**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

Speciali Omega-3

Omega 3: Notizie dell'ultima ora e studi più recenti

Le notizie dell'ultima ora e gli studi più recenti sugli Omega-3 per essere sempre aggiornato sulle novità e gli sviluppi di queste sostanze naturali.

  • Gli omega 3 EPA e DHA controllano i geni della morte cellulare

    I meccanismi alla base dei benefici degli Omega-3 dipendono dall'azione esercitata da questi nutrienti sulle membrane delle cellule, sulle molecole coinvolte nell'infiammazione e nell'ossidazione e sui geni che controllano la morte cellulare. Anni di ricerche hanno permesso di scoprire i dettagli di questi meccanismi. I loro risultati sono stati riassunti e discussi in un'analisi pubblicata sulla rivista Frontiers in Physiology dai ricercatori dell'Institute for Advanced Studies on Food (IMDEA-Food) di Madrid (Spagna)1. È emerso che questi acidi grassi esercitano molte azioni protettive, oltre a quella sul cuore associata alla loro capacità di ridurre i livelli dei trigliceridi. Gli effetti diretti su cellule e piastrine Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali: significa che debbono essere assunti tramite cibo o integratori alimentari. Questi grassi una volta nell'organismo formano le membrane cellulari. E' proprio qui che esercitano il loro primo effetto: grazie alle loro caratteristiche chimiche fluidificano le stesse membrane anche in zone molto specifiche. Gli Omega-3 esercitano altresì un effetto antiaggregante sulle piastrine che riduce la formazione di trombi e placche aterosclerotiche. In questo caso entrano in gioco altri 2 meccanismi: l'inibizione di un enzima necessario per l'aggregazione (COX), associata probabilmente alla riduzione dell'ossidazione nella cellula; la riduzione delle quantità della molecola utilizzata da questo enzima, l'acido arachidonico. Il risultato finale è una riduzione della produzione di alcune molecole che favoriscono la trombosi e di altre che stimolano l'infiammazione. L'azione antinfiammatoria degli Omega-3 L'azione antinfiammatoria degli Omega-3 è invece associata alla riduzione della produzione di molecole lipidiche associate all'infiammazione nonché delle citochine IL-1β, IL-6, IL-8 e TNF-α, sostanze che stimolano il sistema immunitario e l'espressione di geni dall'azione infiammatoria. La riduzione dell'infiammazione è associata anche alla capacità di prevenire dei cambiamenti nella membrana che portano all'attivazione del gene JNK, che a sua volta interferisce con l'attività dell'insulina. Alcune ricerche hanno infine svelato la presenza sulle membrane cellulari di molecole che rilevano la presenza di Omega-3 e inibiscono i meccanismi molecolari alla base della risposta infiammatoria nel sistema immunitario e nelle cellule adipose. Questo fenomeno riporta alla normalità l'attività dell'insulina e riduce così il rischio di obesità. L'effetto antiossidante degli Omega-3 Gli Omega-3 sono molecole che possono ossidarsi facilmente. Per questo sono sorti molti dubbi sul fatto che assumerne grandi quantità possa aumentare i livelli di ossidazione nell'organismo. Alcuni studi hanno dimostrato che un aumento dell'ossidazione dei lipidi, ad esempio nelle cellule del fegato, può avere effetti positivi sul metabolismo dei grassi Gli Omega-3 riducono inoltre i livelli nelle urine di noti marcatori dello stress ossidativo, gli isoprostani, e limitando l'attività di NOX2 e NOX4, enzimi responsabili della produzione di  molecole dall'attività ossidante. Gli Omega-3 inibiscono altresì l'attività della proteina sPLA2, un noto fattore di rischio cardiovascolare, e riducono nel fegato i livelli del colesterolo “cattivo” degradando il componente ApoB. I microRNA Le ultime scoperte invece riguardano l'azione svolta dagli Omega-3 sulla produzione dei microRNA (miRNA), piccoli RNA che regolano l'espressione dei geni. Gli Omega-3 attraverso questo meccanismo contrastano alcuni disturbi nel fegato, come la resistenza all'insulina e l'infiammazione, e influenzano l'espressione di PTEN, gene che contrasta la formazione di tumori. Anche l'azione protettiva nei confronti del cancro al colon sembra essere mediata dall'azione degli Omega-3 sui miRNA. In altre forme tumorali, come il glioma, questa attività  aumenterebbe l'espressione di geni che inducono la morte delle cellule cancerose. Tuttavia, l'effetto degli Omega-3 sui miRNA potrebbe essere indiretto e coinvolgere molecole che vengono prodotte a partire da questi acidi grassi durante i processi infiammatori, come le resolvine. Diverse azioni per un solo principio attivo Appare chiaro da questa analisi che le capacità che sono valse agli Omega-3 l'appellativo di acidi grassi “amici” della salute vanno oltre l'azione svolta contro l'accumulo dei trigliceridi nel sangue. A livello macroscopico i meccanismi scatenati nell'organismo da questi nutrienti migliorano la salute cardiovascolare e nervosa. Ulteriori ricerche permetteranno di scendere ancora di più nel dettaglio dei loro effetti microscopici.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Visioli F, Giordano E, Nicod NM, Dávalos A, “Molecular targets of omega 3 and conjugated linoleic Fatty acids - "micromanaging" cellular response”, Front Physiol. 2012;3:42. Epub 2012 Feb 29


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Benefici degli Omega-3 in pillole ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 aiutano a depurare il fegato

    Una dieta ricca di Omega-3, frutta e verdura è l'ideale per depurare il fegato e aiutarlo a mantenersi in salute. I cibi ricchi di Omega-3, insieme alla frutta e alla verdura, sono alla base dell'alimentazione migliore per depurare il fegato. A giovare di un'alimentazione ricca di questi alimenti non è solo questo organo, ma tutto l'organismo e, come se non bastasse, una dieta depurante può anche aiutare a perdere qualche chilo di troppo. Omega-3, grassi essenziali per la salute Gli Omega-3 sono considerati acidi grassi essenziali. Questa definizione deriva dal fatto che l'organismo non è in grado di sintetizzarli anche se ne ha assoluto bisogno per la sua sopravvivenza. In particolare, le cellule del nostro corpo hanno bisogno di un particolare Omega-3, l'acido eicosapentaenoico (EPA), per poterne sintetizzare un altro, l'acido docosaesaenoico (DHA). Sia EPA, sia DHA sono indispensabili per mantenersi in salute. Si tratta, infatti, di molecole dalla spiccata azione antinfiammatoria e in grado di ridurre le quantità di trigliceridi e di colesterolo LDL (quello “cattivo”) presenti nel sangue. Le loro proprietà contribuiscono a ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche come le patologie cardiovascolari e l'artrite. In particolare, sia l'azione antinfiammatoria, sia la capacità di ridurre trigliceridi e colesterolo LDL proteggono le cellule del fegato dai tumori che potrebbero colpirlo. Le fonti alimentari di Omega-3 EPA e DHA sono i due Omega-3 che vengono utilizzati più efficientemente dall'organismo e per aumentarne l'assunzione è possibile arricchire la propria alimentazione di pesce grasso, come lo sgombro, le sardine, le aringhe e il tonno, che è la fonte alimentare principale di questi nutrienti. Esiste, però, anche un altro Omega-3 da cui è possibile ricavare EPA e, da questo, DHA. Si tratta dell'acido alfa-linolenico (ALA), molecola più abbondante nei cibi di origine vegetale, prime fra tutti le noci. Diversi studi hanno dimostrato che anche le fonti alimentari di ALA aiutano a proteggere la salute. Purtroppo, però, la capacità dell'organismo umano di convertire questo Omega-3 in EPA è limitata. Le fonti migliori di Omega-3 sembrano, quindi, essere i cibi di per sé ricchi di EPA e DHA. La dieta per depurare il fegato Proprio perché sono tutt'altro che dannosi per la salute, gli Omega-3 sono l'ideale per una dieta depurante che, oltre a far perdere peso, aiuti ad eliminare il senso di pesantezza e le scorie. Da quest'ultimo punto di vista uno dei passi fondamentali è agire sul fegato, un organo che svolge diverse funzioni. Fra queste sono incluse attività fondamentali per il metabolismo dei grassi e dei carboidrati, la produzione della bile necessaria per la digestione, la funzione di deposito per diverse sostanze e la disintossicazione da tossine, scorie e altre molecole dannose per l'organismo. Aiutare il fegato a disintossicarsi è, quindi, fondamentale per mantenere un buono stato di salute. Largo, quindi, a cibi ricchi di Omega-3, da preferire rispetto a burro, carne e altri alimenti di origine animale che contengono grandi quantità di grassi saturi che, invece, affaticano il fegato. Oltre a svolgere un'azione protettiva diretta su quest'organo, questi nutrienti favoriscono l'assorbimento di vitamina A ed E, fondamentali per evitare l'affaticamento del fegato. Abbinando il consumo di Omega-3 a quello di frutta e verdura, essenziali per un'azione depurante, è possibile aiutare il fegato a mantenersi in forma. Largo, quindi, a pesce grasso, noci, sedano e finocchio drenanti e frutta e verdura di stagione.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.  


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Steatosi del fegato ed è stato taggato con

  • Gli Omega-6 contrastano l'infiammazione, ma solo se assunti con gli Omega-3

    Gli acidi grassi Omega-6 riducono la sintesi dei leucotrieni, molecole coinvolte nei processi infiammatori. Gli Omega-6 però contrastano l'accumulo di acido arachidonico solo se assunti insieme agli Omega-3. I ricercatori dell'azienda farmaceutica Pilot Therapeutics Inc. hanno infatti dimostrato che assumere quotidianamente una miscela formata dall'Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) e dall'Omega-6 GLA (acido gamma-linoleico) permette di ridurre la sintesi di leucotrieni. Se assunto da solo, il GLA provoca un aumento di acido arachidonico (AA), molecola pro-infiammatoria: l'assunzione contemporanea di Omega-3 contrasta questo effetto collaterale. I dettagli degli studi sono stati pubblicati sulla rivista Clinical Therapeutics1. Acidi grassi contro l'infiammazione Omega-3 e Omega-6 sono acidi grassi essenziali: l'organismo umano non è in grado di sintetizzarli e dunque debbono essere assunti con l'alimentazione. Mantenere un corretto equilibrio fra le quantità di Omega-6 e di Omega-3 è fondamentale per garantirsi un buono stato di salute. Infatti gli effetti di questi 2 tipi di acidi grassi sono opposti: gli Omega-3 contrastano i fenomeni infiammatori; gli Omega-6 li promuovono. La dieta ideale dovrebbe includere una quantità di Omega-6 da 1 a 3 volte superiore rispetto a quella di Omega-3. Tuttavia, l'alimentazione occidentale è caratterizzata da livelli di Omega-6 circa 20 volte superiori a quelli di Omega-3. Per gli esperti questo squilibrio potrebbe essere una delle cause della sempre maggiore incidenza di malattie infiammatorie nei paesi industrializzati. Leucotrieni: gli Omega-6 non bastano I primi studi condotti dai ricercatori di Charleston hanno dimostrato che assumere 1,5 grammi al giorno di GLA sotto forma di capsule di gelatina riduce la sintesi dei leucotrieni, molecole coinvolte nell'infiammazione. Assumere solo GLA porta tuttavia all'aumento dei livelli plasmatici di acido arachidonico, un precursore delle molecole associate ai fenomeni infiammatori. L'aumento di acido arachidonico viene però efficacemente contrastato se all'assunzione di queste capsule viene associata quella di 0,25 grammi o 1 grammo di EPA . Gli scienziati in uno studio successivo hanno somministrato ai partecipanti un'emulsione contenente diverse proporzioni di Omega-6 e Omega-3: 0,75 grammi di GLA + 0,5 grammi di EPA 1,5 grammi di GLA + 1 grammo di EPA 7,5 grammi di GLA + 5 grammi di EPA In tutti i casi i livelli di GLA ed EPA a digiuno si stabilizzano dopo 7 giorni di assunzione: la seconda formulazione ha però aumentato l'assorbimento degli acidi grassi rispetto a quello ottenibile utilizzando le capsule di gelatina. In nessun caso sono stati osservati effetti collaterali. Omega-3 e Omega-6, l'importanza della giusta combinazione I risultati ottenuti in questa ricerca dimostrano che per ridurre la produzione di molecole infiammatorie non è sufficiente assumere Omega-6, ma che la combinazione con gli Omega-3 permette di ottenere gli effetti desiderati senza conseguenze dannose per l'organismo.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Surette ME, Koumenis IL, Edens MB, Tramposch KM, Chilton FH, “Inhibition of leukotriene synthesis, pharmacokinetics, and tolerability of a novel dietary fatty acid formulation in healthy adult subjects”, Clin Ther. 2003 Mar;25(3):948-71.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Omega-3 contro l'infiammazione ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 bloccano la cicloossigenasi e contrastano così l'infiammazione

    Gli Omega-3 bloccano l'azione della cicloossigenasi (COX), enzima responsabile della produzione delle prostaglandine, ormoni che danno origine all'infiammazione. Edward Dennis e colleghi dell'Università della California di San Diego (Stati Uniti), per la prima volta, hanno scoperto i meccanismi dell'effetto esercitato da questi acidi grassi all'interno delle cellule. La ricerca suggerisce che l'effetto degli Omega-3 potrebbe essere aumentato per aggirare i meccanismi dell'infiammazione prima ancora che si scatenino. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Omega-3, acidi grassi amici della salute I benefici degli Omega-3 sono noti già dagli anni Settanta del secolo scorso, quando negli eschimesi è stata osservata una diminuzione delle malattie cardiovascolari. La popolazione eschimese consumava grandi quantità di pesce ricco di questi acidi grassi. I ricercatori nel corso di questi decenni hanno dimostrato che gli Omega-3 sono altresì indispensabili per il corretto sviluppo del sistema nervoso nonché per svolgere un'azione di tipo antinfiammatorio. Nessuno studio aveva prima d'ora identificato i bersagli cellulari della loro azione. Omega-3 come l'aspirina Dennis e colleghi hanno utilizzato nei loro esperimenti alcune cellule del sistema immunitario dei topi, i macrofagi. I ricercatori hanno alimentato queste cellule con 3 diversi tipi di Omega-3: EPA (acido eicosapentaenoico); DHA (acido docosaesaenoico); AA (acido arachidonico). Dopo l'inoculazione i ricercatori le hanno stimolate affinché scatenassero una risposta infiammatoria. La somministrazione di tutti e 3 gli Omega-3 ha tuttavia inibito l'azione della COX, necessaria perché vengano prodotti gli ormoni responsabili dell'infiammazione. Dennis ha spiegato che questo meccanismo d'azione è molto simile a quello dell'aspirina, che riduce il dolore e l'infiammazione interferendo con i processi in cui è coinvolto l'enzima COX-2. I ricercatori hanno studiato più a fondo ciò che succedeva ai macrofagi e hanno scoperto che le cellule convertono in DPA (acido docosapentaenoico) l'EPA precedentemente somministrato. Il DPA è la molecola che agisce direttamente sul funzionamento della COX. Le applicazioni pratiche della scoperta Dennis ha commentato la scoperta sottolineando che la conoscenza dei meccanismi d'azione degli Omega-3 potrebbe consentire di regolare in modo preciso i processi infiammatori. In particolare, gli Omega-3 potrebbero essere utilizzati per ridurre la produzione di molecole proinfiammatorie (le prostaglandine) e aumentare quella di molecole antinfiammatorie (le resolvine). Ma la scoperta potrebbe anche aiutare a identificare possibili effetti collaterali nascosti nell'uso di Omega-3. Infatti, se questi acidi grassi hanno lo stesso effetto di alcuni farmaci (come l'aspirina) che hanno noti effetti collaterali, usarli contemporaneamente potrebbe essere sconsigliato.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Norris PC, Dennis EA, “Omega-3 fatty acids cause dramatic changes in TLR4 and purinergic eicosanoid signaling”, Proc Natl Acad Sci U S A. 2012 May 14.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Benefici degli Omega-3 in pillole ed è stato taggato con

  • I benefici dell'assunzione di Omega-3 dipendono dai livelli basali nell'organismo

    I benefici dell'assunzione di Omega-3 dipendono dai livelli di questi acidi grassi presenti nell'organismo prima dell'inizio del trattamento. E' questa la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricercatori coordinato da John Newman dell'Università della California di Davis (Stati Uniti). La notizia è stata pubblicata sul Journal of Lipid Research1. Per gli autori questa scoperta suggerisce che la misurazione dei livelli basali di Omega-3 potrebbe essere utile per stabilire l'efficacia di un trattamento basato sull'arricchimento dell'alimentazione con questi nutrienti. Dieta ricca di Omega-3: perché è così importante Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali. L'organismo non è in grado di sintetizzarne le quantità necessarie per mantenersi in salute: l'alimentazione è pertanto l'unico modo per garantirne un corretto apporto. La moderna dieta occidentale è però caratterizzata da livelli troppo bassi di questi preziosi nutrienti. Di contro, l'alimentazione dei paesi industrializzati abbonda di Omega-6, un tipo di grassi dall'azione contrapposta a quella degli Omega-3. La conseguente variazione nel rapporto tra Omega-6 e Omega-3 presenti nell'organismo mette a repentaglio il buono stato di salute. Aumentare il consumo di pesce grasso consente di contrastare i rischi associati alla carenza di Omega-3. Il pesce grasso è la principale fonte alimentare di Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). La dose giornaliera minima raccomandata per prevenire i disturbi cardiovascolari è pari a 500 milligrammi totali di EPA e DHA. Un effetto da valutare caso per caso Assumere Omega-3 non produce gli stessi effetti in tutti gli individui. Un precedente studio lasciava ipotizzare che chi è caratterizzato da livelli iniziali di Omega-3 più bassi possa trarre maggiori benefici dalla loro assunzione. Questo studio aveva coinvolto però davvero pochi pazienti per permettere di trarre delle conclusioni definitive. Newman e colleghi hanno deciso per questo motivo di chiarire questo punto misurando i livelli di Omega-3 nel sangue, nei globuli rossi e nelle piastrine prima e dopo un trattamento di 4 settimane a base di questi nutrienti. L'analisi dei dati raccolti ha svelato che il trattamento aumenta gli Omega-3 presenti nell'organismo. Non solo: maggiori sono i livelli di acidi grassi prima del trattamento, minore è l'aumento delle concentrazioni osservato. Gli stessi dati hanno permesso di stimare che un individuo di 70 chilogrammi dovrebbe assumere ogni giorno 7 milligrammi di Omega-3 per mantenere i livelli di EPA e DHA necessari a proteggere cuore e arterie. Integratori Omega-3: quale forma scegliere? Le forme maggiormente disponibili di Omega-3 sono la trigliceride e quella estere etilica. Questo studio ha previsto la somministrazione di Omega-3 sotto forma di esteri etilici. Alcuni studi recenti hanno però dimostrato che l'assorbimento di questi acidi grassi è maggiore se vengono assunti sotto forma di trigliceridi. Per gli autori i risultati di questo studio potrebbero essere validi anche per forme di Omega-3 diverse dagli esteri etilici.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Keenan AH, Pedersen TL, Fillaus K, Larson MK, Shearer GC, Newman JW, “Basal omega-3 fatty acid status affects fatty acid and oxylipin responses to high-dose n3-HUFA in healthy volunteers”, J Lipid Res. 2012 May 24. [Epub ahead of print]


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Benefici degli Omega-3 in pillole ed è stato taggato con

  • L'alimentazione ricca di Omega-3 contrasta le malattie associate all'infiammazione

    Aumentare il consumo di Omega-3 può aiutare a combattere i disturbi legati all'aumento dell'infiammazione associato allo stile alimentare moderno, caratterizzato da un apporto eccessivo di acidi grassi Omega-6. Questi ultimi aumentano la produzione di molecole associate ai fenomeni infiammatori alla base di diverse patologie croniche: malattie dell'apparato cardiovascolare diabete obesità steatosi epatica non alcolica Alzheimer artrite reumatoide malattie infiammatorie intestinali Una descrizione approfondita del ruolo giocato da questi 2 tipi di grassi nello sviluppo di queste malattie è contenuta in un'analisi pubblicata sul Journal of Nutrition and Metabolism1 da un gruppo di ricercatori del Biosciences Institute di County Cork (Irlanda). Omega-3 e Omega-6: grassi di cui non si può fare a meno Gli Omega-3 e gli Omega-6 sono considerati acidi grassi essenziali: significa che l'organismo umano non è in grado di sintetizzarli in piena autonomia, pertanto è indispensabile introdurli con l'alimentazione. Le cellule sanno produrre alcuni di questi grassi, non sono invece in grado di sintetizzare il materiale di partenza per ottenerli: acido linoleico (LA, un Omega-6) acido alfa-linolenico (ALA, un Omega-3). Senza un adeguato apporto di questi nutrienti l'organismo subisce gli effetti della carenza di Omega-3 e Omega-6, molecole che regolano tutta una serie di processi biologici variabili dal controllo della pressione sanguigna al funzionamento del sistema nervoso. Il ruolo dei grassi nell'infiammazione Gli eicosanoidi sono molecole ottenute a partire da LA e ALA che regolano i processi infiammatori. In particolare: gli eicosanoidi ottenuti a partire dagli Omega-6 promuovono l'infiammazione; gli eicosanoidi che derivano dagli Omega-3 hanno invece un effetto antinfiammatorio. I cambiamenti dello stile alimentare degli ultimi decenni hanno portato ad un arricchimento della dieta occidentale di Omega-6, associato soprattutto al consumo sempre più frequente di oli vegetali ricchi di LA. Il bilancio tra Omega-6 e Omega-3, il cui rapporto ideale si attesta tra l'1 a 1 e il 4 a 1, si è spostato di conseguenza verso valori pari a 15 a 1. Allo stesso modo, l'incidenza di malattie infiammatorie croniche è a sua volta aumentata. Contrastare l'infiammazione con l'alimentazione Diversi studi si sono concentrati sulla possibilità di ridurre il rischio di sviluppare questi disturbi aumentando il consumo alimentare di Omega-3. L'approccio si è dimostrato potenzialmente efficace in caso di: steatosi epatica non alcolica malattie cardiovascolari patologie infiammatorie dell'intestino artrite reumatoide malattia di Alzheimer Un regime alimentare ricco di frutta, verdura, legumi, cereali e pesce ricchi di Omega-3 riduce inoltre la probabilità di sviluppare la sindrome metabolica, una situazione complessa in cui sono presenti contemporaneamente diversi fattori di rischio per il diabete e le malattie cardiovascolari. Un consumo elevato di Omega-6 associato a un basso apporto di Omega-3 favorisce l'infiammazione, di conseguenza mette in atto i seguenti processi organici: aumenta la tendenza dei vasi sanguigni a restringersi; eleva la viscosità del sangue; accresce la probabilità di sviluppare malattie associate a queste condizioni. Quali cibi preferire? Aumentare il consumo di: salmone sgombro tonno verdura a foglia verde frutta secca (come le noci) Da evitare l'uso eccessivo di oli di girasole, di zafferanone e di mais, ricchi di LA.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Patterson E, Wall R, Fitzgerald GF, Ross RP, Stanton C, “Health implications of high dietary omega-6 polyunsaturated Fatty acids”, J Nutr Metab. 2012;2012:539426. Epub 2012 Apr 5


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Omega-3 contro l'infiammazione ed è stato taggato con

  • Carenza di Omega-3: i sintomi da tenere sotto controllo

    Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali necessari al corretto funzionamento dell'organismo. L'apporto quotidiano di questi nutrienti è necessario sia per mantenere uno stato di buona salute sia per evitare diversi disturbi che potrebbero essere determinati da una loro carenza. Carenza di Omega-3: la FADS Gli Omega-3 entrano in circolo grazie all'alimentazione. La ridotta assunzione tramite cibi o integratori alimentari affiancati ad essi rischia di impoverire l'organismo di questi preziosi nutrienti, provocando una deficienza. Gli scienziati hanno recentemente dato un nome a questo fenomeno: FADS. FADS è acronimo di Fatty Acid Deficiency Syndrome, sindrome da carenza di acidi grassi. Sintomi da carenza di Omega-3: l'elenco Riconoscere il manifestarsi della carenza di Omega-3 non è sempre facile: infatti i sintomi vengono spesso confusi (in quanto comuni) con quelli di altre malattie.   Diversi sono i problemi che tale mancanza può generare, vediamoli insieme. 1) Problemi alla pelle Pelle secca Capelli fragili Unghie deboli Cheratosi sul dorso, arti superiori e gambe Eczema Forfora Occhio secco 2) Problemi di attenzione e concentrazione Deficit di attenzione Iperattività Problemi di concentrazione 3) Problemi d'umore e stati d'animo Ansia Irritabilità Depressione Cambiamenti d'umore Bassa tolleranza alle frustrazioni 4) Energia e disturbi del sonno Affaticamento e Stanchezza Scarsa qualità del sonno 5) Infiammazione Dolori articolari Deficienza Omega-3: perché è pericoloso ignorare i sintomi Alcuni dei sintomi prima citati sono solo fastidi passeggeri. Atri sono più seri e non vanno ignorati, altrimenti si rischia di lasciare il corpo e l'organismo in costante stato di infiammazione. Questo, col passare del tempo, può portare all'insorgere di malattie cardiovascolari o patologie più gravi.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Carenza di Omega-3 ed è stato taggato con

  • Fertilità maschile: gli Omega-3 proteggono gli spermatozoi

    cibi ricchi di Omega-3 migliorano la fertilità maschile perché proteggono e perfezionano le caratteristiche degli spermatozoi. La buona notizia arriva dalla rivista Human Reproduction, che ha pubblicato i risultati di uno studio guidato da Jill Attaman dell'Harvard Medical School di Boston (Stati Uniti). Oltre ai già noti benefici apportati alla salute, i dati raccolti dal ricercatore indicano che gli Omega-3 possono altresì contribuire a migliorare la fertilità maschile. Grassi “buoni” e grassi “cattivi”: la differenza La convinzione che i grassi siano nutrienti dannosi per la salute nasce da anni di ricerche sul sovrappeso, sull'obesità e sulle malattie cardiovascolari. I grassi non sono però tutti uguali e non devono essere completamente banditi dall'alimentazione. Oltre ad essere degli insostituibili costituenti delle cellule, queste molecole svolgono importanti funzioni che, a seconda del tipo di grasso preso in considerazione, possono anche migliorare lo stato di salute. E' il caso degli Omega-3, acidi grassi essenziali che svolgono un'indubbia azione benefica sull'organismo. In particolare: contrastano i fenomeni infiammatori; riducono il rischio di sviluppare malattie croniche, come disturbi cardiocircolatori e artrite; aiutano lo sviluppo e il funzionamento del sistema nervoso. Promuovere la fertilità maschile con gli Omega-3 Attaman e colleghi hanno aggiunto un nuovo tassello al mosaico dei benefici degli Omega-3. Lo scopo dei ricercatori era valutare il legame tra i grassi introdotti con l'alimentazione e i parametri che indicano la qualità dello sperma. Lo studio ha coinvolto 99 uomini che si erano rivolti ad una clinica per la fertilità, con un età media di circa 36 anni e mezzo. I partecipanti sono stati suddivisi in 3 gruppi in base ai livelli di grassi assunti con la dieta. L'analisi dello sperma ha svelato che un elevato apporto di questi nutrienti riduce significativamente il numero di spermatozoi. Infatti, rispetto agli uomini che consumavano i livelli più bassi di grassi, quelli che ne assumevano le quantità più elevate avevano una quantità totale e una concentrazione di spermatozoi inferiori: rispettivamente del 43 e del 38%. Tuttavia, gli spermatozoi degli uomini che seguivano un'alimentazione ricca di Omega-3 avevano caratteristiche morfologiche migliori. Cibi ricchi di grassi e qualità dello sperma: associazione significativa Attaman ha sottolineato che il binomio "assunzione di cibi ricchi di grassi/qualità dello sperma" offre un'ulteriore prova dei potenziali benefici derivanti dalla riduzione del consumo di questi alimenti. Nonostante siano necessari ulteriori studi per dimostrare l'esistenza di una relazione causa-effetto, i risultati ottenuti confermano l'importanza di una dieta sana per garantire la propria fertilità.       Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Fertilità maschile

  • Omega-3, a digiuno EPA e DHA più efficaci se in forma di trigliceridi

    Assumere Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) per circa 6 mesi sotto forma di trigliceridi riesterificati è sufficiente a ridurre significativamente i livelli ematici di lipidi a digiuno. La scoperta, pubblicata sulla rivista Prostaglandins, Leukotrienes, and Essential Fatty Acids, conferma i maggiori benefici offerti da questa forma di Omega-3 rispetto ad altre presenti sul mercato. A condurre gli studi che hanno portato a queste conclusioni è stato un gruppo di ricercatori guidato da Jan Schuchardt della Leibniz Universitat di Hannover (Germania). Formulazioni diverse per effetti diversi La scoperta ha seguito di pochi mesi un altro studio condotto dagli stessi ricercatori. I risultati ottenuti all'epoca avevano dimostrato che nell'organismo i livelli di questi acidi grassi aumentano di più e più rapidamente se gli Omega-3 vengono assunti sotto forma di trigliceridi. I dati facevano riferimento all'EPA e al DHA, i 2 Omega-3 presenti nell'olio di pesce. L'aumento degli acidi grassi è risultato invece inferiore se EPA e DHA sono assunti in un'altra formulazione chimica: quella di etil-esteri. Un'altra ricerca, pubblicata sulla stessa rivista nel settembre del 2010, ha invece dimostrato che la quantità di Omega-3 rilevabile nel circolo sanguigno dopo l'assunzione di integratori alimentari aumenta del 50% proprio se i nutrienti sono presenti come trigliceridi. Trigliceridi più efficaci anche a digiuno Schuchardt e colleghi si sono concentrati sull'analisi delle differenze nei livelli dei lipidi ematici a digiuno in seguito all'assunzione di EPA e DHA sotto forma di trigliceridi riesterificati o di etil-esteri. Per farlo, i ricercatori hanno suddiviso in 3 gruppi oltre 150 pazienti con livelli alterati di lipidi nel sangue, che stavano assumendo farmaci per ridurre le concentrazioni di colesterolo. Ad alcuni partecipanti è stato somministrato solo un placebo a base di olio di grano, altri hanno assunto olio di pesce contenente Omega-3 sotto forma di trigliceridi o di etil-esteri. In questi ultimi 2 gruppi le dosi di EPA e DHA assunti erano identiche e pari a 1,01 e 0,67 grammi. In nessuno dei partecipanti è stata osservata una variazione nei livelli ematici di colesterolo totale, né in quelli di colesterolo “buono” né in quelli di colesterolo “cattivo”. Rispetto ai pazienti trattati con olio di grano, chi aveva assunto Omega-3 sotto forma di trigliceridi ha mostrato una significativa riduzione delle concentrazioni dei lipidi nel sangue in condizioni di digiuno. Un fenomeno sempre più conosciuto Questi nuovi risultati forniscono ulteriori prove del fatto che non tutti i prodotti a base di Omega-3 si equivalgono. I dati raccolti fino ad oggi dimostrano che EPA e DHA assunti sotto forma di trigliceridi riesterificati sono maggiormente biodisponibili. Ciò significa che la quantità di Omega-3 presente nel sangue dopo l'assunzione dell'integratore è maggiore. Inoltre, EPA e DHA si concentrano nell'organismo in quantità più elevate e più rapidamente quando assunti come trigliceridi. Infine, in questa forma gli Omega-3 contribuiscono a ridurre il livelli ematici di lipidi a digiuno.   Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Schuchardt JP, Neubronner J, Kressel G, Merkel M, von Schacky C, Hahn A, “Moderate doses of EPA and DHA from re-esterified triacylglycerols but not from ethyl-esters lower fasting serum triacylglycerols in statin-treated dyslipidemic subjects: Results from a six month randomized controlled trial”, Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2011 Dec;85(6):381-6. Epub 2011 Aug 20. 2. Neubronner J, Schuchardt JP, Kressel G, Merkel M, von Schacky C, Hahn A, "Enhanced increase of Omega-3 index in response to long-term n-3 fatty acid supplementation from triacylglycerides versus ethyl esters", Eur J Clin Nutr.  2011 Feb;65(2):247-54 3. Dyerberg J, Madsen P, Møller JM, Aardestrup I, Schmidt EB, “Bioavailability of marine n-3 fatty acid formulations Original Research Article”, Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2010 Sep;83(3):137-4


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Sistema cardiovascolare, Trigliceridi, Arterie e vasi sanguigni, Tipologie di Omega-3

  • Trigliceridi riesterificati aumentano biodisponibilità Omega-3 del 70%

    L'organismo assorbe e utilizza meglio gli Omega-3 assunti sotto forma di trigliceridi riesterificati. A dimostrarlo è una ricerca di uno dei massimi esperti di Omega-3, Jorn Dyerberg. Secondo l'epidemiologo danese e i suoi colleghi dell'Università di Copenhagen e dell'Ospedale di Aalborg (Danimarca), la biodisponibilità degli Omega-3 presenti nelle formulazioni di questo tipo è superiore del 50% rispetto a quella delle altre forme, incluso l'olio di fegato di merluzzo. La notizia è apparsa sulle pagine della rivista Prostaglandins, Leukotrienes and Essential Fatty Acids. Alimenti ricchi di Omega-3: i benefici secondo l'esperto I primi indizi sui benefici degli alimenti ricchi di Omega-3, come il pesce grasso, risalgono agli anni Settanta. A scoprirli è stato proprio Dyerberg, che ha svelato la loro utilità nella protezione del sistema cardiovascolare. Da allora, i benefici degli Omega-3 sono stati riconosciuti anche per altri ambiti: benessere delle articolazioni umore sviluppo del feto prevenzione e di alcune forme di cancro Nonostante le numerose ricerche sull'utilità di questi acidi grassi, permane ancora un problema: come assicurare un adeguato apporto di questi preziosi nutrienti. Dyerberg e colleghi hanno sottolineato la mancanza di informazioni precise riguardo alla biodisponibilità dell'EPA e del DHA assunti nelle loro diverse formulazioni. Per questo l'esperto ha deciso di testare la disponibilità di 5 tipi di integratori di olio di pesce presenti sul mercato. Le diverse formulazioni di Omega-3 Negli anni sono state messe a punto diverse formulazioni di Omega-3 concentrati: acidi grassi liberi (free fatty acids, FFA) esteri etilici (EE) trigliceridi riesterificati (rTG) Questi ultimi sono forme ottenute dall'olio di pesce, in cui il 30% circa dei trigliceridi è modificato in modo da aumentare il contenuto degli Omega-3 acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). In questo modo EPA e DHA arrivano a costituire il 60% del contenuto. I dettagli della ricerca Lo studio di Dyerberg e colleghi si è focalizzato sulle differenze tra i trigliceridi naturali qui contenuti: olio di pesce olio di fegato di merluzzo esteri etilici acidi grassi liberi trigliceridi riesterificati In totale sono stati coinvolti 72 individui di età compresa tra i 21 e i 56 anni. Ciascun partecipante ha ricevuto per 2 settimane una dose giornaliera di Omega-3 compresa tra 3,1 e 3,6 grammi di EPA e DHA. Al termine della sperimentazione, i ricercatori hanno rilevato che la biodisponibilità degli Omega-3 è pari al 73% nel caso degli esteri etilici, del 91% nel caso degli acidi grassi liberi e del 124% nel caso dei trigliceridi riesterificati. Gli autori spiegano che se questi dati vengono bilanciati tenendo conto dei dosaggi utilizzati, le biodisponibilità passano al 76, all'86 e al 134%. Risultati inattesi I ricercatori hanno concluso che i trigliceridi riesterificati hanno una biodisponibilità superiore, mentre gli esteri etilici sono le forme meno assorbibili e meno utilizzabili dall'organismo. Gli acidi grassi liberi si pongono in una situazione intermedia, che corrisponde alla biodisponibilità dei trigliceridi contenuti negli oli di pesce naturali. Uno dei risultati più interessanti ottenuti in questo studio è il fatto che la biodisponibilità dei trigliceridi riesterificati sia maggiore di quella degli Omega-3 contenuti nelle forme naturali, soprattutto nell'olio di fegato di merluzzo. Una possibile spiegazione di questo fenomeno potrebbe risiedere nel fatto che le forme riesterificate contengono, oltre ai trigliceridi, anche digliceridi e monogliceridi. Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter. Fonte 1. Dyerberg J, Madsen P, Møller JM, Aardestrup I, Schmidt EB, “Bioavailability of marine n-3 fatty acid formulations”, Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2010 Sep;83(3):137-41.


    Articolo pubblicato in Speciali Omega-3, Tipologie di Omega-3 ed è stato taggato con

Articoli da 11 a 20 di 26 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi