omega-3 aiutano a proteggere i nervi Durante i loro studi Michael-Titus e colleghi hanno simulato un trauma nelle cellule nervose di topi che, grazie all'espressione del gene fat-1, sono in grado di accumulare livelli di Omega-3 più elevati della norma. I ricercatori hanno danneggiato i nervi periferici stirandoli o privandoli di ossigeno, in seguito hanno invece valutato i livelli di morte cellulare. Ne è emerso che livelli elevati di Omega-3 proteggono i neuroni da entrambi i tipi di danno. Un secondo esperimento, in cui gli scienziati hanno danneggiato il nervo sciatico dei topi, ha svelato che gli animali che accumulano quantità maggiori di questi acidi grassi riescono a recuperare più rapidamente la funzionalità del nervo. Tutti questi risultati sono stati confermati analizzando l'espressione di alcuni marcatori del danno. Infine, i topi che esprimono fat-1 sono anche risultati protetti dall'atrofia muscolare che può essere causata dal danno neurologico. Omega-3 per proteggere i nervi dalle conseguenze dei traumi Secondo Michael-Titus, questi risultati indicano l'utilità degli Omega-3 nella protezione delle cellule nervose danneggiate. Possono altresì accelerare la guarigione dei nervi periferici dopo un trauma. La ricercatrice spiega che questo fenomeno è un passaggio fondamentale verso la guarigione. Ulteriori ricerche potranno chiarire meglio il ruolo protettivo degli Omega-3 nei confronti dei nervi umani.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Gladman SJ, Huang W, Lim SN, Dyall SC, Boddy S, Kang JX, Knight MM, Priestley JV, Michael-Titus AT, “Improved outcome after peripheral nerve injury in mice with increased levels of endogenous ω-3 polyunsaturated fatty acids”, J Neurosci. 2012 Jan 11;32(2):563-71


    Articolo pubblicato in Sistema nervoso, Traumi ed è stato taggato con

Articoli da 281 a 290 di 392 totali

Pagina:
  1. 1
  2. ...
  3. 27
  4. 28
  5. 29
  6. 30
  7. 31
  8. ...
  9. 40
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi