**Page description appears here**
Dagli specialisti in Omega-3 Integratori di qualità e consulenza professionale

Ricevi notizie, consigli e offerte con
Omegor Newsletter

sono sicuro

salute cervello

  • Bassi livelli di Omega-3 compromettono le capacità cognitive

    Livelli di Omega-3 nel sangue più bassi della media riducono le capacità cognitive, ma alimentazione e supplementi potrebbero aiutare a contrastare il problema . Livelli bassi di Omega-3 nell'organismo compromettono le capacità cognitive, ma aumentare il consumo di cibi o supplementi ricchi di queste molecole potrebbe aiutare a riportarle nella norma. A ipotizzarlo sono gli autori di uno studio pubblicato su Nutritional Neuroscience, che hanno dimostrato che avere nel sangue una quantità di questi acidi grassi inferiore alla media della popolazione riduce la flessibilità cognitiva, cioè la capacità, quando necessario, di spostare la propria attenzione da un soggetto ad un altro. Allo stesso tempo, livelli ridotti di Omega-3 sono associati a una diminuzione delle funzioni esecutive, cioè della capacità di pianificare, controllare e coordinare le attività cognitive. L'importanza degli Omega-3 per l'organismo Gli acidi grassi Omega-3 EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) sono importanti sia per lo sviluppo, sia per il funzionamento del sistema nervoso. Non solo, i benefici svolti da queste molecole nei confronti di altri organi e tessuti, sopratutto quelli del sistema cardiovascolare, sono noti da molto tempo. L'organismo umano non è, però, in grado di sintetizzarli in piena autonomia. In particolare, le cellule sanno ottenere DHA a partire dall'EPA, ma la loro capacità di sintetizzare quest'ultimo dal suo precursore (l'acido alfa-linolenico o ALA) è ridotta. L'ALA, a sua volta, non può essere prodotto dall'organismo, perciò è molto importante garantirsi un corretto apporto di Omega-3 attraverso l'alimentazione. Gli effetti della carenza di Omega-3 sul sistema nervoso Già in passato alcuni ricercatori avevano dimostrato che bassi livelli di DHA sono associati ad un aumento del rischio di suicidio fra i militari in missione. Anche gli autori dello studio pubblicato su Nutritional Neuroscience hanno coinvolto nelle loro ricerche un gruppo di militari, scoprendo che la quantità di EPA e DHA presenti nei loro globuli rossi erano inferiori rispetto a quelle rilevabili nella popolazione statunitense della stessa età. In particolare, la percentuale di questi Omega-3 nei globuli rossi dei militari era del 3,5%, contro il 4,5% tipico della popolazione coetanea. I ricercatori non si sono sorpresi molto per questa differenza, giustificabile con l'alimentazione seguita dai militari in missione, in genere povera di Omega-3. Più sorprendente è stato, invece, scoprire che bassi livelli di questi nutrienti fossero associati a minore flessibilità cognitiva e a funzioni esecutive ridotte. L'analisi dei dati raccolti durante test psicosociali e neurocognitivi ha, inoltre, svelato che il legame tra bassi livelli di Omega-3 e ridotte capacità cognitive era particolarmente stretta in chi ha dichiarato di soffrire di disturbi del sonno. Non solo, i militari che non riuscivano a riposare bene, ma che avevano livelli di Omega-3 superiori rispetto alla media dei partecipanti allo studio sono parsi avere una maggiore capacità di recupero dalla stanchezza e migliori flessibilità cognitiva e funzioni esecutive.  Nutrire il cervello con gli Omega-3 L'ipotesi elaborata dagli autori è che la diminuzione delle capacità cognitive potrebbe essere contrastata aumentando i livelli di EPA e DHA nell'organismo sia mangiando più cibi ricchi di Omega-3, sia assumendo supplementi a base di olio di pesce. Lo studio mirato a verificare questa ipotesi è già stato condotto. La pubblicazione dei suoi risultati è attesa entro la fine di quest'anno.   Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.         Fonte 1. Johnston DT, Deuster PA, Harris WS, Macrae H, Dretsch MN, “Red blood cell omega-3 fatty acid levels and neurocognitive performance in deployed U.S. Servicemembers”, Nutr Neurosci. 2012 Jun 28 2. Lewis MD, Hibbeln JR, Johnson JE, Lin YH, Hyun DY, Loewke JD, “Suicide deaths of active-duty US military and omega-3 fatty-acid status: a case-control comparison”, J Clin Psychiatry. 2011 Dec;72(12):1585-90. Epub 2011 Aug 23  


    Articolo pubblicato in Neonati e bambini, Sistema nervoso, Età neonatale ed è stato taggato con

  • Gli Omega-3 contrastano i danni del fruttosio sul cervello

    I cibi ricchi di Omega-3 minimizzano i danni al cervello causati da elevate quantità di fruttosio, come il rallentamento delle capacità di memoria e di apprendimento. Fernando Gomez-Pinilla e  Rahul Agrawal, ricercatori dell'Università della California di Los Angeles (Stati Uniti), lo rivelano in uno studio pubblicato sul Journal of Physiology1. La scoperta aggiunge nuovi benefici all'azione svolta da questi acidi grassi a livello del cervello. Il fruttosio: zucchero nemico del cervello Il fruttosio è conosciuto per essere lo "zucchero della frutta". È altresì utilizzato nell'industria alimentare: ad esempio, le bibite gassate ne contengono quantità molto elevate. Gli studi di Gomez-Pinilla e Agrawal si sono concentrati proprio su questo particolare. Lo studio Nell'arco di 6 settimane, i ricercatori hanno valutato la capacità di 2 gruppi di ratti di imparare a percorrere un labirinto e riuscire a ricordarne la via di uscita. Uno è stato alimentato con una dieta ricca di fruttosio. L'altro è stato nutrito solo con cibi salutari. I risultati sono stati sorprendenti: i ratti che avevano ricevuto fruttosio erano molto più lenti rispetto agli altri. Analisi più approfondite evidenziano che assumere dosi elevate di fruttosio blocca la capacità dell'insulina di regolare l'uso e l'immagazzinamento degli zuccheri necessari per processare i pensieri e le emozioni. Di conseguenza, le cellule del cervello hanno difficoltà a comunicare tra di loro. Per questo motivo i ratti non riuscivano a pensare e ricordare bene la via di uscita dal labirinto, precedentemente memorizzata. Contrastare l'azione del fruttosio con gli Omega-3 Nel corso della stessa ricerca, gli autori hanno confrontato l'effetto del fruttosio con quello degli Omega-3. Introdurre nella dieta, insieme allo zucchero, cibi ricchi di questi acidi grassi (come noci o salmone) contrastata in modo efficace l'azione del fruttosio. Integrare la propria alimentazione a base di Omega-3 può proteggere infatti il cervello dall'azione negativa di alcune sostanze contenute nelle bibite gassate. Zucchero naturale e zucchero aggiunto: differenze Gomez-Pinilla sottolinea che il consumo a lungo termine di quantità elevate di fruttosio altera le capacità del cervello di apprendere e conservare le informazioni. Lo stesso ricercatore precisa che ad essere preoccupante è l'aggiunta di dolcificante o conservante in alcuni prodotti alimentari, sotto forma di sciroppo di mais, di certo non lo zucchero contenuto nella frutta. Pertanto, l'esperto consiglia di: preferire, ad esempio, uno yogurt alla frutta a un dolce confezionato; aumentare il consumo di Omega-3 per minimizzare i danni causati dal fruttosio.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.       Fonte 1. Agrawal R, Gomez-Pinilla F, “'Metabolic syndrome' in the brain: deficiency in omega-3 fatty acid exacerbates dysfunctions in insulin receptor signalling and cognition”, J Physiol. 2012 May 15;590(Pt 10):2485-99. Epub 2012 Apr 2


    Articolo pubblicato in Sistema nervoso, Approfondimenti sistema nervoso ed è stato taggato con

  • Omega-3 e bambini: capacità cognitive influenzate soprattutto nelle femmine

    L'aumento dell'assunzione di Omega-3 e la contemporanea diminuzione degli Omega-6 introdotti con l'alimentazione possono migliorare le capacità cognitive nei bambini e nei ragazzi, soprattutto se femmine. A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Frontiers in Evolutionary Neuroscience, in cui William Lassek dell'Università di Pittsburgh e Steven Gaulin dell'Università della California di Santa Barbara (Stati Uniti) hanno analizzato l'effetto dell'assunzione di questi acidi grassi sulle capacità cognitive dei bambini. I risultati ottenuti indicano che i regimi alimentari tipici dei paesi occidentali, sbilanciati a favore degli Omega-6, potrebbero influenzare negativamente l'apprendimento. Omega-3 e cervello L'acido docosaesaenoico (DHA), Omega-3 di cui sono ricchi i pesci grassi di provenienza marina, è uno dei componenti principali delle strutture nervose e può arrivare a costituire il 10% del peso secco del cervello umano. Il fabbisogno di questo nutriente è particolarmente elevato nelle donne. Infatti durante la gravidanza le future mamme forniscono ai bambini il DHA necessario per lo sviluppo del cervello prelevandolo dalle scorte di grasso accumulate nell'infanzia. Non solo: diversi studi hanno dimostrato l'esistenza di una correlazione tra i livelli di Omega-3 nell'alimentazione delle donne incinte e nel latte materno o artificiale e le capacità cognitive dei bambini. Per approfondire la conoscenza del ruolo svolto da questi acidi grassi nei 2 sessi, Lassek e Gaulin hanno deciso di valutare l'effetto di una dieta ricca di Omega-3 ponendo attenzione alle eventuali differenze nei benefici ottenuti nei maschi e nelle femmine. Lo studio La ricerca ha coinvolto più di 4.000 ragazzi statunitensi di età compresa tra i 6 e i 16 anni: 2.253 erano maschi e 2.309 femmine. Ciascun partecipante è stato sottoposto a test per la valutazione delle capacità cognitive sia in ambito matematico sia nella lettura. L'analisi combinata dei risultati ottenuti in questi test nonché del contenuto di acidi grassi dell'alimentazione seguita dai ragazzi ha svelato che maggiore è la quantità di Omega-3 introdotti con la dieta, migliori sono i punteggi ottenuti nei test sia dai ragazzi che dalle ragazze. In queste ultime, l'effetto positivo dell'assunzione di Omega-3 è doppio rispetto a quanto ottenibile nei maschi. Viceversa, solo nelle ragazze tanto più è elevata la quantità di Omega-6 assunti per via alimentare, tanto più negativi sono i risultati dei test sulle capacità di apprendimento. Nelle femmine, un rapporto tra Omega-6 e Omega-3 sbilanciato a favore dei primi è associato all'ottenimento di punteggi inferiori in questi test Intelligenza, una questione di acidi grassi Lassek e Gaulin hanno concluso che nei ragazzi un aumento dell'assunzione quotidiana di Omega-3 corrispondente a 1 grammo può migliorare i risultati ottenuti nei test di apprendimento di 0,19 punti. Nelle ragazze, invece, aumentare la dose giornaliera gli Omega-3 di 1 grammo può far aumentare il punteggio ottenuto di 0,38 punti. Questi risultati potrebbero aiutare nella pianificazione di iniziative per la tutela della salute pubblica basate su una maggiore conoscenza dei benefici derivanti dall'assunzione di Omega-3 e degli svantaggi causati dal consumo eccessivo di Omega-6.     Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.     Fonte 1. Lassek WD, Gaulin SJ, “Sex differences in the relationship of dietary Fatty acids to cognitive measures in american children”, Front Evol Neurosci. 2011;3:5. Epub 2011 Nov 2


    Articolo pubblicato in Neonati e bambini, Età pediatrica ed è stato taggato con

3 Articoli

 

Iscriviti a Omegor Newsletter e ricevi subito nella tua casella email

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.


*valido solo per i nuovi iscritti al sito web Chiudi
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi