**Page description appears here**

Spedizione Express 24/48h Gratis con DHL e UPS per tutti gli ordini!

Dal 2005, omega-3 di qualità certificata. Ti puoi fidare!

Non ci sono articoli nel tuo carrello.

Offerta Speciale! Ricevi subito un Buono Sconto del 5% in segno di benvenuto. Clicca qui per i dettagli

Ricevi notizie, consigli e offerte con Omegor Newsletter

sono sicuro

Quali sono i fattori di rischio cardiovascolare?

Ci sono 0 commenti

I fattori di rischio cardiovascolare mettono in pericolo sia la salute del cuore sia quella del cervello. Ecco quali sono e su quali è possibile agire.

I fattori di rischio cardiovascolare rappresentano una seria minaccia per la salute degli italiani. Ogni anno, infatti, ben il 44% dei decessi registrati nel Belpaese ha alla sua base proprio una causa cardiovascolare.

Più in particolare, la prima causa di decesso in Italia è la cardiopatia ischemica, responsabile del 28% di tutte le morti. Ma a correre rischi non è solo il cuore: compromettendo la salute delle arterie i fattori di rischio cardiovascolare mettono in pericolo anche il cervello.

Nemmeno in questo caso la situazione deve essere sottovalutata. Gli eventi cerebrovascolari sono infatti responsabili del 13% dei decessi
registrati in Italia, e si piazzano così al terzo posto delle cause di morte più frequenti nella popolazione dello Stivale.

Ma quali sono i fattori in grado di aumentare il rischio cardiovascolare?

Fattori di rischio cardiovascolare modificabili e non modificabili

Purtroppo i fattori di rischio cardiovascolare non sono sempre caratteristiche o comportamenti modificabili. Uno, ad esempio, è il genere; gli uomini, infatti, corrono un maggior rischio di attacchi di cuore rispetto alle donne, e non solo: tendono anche ad averne in età più giovane.

Il fatto di essere uomini non può essere modificato, e per questo viene inserito nell'elenco dei fattori di rischio cardiovascolare non modificabili, insieme:

  • all'età: la maggior parte dei decessi per malattia coronarica riguarda individui di età superiore ai 65 anni;
  • a fattori ereditari: avere genitori cui è stata diagnosticata una malattia cardiaca aumenta la probabilità di ritrovarsi alle prese con un disturbo cardiovascolare, così come appartenere ad alcune etnie. I caucasici, ad esempio, corrono un rischio inferiore rispetto a quello corso dagli afroamericani, e anche gli americani di origine messicana, pellerossa, hawaiana e asiatica sono predisposti a un maggior rischio di malattie cardiache.

Inoltre nel caso delle donne anche la menopausa è un fattore di rischio.

Altri fattori sono invece modificabili. Ciò significa che i problemi a cuore e arterie non sono inevitabili e che agendo sui propri comportamenti per ridurre il proprio rischio cardiovascolare.

I principali fattori di rischio cardiovascolare modificabili sono:

  • il fumo, che aumenta il rischio di problemi al cuore anche quando è fumo passivo;
  • il colesterolo alto, che può essere influenzato dalle abitudini alimentari;
  • i trigliceridi alti, che insieme a livelli elevati di colesterolo “cattivo” e livelli bassi di colesterolo “buono” è associato all'aterosclerosi (l'accumulo di depositi di grasso nella parete delle arterie che aumenta il rischio di infarto e ictus);
  • la pressione alta;
  • la mancanza di attività fisica;
  • il sovrappeso e l'obesità;
  • il diabete.

Fattori di rischio cardiovascolare e stile di vita: come agire?

Evitare il fumo e assicurarsi un'attività fisica regolare sono quindi due buone abitudini che aiutano a ridurre il rischio cardiovascolare, ma potrebbero non essere le uniche.

Sembra infatti che per proteggere cuore e arterie si possa agire anche su altri aspetti dello stile di vita, in particolare sullo stress e sul consumo di alcol – entrambi da limitare. E anche l'alimentazione può essere di grande aiuto.

Immaginare perché è semplice: un'alimentazione adeguata aiuta a mantenere i livelli di grassi nel sangue nella norma, a evitare sovrappeso e obesità e a combattere pressione alta e diabete, ma non solo. Alcuni nutrienti specifici, come gli Omega-3, sono stati associati a benefici per il cuore, utili soprattutto per chi ha già avuto a che fare con un evento cardiaco.

Per aumentare il consumo di Omega-3 è possibile fare affidamento sia sul pesce grasso (come il salmone, lo sgombro e l'aringa) e sugli integratori alimentari, in particolare sull'olio di pesce e sull'olio di fegato di merluzzo. Attenzione, però: è sempre bene scegliere prodotti di qualità elevata e certificata.

 

Fonti:

·      Epicentro. Malattie cardiovascolari. https://goo.gl/zgxszY, 13/04/18

·      American Heart Association. Understand your Risk to Prevent a Heart Attack. https://goo.gl/VD1sNi, 13/04/18

·      Mori TA. Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: epidemiology and effects on cardiometabolic risk factors. Food Funct. 2014 Sep;5(9):2004-19. doi: 10.1039/c4fo00393d

Immagine: Pixabay


Articolo pubblicato in Speciale cuore, 1. Fattori di rischio cardiovascolare ed è stato taggato con




Lascia un Commento
  •  
 

Omegor Newsletter ti tiene aggiornato delle utime scoperte sui benefici degli omega-3 per la salute, contiene le risposte dei nostri esperti farmacisti alle domande dei lettori e gustose offerte promozionali sui nostri prodotti

Ho preso visione dell’ Informativa Privacy D.Lgs.30.06.2003 n. 196.
Acconsento al trattamento dei miei dati(indirizzo di posta
elettronica) per finalita di marketing.



Chiudi

Abbiamo un Regalo PER TE!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto del 5% nella tua casella email

 valido solo per i nuovi iscritti al sito web