**Page description appears here**
Dal 2005, omega-3 di qualità certificata. Ti puoi fidare!

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Ricevi notizie, consigli e offerte con Omegor Newsletter

sono sicuro

Obesità: il resveratrolo riduce la produzione della proteina trasportatrice del colesterolo

Ci sono 0 commenti

Obesità: il resveratrolo riduce il colesterolo

La supplementazione con alte dosi di resveratrolo aiuterebbe a contrastare il colesterolo LDL, nelle persone obese o in sovrappeso. In particolare, il composto sembra ridurre la produzione della apolipoproteina B, molecola strutturale e di trasporto del cosiddetto “colesterolo cattivo”.

Lo riporta una ricerca pubblicata sulla rivista Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology.  Lo studio, condotto dai ricercatori dell’University of Toronto (Ontario),è il primo a dimostrare gli effetti negli umani, del resveratrolo sulla produzione delle lipoproteine epatiche e intestinali.

ApoB-48 e ApoB-100 trasportano i lipidi

Obesità: il resveratrolo riduce la produzione della proteina trasportatrice del colesteroloIl colesterolo e i trigliceridi vengono trasportati nel sangue sotto forma di particelle lipoproteiche.

Queste differiscono per la loro diversa composizione lipidica e proteica e sono distinte in: chilomicroni, VLDL (lipoproteine a densità molto bassa), IDL (lipoproteine a densità intermedia), LDL (lipoproteine a densità bassa) e HDL (lipoproteine a densità alta).

Passando dai chilomicroni alle HDL il rapporto tra contenuto lipidico e quello proteico diminuisce.

La componente proteica di queste molecole è rappresentata dalle apolipoproteine.

Le LDL, i fondamentali trasportatori del colesterolo ai tessuti, possiedono come apolipoproteina principale la ApoB.

Esistono due forme di ApoB: ApoB-48 che è prodotta dall’intestino ed è la proteina di trasporto dei chilomicroni e  l’ApoB-100, prodotta dal fegato, che si lega alle lipoproteine VLDL, LDL, IDL

Secondo i ricercatori l’incremento della produzione delle ApoB in condizioni di obesità, sovrappeso o insulino-resistenza può contribuire all’aterosclerosi.

Il resveratrolo è un composto bioattivo, presente nell’uva e in altri vegetali al quale, negli ultimi anni, sono state attribuite numerose proprietà.

Ad esempio, grazie alla sua attività antiossidante può ridurre l’ossidazione delle LDL e contrastare la formazione delle placche aterosclerotiche.

Il resveratrolo riduce la produzione di ApoB

Lo studio ha coinvolto 8 uomini in sovrappeso o obesi, con un livello di trigliceridi moderato. Essi sono stati divisi in due gruppi, uno a cui è stato somministrato il resveratrolo e a seguire il placebo, l’altro che ha ricevuto prima il placebo, poi il supplemento.

Il resveratrolo è stato somministrato per una settimana in dosi di 1000 mg al giorno, seguita da due settimane in dosi da 2000 mg al giorno.

Le analisi sui soggetti, a 4 e 6 settimane dal trattamento, hanno mostrato che a seguito della somministrazione di resveratrolo, il tasso di produzione di ApoB-48 era ridotto del 22% e quello di ApoB-100 del 27%.

Inoltre, il resveratrolo diminuiva del 26% il tasso catabolico frazionale, cioè la frequenza di frammentazione, della ApoB-100, mentre non aveva effetto su quello della ApoB-48.

Non erano invece modificate la sensibilità all’insulina e il livello dei trigliceridi.

La rilevanza clinica di questi dati deve essere approfondita, in quanto non c’è una diminuzione netta della concentrazione di ApoB-100, a causa della variazione del tasso catabolico.

Per quanto riguarda ApoB-48 invece la mancanza di significatività statistica potrebbe essere dovuta alla carenza di adeguate quantità di campioni, alla scarsa durata del trattamento o alla presenza di una leggera ipertrigliceridemia nei soggetti.

Tuttavia questi dati sono in linea con un recente studio, in cui 6 mesi di trattamento con basse dosi di resveratrolo (8 mg) diminuiva la concentrazione plasmatica di ApoB, in pazienti con ipercolesterolemia.

Il resveratrolo riduce la sintesi LDL

Secondo i ricercatori, i risultati indicano che 2 settimane di alte dosi di resveratrolo sono sufficienti a ridurre la produzione di ApoB e di lipoproteine, in particolare LDL e il suo precursore VLDL.

Le LDL rappresentano il cosiddetto “colesterolo cattivo” e sono associate allo sviluppo di patologie cardiovascolari e al diabete di tipo 2.

Tali risultati sono compatibili con quelli di studi precedenti, in cui il resveratrolo si è dimostrato in grado di ridurre il rischio di sindrome metabolica e diabete di tipo 2.

Studi a lungo termine saranno comunque necessari per valutare il potenziale clinico del resveratrolo, nei pazienti con elevate concentrazioni di trigliceridi e alti livelli di ApoB-48 e ApoB-100.

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla ricerca scientifica sugli Omega-3 iscriviti alla nostra newsletter.

• Per approfondire sul mondo degli acidi grassi, sull'olio di pesce come l'olio di fegato di merluzzo, su cosa sono esattamente i famosi epa dha e per scoprire tutto su omega 3 benefici, integratori omega 3 come l'eskim, omega 3 controindicazioni, omega 3 alimenti ed anche tutto a riguardo dei "cugini" degli Omega 3, ovvero gli Omega 6, clicca sui rispettivi links.

Fonte: Satya Dash, Changting Xiao, Cecilia Morgantini, Linda Szeto, Gary F. Lewis “High-Dose Resveratrol Treatment for 2 Weeks Inhibits Intestinal and Hepatic Lipoprotein Production in Overweight/Obese Men” Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2013 Dec;33(12):2895-901


Articolo pubblicato in Problemi di peso ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi

Abbiamo un Regalo PER TE!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto del 5% nella tua casella email

 valido solo per i nuovi iscritti al sito web