**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Speciali Omega-3

Omega 3: Notizie dell'ultima ora e studi più recenti

Le notizie dell'ultima ora e gli studi più recenti sugli Omega-3 per essere sempre aggiornato sulle novità e gli sviluppi di queste sostanze naturali.

  • SIRS: gli integratori di omega-3 riducono il rischio di morte e facilitano la guarigione

    Negli individui con sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS), una condizione caratterizzata da una forte infiammazione diffusa in tutto l’organismo, l’assunzione di supplementi di omega-3 sembra ridurre il rischio di morte del 23% e la degenza in ospedale di circa 10 giorni. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Omega-3 contro l'infiammazione ed è stato taggato con

  • Gli elementi base della vita: gli acidi grassi

    Nei libri di fantascienza o in qualche definizione scientifica si sente a volte l'affermazione che "siamo forme di vita basate sul carbonio" o "sulla terra la vita è basata sul carbonio". In effetti questo elemento, largamente diffuso in natura, è alla base di molti materiali, dalla grafite al diamante passando per il petrolio, e si lega facilmente con altri elementi, tanto che si contano in natura più di 10 milioni di composti del carbonio. E' anche alla base dello scambio tra ossigeno e anidride carbonica (appunto) che alimenta la fotosintesi clorofilliana e quasi tutto quello che abbiamo studiato a chimica nella scuola dell'obbligo. Per chi è saturo di discorsi sui grassi… facciamo chiarezza Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Benefici degli Omega-3 in pillole ed è stato taggato con

  • Il DHA e la sua importanza nella crescita

    Docosaesaenoico poteva essere una parola buona per le filastrocche di Mary Poppins, e ci sarebbe anche stato bene, dato che si tratta di un acido grasso omega-3 che fa particolarmente bene ai bambini. Quello che un cervello in fase di sviluppo vuole, quello che la dieta non sempre dhà…. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Neonati e bambini, Speciali Omega-3, Età pediatrica, Benefici degli Omega-3 in pillole, Età scolare ed è stato taggato con

  • Omega-3 DHA: se non basta la natura…

    Chi non vorrebbe più fluidità e flessibilità per le membrane nervose del suo cervello? Bene, l'elemento responsabile di tutto questo è il DHA, o acido Docosaesanoico o - con termine del 19° secolo - acido cervonico, proprio perché molto presente nel cervello. Sigle importanti per la nostra salute, ma non sempre riusciamo ad assumerne le quantità corrette Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Neonati e bambini, Speciali Omega-3, Età pediatrica ed è stato taggato con

  • VitaDHA 1000, puro per principio

    VitaDHA® 1000 è un integratore di omega-3 DHA da olio di pesce purificato con distillazione molecolare a stadi multipli     Ecco 3 buoni motivi per scegliere il VitaDHA® 1000 Sicuro e puro - certificato 5 stelle IFOS* Il 70% più biodisponibile Senza ritorno di gusto   Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Articoli newsletter

  • Cina: pubblicate le dosi di riferimento per l’ assunzione degli Omega-3

    Dai 250 ai 2000 milligrammi al giorno. È questa la dose raccomandata di EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesanoico) per gli adulti, appena stabilita dalla Società di Nutrizione Cinese. Una mossa a lungo attesa per un paese in cui il consumo degli acidi grassi Omega-3 è ancora molto basso. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Carenza di Omega-3 ed è stato taggato con

  • L' infiammazione si combatte con gli Omega-3 di origine marina

    Gli Omega-3 di origine marina possono ridurre la concentrazione nel circolo sanguigno delle molecole segnale dell’infiammazione, come la proteina C reattiva, l’interleuchina  6 e il fattore di necrosi tumorale. Questo suggerisce che gli integratori a base di DHA (acido docosaesaenoico ) e EPA (acido eicosapentaenoico) potrebbero essere usati per prevenire le infiammazioni legate a patologie croniche. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Omega-3 contro l'infiammazione ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 agiscono positivamente su tutti i processi metabolici

    Gli Omega-3 sembrano avere effetti benefici sul metabolismo ancora più numerosi di quelli fino ad ora conosciuti. In particolare il DHA (acido docosaesaenoico) ha un effetto protettivo su molte patologie metaboliche, tra cui l’epatopatia steatosica non alcolica. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Steatosi del fegato ed è stato taggato con

  • Omega-3, nuova analisi conferma i benefici per cuore e arterie

    Le prove dei benefici per la salute del cuore esercitati dagli acidi grassi Omega-3 sono significative, ma non tutte le fonti di questi alimenti sono efficaci nello stesso modo. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati presenti nella letteratura scientifica, pubblicata dai ricercatori del Linus Pauling Institute dell'Oregon State University di Corvallis (Stati Uniti). Condotta da Donald Jump, Christopher Depner e Sasmita Tripathy, l'analisi offre anche una possibile spiegazione ai risultati contrastanti ottenuti in alcuni studi recenti. In particolare, secondo gli esperti i benefici esercitati dall'olio di pesce ricco di Omega-3 sulla salute dei pazienti cui è già stato diagnosticato un disturbo cardiovascolare sono mascherati dall'elevata efficacia dei farmaci che questi stessi pazienti già assumono. Leggi tutto l'articolo


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Sistema cardiovascolare, Olio di pesce ed è stato taggato con

  • Obesità, la lotta all'infiammazione passa attraverso gli Omega-3

    Nuove speranze per chi deve convivere con l'obesità: assumere acidi grassi omega 3 potrebbe contribuire a ridurre l'infiammazione cronica del tessuto adiposo tipica degli individui obesi che non soffrono di diabete. A suggerirlo sono i risultati di una ricerca condotta alla Medical University di Vienna (Austria), dove Bianca Itariu e colleghi hanno portato a termine il primo studio clinico controllato ad analizzare questo problema, rilevando che il trattamento con Omega-3 riduce l'espressione dei geni associati all'infiammazione. La ricerca è stata pubblicata sulle pagine dell'American Journal of Clinical Nutrition. Quanti omega 3 servono per ridurre l'infiammazione? I ricercatori austriaci hanno reclutato 55 pazienti fortemente obesi, ma non diabetici, cui hanno chiesto di assumere 3360 mg al giorno di acidi grassi EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) o 5 grammi al giorno di burro per 8 settimane. Al termine di questo periodo è stata analizzata l'espressione dei geni associati all'infiammazione. Si sa da tempo che l'infiammazione cronica del tessuto adiposo è una caratteristica tipica dell'obesità che può portare allo sviluppo di patologie associate al grave sovrappeso, come il diabete di tipo 2. D'altra parte gli omega 3, noti per le loro proprietà protettive nei confronti di cuore e vasi sanguigni, esercitano una forte azione antinfiammatoria. I dati raccolti dimostrano che negli individui che assumono queste dosi di omega 3 i livelli della maggior parte dei geni associati all'infiammazione del tessuto adiposo diminuiscono. Non solo, in questi pazienti la produzione delle molecole che servono a contrastare l'infiammazione aumenta, mentre diminuisce quella di interleuchina-6 (un indicatore di infiammazione in corso) e dei trigliceridi dannosi per la salute cardiovascolare. Infine, anche il rapporto tra gli Omega-6 e gli Omega-3, un altro marcatore dell'infiammazione cronica associata all'obesità, diminuisce significativamente. In effetti, gli studi condotti nel corso di svariati decenni hanno evidenziato che è molto importante sia il livello di Omega 3 in quanto tale, che il loro quantità rispetto agli Omega-6. Questi ultimi, così come gli Omega-3, sono acidi grassi essenziali per l'organismo, ma hanno un'azione pro-infiammatoria. Purtroppo l'alimentazione tipica dei Paesi occidentali è molto più ricca di Omega-6 che di Omega-3, fattore che, secondo gli esperti, contribuisce al dilagare del problema dell'obesità e dei problemi ad essa associati, come la sindrome metabolica. Qualche ragionevole dubbio Secondo gli esperti i risultati ottenuti in questo studio necessitano di un ulteriore approfondimento. Il problema principale risiederebbe nella progettazione dello studio stesso. Infatti i ricercatori hanno scelto come termine di paragone rispetto al trattamento con Omega-3 l'assunzione di 5 grammi di burro, i cui grassi sono, di per sé, portatori di infiammazione. L'apporto giornaliero di burro nella popolazione austriaca è, però, di 10 grammi a persona. Ciò significherebbe che anche nei pazienti che hanno assunto 5 grammi di burro i livelli di infiammazione al termine delle 8 settimane di trattamento avrebbero potuto essere inferiori rispetto a quelli iniziali. Purtroppo gli autori dello studio non hanno valutato l'infiammazione del tessuto adiposo prima dell'inizio dell'esperimento e, quindi, non è possibile quantificare con precisione l'effetto degli Omega-3 al di là della riduzione del consumo di burro. Ci vorranno nuove ricerche per gettare luce su questo aspetto e verificare definitavamente se gli Omega-3 rappresentano una buona opportunità terapeutica nel trattamento a lungo termine dell'obesità. Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter. Fonte Itariu BK, Zeyda M, Hochbrugger EE, Neuhofer A, Prager G, Schindler K, Bohdjalian A, Mascher D, Vangala S, Schranz M, Krebs M, Bischof MG, Stulnig TM, “Long-chain n-3 PUFAs reduce adipose tissue and systemic inflammation in severely obese nondiabetic patients: a randomized controlled trial”, J Clin Nutr. 2012 Oct 3. [Epub ahead of print] A suggerirlo sono i risultati di una ricerca condotta alla Medical University di Vienna (Austria), dove tizio e colleghi hanno portato a termine il primo studio clinico controllato ad analizzare questo problema, rilevando che il trattamento con Omega-3 riduce l'espressione dei geni associati all'infiammazione. La ricerca è stata pubblicata sulle pagine dell'American Journal of Clinical Nutrition.


    Articolo pubblicato in Diabete, Diabete di tipo 2, Problemi di peso, Omega-3 contro l'infiammazione ed è stato taggato con

Articoli da 1 a 10 di 26 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi